Venerdì 30 Settembre 2022 | 14:26

In Puglia e Basilicata

Il caso

Baby gang in azione a Bitonto: in poche ore 40enne scippato e ristoratore picchiato da 15 ragazzini

Martano, baby gang terrorizzava da mesi un uomo con problemi

Due aggressioni poco dopo la mezzanotte: un ristoratore è stato picchiato dopo aver rimproverato il gruppo, e la baby gang ha tirato un pugno a 40enne per uno scippo

14 Agosto 2022

Redazione online

BARI - Due aggressioni che vedrebbero come autori minorenni si sono verificate ieri sera a Bitonto, nel Barese. Poco dopo la mezzanotte un gruppo di adolescenti avrebbe accerchiato e picchiato il titolare di un locale in piazza Castello, nel centro storico, dopo che lui li aveva rimproverati perché stavano importunando i clienti seduti ai tavolini all’esterno. Dopo averlo accerchiato e picchiato, il gruppo di ragazzini, che nel frattempo aveva anche chiamato rinforzi, avrebbe anche danneggiato il locale lanciando e rompendo sedie e tavolini, per poi fuggire. Sull'episodio indagano i carabinieri, che stanno acquisendo i filmati delle telecamere di videosorveglianza per identificare i presunti aggressori.
La stessa sera, alcune ore prima, nella vicina piazza Cavour, sempre nel centro storico, un 40enne sarebbe stato aggredito con un pugno al volto da un adolescente che lo avrebbe inseguito dopo un tentativo fallito di scippargli il borsello. Su questa vicenda indaga la Polizia. 

«Mi sto interfacciando con i vertici delle forze dell’ordine per sollecitare interventi di maggiore presidio sul territorio anche a seguito di quanto concordato solo poche settimane fa in sede di comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza». Lo dichiara il sindaco di Bitonto (Bari), Francesco Paolo Ricci, all’indomani delle due aggressioni di ieri sera, nel centro storico, da parte di minorenni. «Sto inoltrando agli organi competenti una nota scritta con specifiche richieste a tutela del nostro territorio - dice Ricci - . Come amministrazione non escludo, anche con il coinvolgimento dell’opposizione, azioni decise di sensibilizzazione sul tema della sicurezza particolarmente avvertito dai cittadini. La stragrande maggioranza dei cittadini vuole bene alla città ed è per loro che mi assumo ogni responsabilità. Non consentirò e non consentiremo che chi rema contro il bene della nostra comunità, abbia la meglio».

IN 15 PRENDONO A SCHIAFFI RISTORATORE

Sarebbero almeno 15 i componenti del gruppo di giovanissimi, tra i quali diverse ragazze, che dopo la mezzanotte di ieri, nel centro storico di Bitonto, nel Barese, avrebbero aggredito il titolare di una norcineria che poco prima li aveva rimproverati. I carabinieri stanno ricostruendo la dinamica dell’aggressione. Hanno raccolto la denuncia del ristoratore e in queste ore stanno raccogliendo le dichiarazioni di alcuni testimoni, in attesa di verificare i fatti dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza in corso di acquisizione. Stando a quanto accertato fino a questo momento, il titolare del locale avrebbe rimproverato con veemenza il gruppo di ragazzi, apparentemente minorenni ma ancora in in corso di identificazione, che si intratteneva di fronte alla norcineria. In risposta al rimprovero, il gruppo avrebbe accerchiato il ristoratore aggredendolo con schiaffi e calci e danneggiando alcune suppellettili del locale.

SISTO: SUBITO COMITATO DI SICUREZZA

«Dopo la grave aggressione perpetrata dai giovanissimi componenti di una baby gang nei confronti di un ristoratore di Bitonto, ho avuto dei colloqui con il Prefetto e con il Questore di Bari. La mala movida e la violenza giovanile sono fenomeni che vanno contrastati sempre, e con ancora più forza nel periodo estivo, a fronte degli importanti flussi turistici che interessano la Puglia». Lo dichiara il deputato di Forza Italia e Sottosegretario alla Giustizia Francesco Paolo Sisto. «L'aggravarsi della situazione - prosegue - rende necessaria una nuova riunione del Comitato per la sicurezza e l'ordine pubblico per affrontare il tema, anche incrementando la sinergia con le polizie municipali. Rafforzare, in tale emergenza, i presidi di quartiere potrebbe costituire valido dissuasore acché episodi di questo genere possano nuovamente verificarsi», conclude Sisto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725