Lunedì 17 Maggio 2021 | 23:41

NEWS DALLA SEZIONE

L'impatto
Bari, due incidenti in tangenziale in direzione Brindisi: un ferito

Bari, due incidenti in tangenziale in direzione Brindisi: un ferito

 
L'intervista
Bari, Emiliano in visita alla Gazzetta: «Inizia una nuova era»

Bari, Emiliano in visita alla Gazzetta: «Inizia una nuova era»

 
Norme anti covid
Prima settimana in zona gialla in Puglia: 200 le sanzioni nel Barese

Prima settimana in zona gialla in Puglia: 200 le sanzioni nel Barese

 
Poesia
Poetry Slam, l'Italia vince la Coppa del Mondo con il barese Giuliano Logos

Poetry Slam, l'Italia vince la Coppa del Mondo con il barese Giuliano Logos

 
Il protocollo
Lotta contro la Sma, Asl Bari pronta ad avviare screening neonatali

Lotta contro la Sma, Asl Bari pronta ad avviare screening neonatali

 
Il caso
Gli ortodossi russi tornano in Basilica dopo due anni

Bari, gli ortodossi russi tornano in Basilica dopo due anni

 
Letteratura
Festival, il «Libro Possibile» compie 20 anni e raddoppia, a Polignano e Vieste

Festival, il «Libro Possibile» compie 20 anni e raddoppia, a Polignano e Vieste

 
L'operazione
Droga: 35 misure cautelari in tutta Italia, 12 sono capi e componenti clan Palermiti di Bari

Droga Bari: 34 arresti, coinvolti in 12 vicini al clan Palermiti. Documentati 25mila episodi in un anno VIDEO

 

Il Biancorosso

Serie C
Calcio, ecco la storia di Bari-Foggia

Calcio, ecco la storia di Bari-Foggia

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl siderurgico
Taranto, ex Ilva: sindacati chiedono conferma "una tantum" del 3%

Taranto, ex Ilva: sindacati chiedono conferma "una tantum" del 3%

 
BariL'impatto
Bari, due incidenti in tangenziale in direzione Brindisi: un ferito

Bari, due incidenti in tangenziale in direzione Brindisi: un ferito

 
LecceIl caso
Tap: al via market test per espansione capacità gasdotto

Tap: al via market test per espansione capacità gasdotto

 
FoggiaL'incidente
Foggia, carambola tra tre auto in via Lucera: un ferito

Foggia, carambola tra tre auto in via Lucera: un ferito

 
BatAd Andria
Arsenale sequestrato a ex gip, De Benedictis ammette: «Mie solo alcune di quelle armi»

Arsenale sequestrato a ex gip, De Benedictis ammette: «Mie solo alcune di quelle armi»

 
MateraLa scorsa notte
Matera, incendio in capannone area industriale: danni

Matera, incendio in capannone area industriale: danni

 
BrindisiTerritorio
Torre Guaceto tra le migliori aree protette dell’intero Mediterraneo

Torre Guaceto tra le migliori aree protette dell’intero Mediterraneo

 

i più letti

Il personaggio

A Bari i funerali blindati del boss Mercante

«Pinuccio u' drogat» fu intercettato mentre dava lezioni di mafia ai sodali

A Bari i funerali blindati  del  boss Mercante

Bari - Si sono tenuti ieri mattina, in un cimitero blindatissimo, i funerali di  Giuseppe Mercante, noto negli ambienti della mala come «Pinuccio u' drogat».  La cerimonia funebre è stata celebrata nella cappella del cimitero monumentale di Bari alla presenza di pochissimi familiari: sia i viali della necropoli che il perimetro urbano esterno sono stati presidiati da decine tra carabinieri e agenti di polizia. Mercante, d'altronde, non era «uno qualsiasi»: il grado di  «vangelo» della camorra barese gli era stato conferito nella notte dei tempi dal mesagnese Giuseppe Rogoli, consegnato alla storia criminale come uno dei fondatori della Sacra corona unita.

Mercante, 68 anni,  è morto nei giorni scorsi nel Policlinico barese a causa delle patologie che lo fiaccavano da anni, anche esito dell'agguato al quale era miracolosamente riuscito a sopravvivere nell'agosto del 2012.  «Pinuccio u’ drogat», come già detto,  non era uno qualunque: negli anni Ottanta era  già un personaggio nella mala barese, faceva usura e contrabbando di sigarette, era «vangelo» al pari di Francesco «il dado» Biancoli. Il salto di qualità arriva nei decenni successivi: la droga, le armi, la guerra. I clan che si sterminano per il controllo dei quartieri, dal Libertà al San Paolo, da Barivecchia a Japigia tutto diventa una polveriera. 

Il «vecchio» Mercante sopravvive a molti dei suoi coetanei criminali. Alla fine diventa un «mammasantissima»: nelle intercettazioni allegate ai fascicoli di inchiesta che lo riguardano,  viene definito dai suoi sodali un «uomo di pace» per la sua capacità di «comporre i dissidi interni al clan e con gli altri gruppi criminali». Di più: ai sodali tiene «lezioni di mafia» in un bar del quartiere Libertà. «Nella vita tre cose sono importanti – la sua «lezione» intercettata nel bar – omertà, rispetto, dignità dell’uomo».  Protagonista della scena criminale anche negli ultimi anni, pur non avendo mai subito una condanna per 416 bis,  di fatto gestiva al di fuori della legge i rapporti con gli stessi colletti bianchi: che dire di quel medico del Policlinico che si rivolge a «Pinuccio»  per avere indietro due motorini rubati? 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie