Domenica 20 Gennaio 2019 | 15:42

NEWS DALLA SEZIONE

Città che cambia
Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

 
L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante buttato giù dalla bici, presi gli aggressori: «Non era razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 

da tre mesi agli arresti

Bari, tangenti al Petruzzelli
imprenditore resta ai domiciliari

Il gip: potrebbe ripetere azioni delittuose avendo contatti con altri soggetti della Fondazione

teatro Petruzzelli

Resta ai domiciliari l’imprenditore barese Franco Mele, arrestato il 12 gennaio scorso nell’ambito dell’indagine della Procura di Bari per corruzione sulle presunte tangenti in cambio di appalti e incarichi al teatro Petruzzelli. Insieme con Mele furono arrestati altri tre imprenditori (Giacomo Delle Noci, Vito Armenise e Nicola Losito, tutti ancora ai domiciliari) e l’ex direttore amministrativo del Teatro Vito Longo (tornato in libertà nei giorni scorsi). Il gip del Tribunale di Bari Giovanni Anglana ha rigettato la richiesta di revoca della misura cautelare presentata dal difensore di Mele, l’avvocato Nicola Quaranta. Il giudice ritiene infatti che, nonostante il licenziamento del coindagato Longo, Mele «è un imprenditore operante nel settore dei servizi teatrali e tornerebbe certamente a porre in essere analoghe condotte delittuose ripristinando i contatti con altri soggetti organici alla Fondazione nei cui confronti sono in corso accertamenti».
Secondo il gip anche «il mancato rinnovo del contratto (comunicato a Mele con una lettera inviata dalla Fondazione a dicembre, ndr) costituisce, al più, una ragione ulteriore per cercare di accreditarsi nuovamente presso l’ente e tornare ad operare in modo illecito».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400