Giovedì 26 Novembre 2020 | 04:36

NEWS DALLA SEZIONE

sanità
Altamura, completata riconversione ospedale: guariti e dimessi i primi 12 pazienti dall’area Covid

Altamura, completata riconversione ospedale: guariti e dimessi i primi 12 pazienti dall’area Covid

 
l'iniziativa
Bari, violenza donne: numeri di emergenza su buste farmacie e confezioni pizze

Bari, violenza donne: numeri di emergenza su buste farmacie e confezioni pizze

 
la replica
Frasi sessiste, la verità del Prof: «Io vittima degli studenti e cultore delle donne sospeso ingiustamente»

Frasi sessiste, la verità del Prof: «Io vittima degli studenti e cultore delle donne sospeso ingiustamente»

 
25 Novembre
Violenza contro le donne in Puglia: calano gli omicidi, aumentano le denunce per stupri e maltrattamenti. Oltre 2mila gli accessi ai Cav

Violenza contro le donne in Puglia: meno omicidi, più stupri e maltrattamenti.
Oltre 2mila gli accessi ai Cav

 
La polemica
Bari, prof sospeso dopo frasi sessiste replica al Rettore: «Nessun passo indietro, parole fraintese»

Bari, prof sospeso dopo frasi sessiste replica al Rettore: «Nessun passo indietro, parole fraintese»

 
Il nuovo impianto
Bari, si accendono le luci nel parco della Caserma Rossani: il videotour di Decaro

Bari, si accendono le luci nel parco della Caserma Rossani: il videotour di Decaro

 
Covid 19
Bari, sindacati denunciano: operatrice Amiu positiva «ha continuato a lavorare». Il caso finisce in aula

Bari, sindacati denunciano: operatrice Amiu positiva «ha continuato a lavorare». Il caso finisce in aula

 
Il caso
Covid 19, focolaio in una Rssa di Bari: 28 contagi e 6 decessi

Covid 19, focolaio in una Rssa di Bari: 28 contagi e 6 decessi

 
Dopo le elezioni
Puglia, la nuova Giunta di Emiliano

Puglia, ecco la prima riunione della nuova Giunta di Emiliano

 
Il virus
Covid, lo sfogo di un anestesista: il terrore, il silenzio e quegli sguardi che ti chiedono aiuto

Covid, lo sfogo di un anestesista: il terrore, il silenzio e quegli sguardi che ti chiedono aiuto

 

Il Biancorosso

25 novembre
Bari calcio, videospot dei biancorossi contro violenza sulle donne

Bari calcio, videospot dei biancorossi contro violenza sulle donne

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatAveva 79 anni
Covid, morto ad Andria Rettore Santuario SS. Salvatore

Covid, morto ad Andria ex rettore Santuario SS. Salvatore

 
LecceSalento
Presicce, sigilli a depuratore: convertito senza autorizzazione

Presicce, sigilli a depuratore: convertito senza autorizzazione

 
Covid news h 24l'appello
Covid in Basilicata, governatore chiede ad Arcuri screening di massa

Covid in Basilicata, governatore chiede ad Arcuri screening di massa

 
Tarantoagricoltura
Taranto, crisi settore clementine: cambiamenti climatici hanno inciso sulla produzione

Taranto, crisi settore clementine: cambiamenti climatici hanno inciso sulla produzione

 
Covid news h 24sanità
Altamura, completata riconversione ospedale: guariti e dimessi i primi 12 pazienti dall’area Covid

Altamura, completata riconversione ospedale: guariti e dimessi i primi 12 pazienti dall’area Covid

 
Brindisiindagini dei CC
Oria, ricercato da aprile, si era nascosto in un «bunker» per sfuggire alla cattura: arrestato 46enne

Oria, ricercato da aprile, si era nascosto in un «bunker» per sfuggire alla cattura: arrestato 46enne

 
Matera25 novembre
Basilicata, in aumento i reati di genere: soprattutto maltrattamenti e violenze sessuali

Basilicata, in aumento i reati di genere: soprattutto maltrattamenti e violenze sessuali

 

i più letti

La nomina

Diocesi Bari-Bitonto, Monsignor Satriano sarà il nuovo arcivescovo

La notizia confermata dal Vaticano. È nato a Brindisi ed è l'attuale vescovo di Rossano-Cariati

Diocesi Bari-Bitonto, Monsignor Satriano sarà il nuovo arcivescovo

Sarà monsignor Giuseppe Satriano, attuale vescovo di Rossano-Cariati, il nuovo arcivescovo della diocesi di Bari-Bitonto. L’annuncio è stato dato oggi a mezzogiorno dalla sala stampa vaticana.

Monsignor Satriano è nato a Brindisi e ha da poco compiuto 60 anni. Figlio di un medico anestesista e di una casalinga, dopo gli anni del liceo, è entrato nel seminario regionale di Molfetta, dove ha avviato la sua formazione sacerdotale. Nel 1985 è stato ordinato presbitero per l’Arcidiocesi di Brindisi-Ostuni. Dal 1997 al 2000 è stato parroco-missionario in Africa. Fra i vari incarichi ricoperti quello di Direttore del seminario diocesano e di vicario generale dell’Arcidiocesi di Brindisi-Ostuni. È stato ordinato vescovo il 6 ottobre 2014 e subito dopo ha preso possesso della diocesi di Rossano-Cariati.

L’Arcidiocesi di Bari-Bitonto è retta dall’8 settembre del 1999 da mons. Francesco Cacucci, che nel 2018 ha raggiunto il canonico limite di 75 anni e ha presentato al Pontefice lettera di dimissioni. Papa Francesco lo ha però prorogato nell’incarico per ben due anni, testimoniando inoltre con la sua attenzione alla Diocesi lo speciale rapporto instaurato. L’ultima presenza del papa a Bari è stata il 20 febbraio scorso – una visita messa in discussione fino all’ultimo perché cominciavano i segnali della pandemia – in occasione dell’incontro con i vescovi del Mediterraneo.

Oltre che con una Diocesi estesa e di grandi tradizioni, proprio con il suo ruolo di ponte con l’Oriente e con le altre religioni dovrà confrontarsi monsignor Satriano, se la notizia della su nomina sarà confermata. Nel corso degli anni, con il magistero di mons. Cacucci, è stato sviluppato e irrobustito il dialogo con le altre fedi e in particolare con la Chiesa ortodossa russa. Un percorso costruito nel tempo grazie anche a predecessori del calibro di mons. Ballestrero, diventato poi cardinale di Torino, e monsignor Magrassi, già abate a Noci.

Memorabile resta il viaggio di una delegazione guidata dall’arcivescovo Cacucci e di cui facevano parte anche il sindaco di Bari, Decaro, e il presidente della Regione Puglia, Emiliano, per accompagnare a Mosca e a San Pietroburgo una reliquia di San Nicola. L’accoglienza in Russia è stata entusiastica, con decine di migliaia di persone in coda per poter venerare la reliquia di un Santo carissimo al mondo russo. Lo stesso presidente Putin non si è sottratto all’omaggio pubblico.

Quel viaggio ha rafforzato un rapporto antico con la Chiesa ortodossa russa e con l’attuale patriarca Kirill che, da semplice vescovo, ha avuto modo di visitare più volte Bari e di fermarsi in preghiera dinanzi alla tomba di San Nicola.
Da oggi si apre con ogni probabilità un nuovo capitolo nella storia della città e dei suoi rapporti con l’Oriente. In tempi difficili e ricchi di insidie occorrono doti non comuni per far prevalere l’arma del dialogo e per tessere rapporti che alla fine risultino in favore della pace e della libertà di fede. A monsignor Satriano l’onere e l’onore di raccogliere l’eredità di un vescovo che aveva cominciato nel segno della storia divenendo il primo barese dopo quasi sei secoli a guidare l’Arcidiocesi di Bari.

L'ANNUNCIO DI FINE CARRIERA CACUCCI (foto Luca Turi) - «Sono un pò preoccupato di un’attenzione delle singole categorie a se stesse e ci sono alcune categorie come quelle dei bambini e dei ragazzi a cui si rischia di non pensare. E allora questa lettera vuole essere un invito ad uscire dal proprio individualismo, dai propri interessi seppure legittimi per pensare agli altri. Si risolvono i propri problemi con l’amore, non con l’egoismo». Così monsignor Francesco Cacucci, arcivescovo uscente della Diocesi di Bari-Bitonto - a margine dell’annuncio in Cattedrale con cui ha annunciato il nuovo vescovo, mons.Giuseppe Satriano - ha precisato di aver «consegnato una lettera a tutta la diocesi, a tutte le persone, soprattutto ai genitori e agli educatori, dal titolo 'Lasciate che i bambini vengano a me' «. "Quando lascerò la guida della diocesi - ha aggiunto - sarò presso una parrocchia, quella del Sacro Cuore a Bari, dove sono stato vice parroco e dove ho celebrato per sei anni da vescovo ausiliare. È come ritornare alle origini, farò quello che fa un sacerdote, celebra e confessa, soprattutto questo». 

LE PRIME PAROLE DI MONS. SATRIANO: ARRIVO IN PUNTA DI PIEDI - «In punta di piedi vengo in mezzo a voi come fratello, pellegrino e mendicante di luce, disposto ad abitare le sfide di questo tempo, lasciandoci condurre dalla forza vivificante del Vangelo e sostenuti dal desiderio di camminare insieme, percorreremo strade appassionanti non lasciando indietro nessuno». E’ uno stralcio del messaggio di monsignor Giuseppe Satriano, nuovo arcivescovo della diocesi di Bari-Bitonto, letto nella Cattedrale di Bari in occasione dell’annuncio della sua nomina. "Vi scrivo con animo pieno di stupore e trepidazione, animato da sentimenti contrastanti a causa dell’inatteso annuncio - è il messaggio - . La gratitudine e l’affetto maturato per l'arcidiocesi di Rossano-Cariati, il cammino ecclesiale avviato con le varie realtà in diocesi e in regione, il tempo delicato e complesso della pandemia, l’inaspettata notizia con cui mi è stato comunicato di essere il vostro nuovo pastore, suscitano profonda riflessione. Ringrazio il Santo Padre per la fiducia dimostrata alla mia persona». "Tante sono le prove che ci attendono - conclude - tanti i volti di cui prenderci cura insieme. Sorretti dalla intercessione di San Nicola, vescovo attento e premuroso, e di San Sabino, pastore generoso e di fede ardente, sapremo camminare accanto a chi fatica per vivere ed è smarrito». 

DECARO SALUTA IL NUOVO VESCOVO - Appresa la notizia della nomina del nuovo arcivescovo, il sindaco Antonio Decaro così commenta: “Saluto con gioia il nuovo pastore della nostra Arcidiocesi e ringrazio monsignor Cacucci per il modo in cui ha guidato la nostra comunità in questi vent’anni. La sua attività costante, quotidiana e generosa, ha dato lustro alla diocesi di Bari-Bitonto, interpretando la vocazione di un’intera comunità pastorale ad essere ponte tra i Cristiani di Oriente e di Occidente senza mai trascurare la cura del nostro territorio e dei suoi figli più fragili. Per questo, da sindaco, desidero esprimere ancora una volta a monsignor Cacucci la gratitudine mia personale e quella di tutti i miei concittadini. Al contempo, sono certo che la comunità barese è pronta ad accogliere con gioia e calore monsignor Giuseppe Satriano, al quale rivolgo il mio benvenuto porgendogli i migliori auguri di buon lavoro”.

IL SALUTO DEL GOVERNATORE EMILIANO - «Porgo il saluto dell’intera comunità pugliese a S. E. Mons. Giuseppe Satriano, nuovo Arcivescovo di Bari e Bitonto. A lui giungano i più fervidi auguri per l'importante e delicato Ministero e la piena disponibilità a collaborare in questo difficile momento storico per la vita sociale ed economica del nostro Paese».

Così il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, commentando la nomina del nuovo vescovo della diocesi di Bari-Bitonto, Mons. Giuseppe Satriano. «Colgo l’occasione - ha proseguito Emiliano - per ringraziare e salutare Mons. Cacucci che per vent'anni ha svolto un intenso e saggio lavoro alla guida della Diocesi. La sua opera ha favorito la crescita culturale e sociale della città. È stato sempre impegnato sui temi del lavoro, della legalità, dell’accoglienza, promuovendo la cultura della pace, della solidarietà e dell’integrazione sociale. Un uomo di infinito spessore morale ed intellettuale che è stato riferimento importante non solo per la chiesa di Bari ma per l’intera comunità pugliese». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie