Sabato 17 Aprile 2021 | 06:34

NEWS DALLA SEZIONE

l'iniziativa
Bari, infermieri del Di Venere su tute Covid: «DDL ZAN» contro discriminazioni di genere

Bari, infermieri del Di Venere su tute Covid: «DDL ZAN» contro discriminazioni di genere

 
la decisione
Bari, Parco della giustizia escluso dalla grandi opere: «Grave disattenzione verso emergenza gravissima»

Bari, Parco della giustizia escluso dalle grandi opere: «Grave disattenzione verso emergenza gravissima»

 
La città dei bambini
Bari, pronte a Japigia le giostrine per l'infanzia

Bari, pronte a Japigia le giostrine per l'infanzia

 
Serie C
Verso Bari-Palermo: Celiento verso il rientro

Verso Bari-Palermo: Celiento verso il rientro

 
L'emergenza
Policlinico Bari, vaccini anti Covid a pazienti con malattie rare. Domani dosi ad autistici over 16

Policlinico Bari, vaccini anti Covid a pazienti con malattie rare
Domani dosi ad autistici over 16

 
il documento
Bari, rapina in banca: minaccia cassiere con taglierino poi scappa con l'incasso

Popolare di Puglia e Basilicata, assemblea soci approva bilancio 2020

 
Covid
Bari, tamponi per il personale dei nidi e delle scuole d'infanzia comunali

Bari, tamponi per il personale dei nidi e delle scuole d'infanzia comunali

 
I numeri
Covid, da quando c'è la zona rossa nel Barese 4 sanzioni ogni ora

Covid, da quando c'è la zona rossa nel Barese 4 sanzioni ogni ora

 
L'emergenza
Bari, attesa di ore per la consegna dei vaccini ai medici di base

Bari, attesa di ore per la consegna dei vaccini ai medici di base

 
Nel Barese
Altamura, minore ha in casa eroina, cocaina e una pistola: scoperto dai carabinieri

Altamura, minore ha in casa eroina, cocaina e una pistola: scoperto dai carabinieri

 
La storia
Bari, sconfigge il Covid a 98 anni: «La mia arma? La pasta fatta in casa»

Bari, sconfigge il Covid a 98 anni: «La mia arma? La pasta fatta in casa»

 

Il Biancorosso

Serie C
Gli ex di Bari-Palermo: Floriano, il "re" della serie D

Gli ex di Bari-Palermo: Floriano, il «re» della serie D

 

NEWS DALLE PROVINCE

Newsweekl'iniziativa
Bari, infermieri del Di Venere su tute Covid: «DDL ZAN» contro discriminazioni di genere

Bari, infermieri del Di Venere su tute Covid: «DDL ZAN» contro discriminazioni di genere

 
Tarantola protesta
Mittal Taranto, presidio al Mise il 22 aprile per operaio licenziato

Mittal Taranto, sciopero e presidio al Mise il 22 aprile per operaio licenziato

 
Leccel'esposto
Galatina, donna incinta abortisce dopo essere andata in ospedale per controllo e rimandata a casa

Galatina, donna incinta abortisce dopo essere andata in ospedale per controllo e rimandata a casa

 
PotenzaL'intervento
Stellantis di Melfi, il sottosegretario Moles: «No si perda neanche un posto di lavoro»

Stellantis di Melfi, il sottosegretario Moles: «Non si perda neanche un posto di lavoro»

 
Foggiala denuncia
Foggia, assistenza psichiatrica insufficiente nel carcere: uno specialista per poche ore al giorno

Foggia, assistenza psichiatrica insufficiente nel carcere: uno specialista per poche ore al giorno

 
Batla decisione
Popolare Bari, truffa su polizze vita: assolti dipendenti filiale di Barletta

Popolare Bari, truffa su polizze vita: assolti dipendenti filiale di Barletta

 
BasilicataEconomia
Bardi: «Con Recovery Fund ridurre divario fra Nord e Sud»

Bardi: «Con Recovery Fund ridurre divario fra Nord e Sud»

 
Brindisial Perrino
Brindisi, muore povero e solo: la città gli paga il funerale

Brindisi, muore povero e solo: la città gli paga il funerale

 

i più letti

Economia

Brexit, l’onda d’urto colpisce l’export Divella (Confindustria): «Ci sta imponendo grandi sforzi»

Attivato un «help desk» con l’intento di offrire alle aziende il supporto di esperti sugli aspetti doganali del nuovo assetto

Brexit, l’onda d’urto colpisce l’export Divella (Confindustria): «Ci sta imponendo grandi sforzi»

BARI - Due mesi duri in cui le nostre aziende hanno dovuto fare i conti con la dura realtà della Brexit e del mercato inglese diventato un mercato estero a tutti gli effetti. Un passaggio non certo indolore con nuove regole doganali e di documentazioni da seguire. Anche per venire incontro con un supporto concreto alle imprese che operano con il Regno Unito, Confindustria ha attivato un «Help desk Brexit» con l’intento di offrire alle aziende associate la possibilità di interrogare una serie di esperti sugli aspetti doganali che il nuovo assetto delle relazioni tra Europa e Regno Unito sta imponendo.
«L'Help desk sta avendo un gran successo – spiega Francesco Divella vicepresidente Confindustria Bari-Bat con delega all’internazionalizzazione -, grazie anche al supporto che ci ha garantito l'Ice e il Ministero. Gli incontri che sono stati organizzati in modalità digitale hanno dimostrato come regnava tra i colleghi una gran confusione che era indispensabile chiarire. Nell'interesse dei nostri imprenditori e soprattutto delle piccole e piccolissime imprese che non hanno le risorse per affrontare da sole certe difficoltà».

Una cosa è certa: gli effetti Brexit si fanno sentire. «L'uscita dell'Inghilterra dall'Europa sta imponendo a tutti grandi sforzi - spiega Divella -. Si fa sentire lo svantaggio competitivo che alcune nostre imprese sono costrette a subire rispetto a concorrenti inglesi e tempi più lunghi alle dogane. Anche se in questi primi mesi abbiamo notato una caratteristica: l'export food deve seguire meno intoppi burocratici rispetto al no food, probabilmente perché il Regno Unito riesce a produrre solo la metà del suo fabbisogno alimentare. Rendendosi conto che ha necessità di riempire gli scaffali, le procedure sono un po' più snelle. Teniamo anche presente che per l'Italia e per la nostra Regione, l'Inghilterra è il quarto mercato per importanza, quindi è evidente che nessuno ha interesse a fermare l'export di prodotti alimentari».
Differente è invece quando si parla di prodotti non alimentari, come racconterà l'azienda De Robertis di Putignano che produce imballaggi.

«Ad ogni modo a tutti è stato immediatamente chiaro che con Brexit dal primo gennaio si sarebbe dovuto far i conti con un aggravio di costi, tempi e lavoro – sottolinea Divella -. Il prodotto finale diventerà più caro per il cittadino inglese, ma anche le nostre aziende hanno dovuto fare investimenti: nella formazione del personale, in nuovi programmi informatici necessari a seguire i documenti e i contratti necessari, si è ridefinita la catena produttiva, c'è necessità di una etichettatura specifica, nuovi certificati fitosanitari... Le grandi imprese magari possono anche sostenere tutto questo, ma le piccole che sono il nostro tessuto economico, no. In tante non avevano previsto nei bilanci di quest'anno il peso di quest’aggravio e se a questo si aggiunge la pandemia, è chiaro che le difficoltà si moltiplicano. Le piccole e micro aziende non hanno la forza per sostenere i costi di un export manager dedicato. Il supporto di Confindustria va proprio nella direzione di sostenere i processi di esportazione, che sono essenziali per la nostra economia locale».

In sintesi il food regge, ma ci sono interi comparti nostrani che stanno soffrendo. «Tutta la produzione legata al turismo e Horeca – tanto per fare un esempio -. La battuta di arresto più rilevante la registriamo per i mobili, l'abbigliamento, il settore chimico farmaceutico, senza dimenticare i nostri vini. Fortunatamente in aiuto ci sono i processi di digitalizzazione che in questi anni hanno coinvolto in maniera massiccia tutte le nostre imprese. Grazie al sistema digitale siamo riusciti a reggere l'ondata d'urto di Brexit e organizzare i processi di export. Senza la Rete e gli sforzi che le imprese hanno fatto per informatizzarsi oggi sarebbe stato impossibile esportare in Inghilterra». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie