Giovedì 06 Maggio 2021 | 23:04

NEWS DALLA SEZIONE

Corruzione
«Scarcerate De Benedictis e Chiariello»

«Scarcerate De Benedictis e Chiariello»

 
La spiaggia pubblica
Bari, dopo l'interdittiva antimafia un nuovo gestore per Torre Quetta

Bari, dopo l'interdittiva antimafia un nuovo gestore per Torre Quetta

 
Lotta al virus
Bari, familiare di un paziente Covid entra in visita in terapia intensiva: è la prima volta

Bari, familiare di un paziente Covid entra in visita in terapia intensiva: è la prima volta

 
La novità
Puglia, fornitura gratuita dei libri di testo e sussidi didattici disco verde alla procedura on line per studenti a basso reddito

Puglia, fornitura gratuita dei libri di testo e sussidi didattici
disco verde alla procedura on line per studenti a basso reddito

 
Il caso
Conversano, invasione di insetti in ospedalechiude la sala operatoria per evitare infezioni

Conversano, invasione di insetti in ospedale
chiude la sala operatoria per evitare infezioni

 
Pandemia
Bari, i più giovani in coda ma il vaccino è fantasma alla Fiera

Bari, anche i più giovani in coda con il sogno di vaccinarsi

 
La scoperta
Bari, nella stanza affittata nel b&b nascondevano la droga: tre arresti

Bari, nella stanza affittata nel b&b nascondevano la droga: tre arresti

 
Il caso
Bari, abbandonano mobili e rifiuti in strada a San Girolamo, l'ira di Decaro: «Multati»

Bari, abbandonano mobili e rifiuti in strada a San Girolamo, l'ira di Decaro: «Multati»

 
La sentenza
Processo Case di cura riunite di Bari, dopo 20 anni assolti ex manager Biallo e il boss Parisi

Processo Case di cura riunite di Bari, dopo 20 anni assolti ex manager Biallo e il boss Parisi

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Terrani spinge l Bari: «Coraggio, puoi farcela!»

Terrani spinge l Bari: «Coraggio, puoi farcela!»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariCorruzione
«Scarcerate De Benedictis e Chiariello»

«Scarcerate De Benedictis e Chiariello»

 
NewsweekLa curiosità
Barletta, ecco “Adoc” il cane che si morde la coda

Barletta, ecco “Adoc” il cane che si morde la coda

 
FoggiaCovid
Vaccini: in Puglia l'84,3% delle dosi somministrate

Vaccini: in Puglia l'84,3% delle dosi somministrate

 
PotenzaCovid
Basilicata, ultimi giorni in arancione

Basilicata, ultimi giorni in arancione.
Ma otto comuni restano rossi

 
LecceL'iniziativa
Lequile, la festa della mamma con le piantine di “Genitori e Poi”

Lequile, la festa della mamma con le piantine di “Genitori e Poi”

 
PotenzaL'iniziativa
Satriano di Lucania, valorizzati a fini turistici i 140 murales

Satriano di Lucania, valorizzati a fini turistici i 140 murales

 
TarantoLa città invivibile
Taranto, gira tra auto con una sfera in metallo50enne denunciato dalla Polizia di Stato

Taranto, gira tra auto con una sfera in metallo
50enne denunciato dalla Polizia di Stato

 
BrindisiNel Brindisino
Ostuni, 39enne marocchino ucciso in casa: killer preso a Bari, stava scappando

Ostuni, 39enne marocchino ucciso in casa: killer preso a Bari, stava scappando

 

i più letti

La sentenza

Bari, lui 19enne fa sesso con una 13enne consenziente: per la legge è reato, ma il tribunale lo assolve

Il giovane per qualche mese ha ignorato l'età della ragazza che sembrava più adulta: lei si era trasferita a casa del fidanzato contro il volere dei genitori

Bari, lui 19enne fa sesso con una 13enne consenziente: per la legge è reato, ma il tribunale lo assolve

Lei una ragazza ingestibile, che amava la libertà, la bella vita e le discoteche ed era già matura a tal punto da far sesso a soli 13 anni. Lui, maggiorenne, invaghito, a tal punto da ospitare la fidanzatina a casa sua anche di notte ignorando la sua età. Per la legge lui andrebbe condannato, ma per il tribunale non ha commesso alcun reato.

Il dispositivo della sentenza di assoluzione del tribunale di Bari già lascia intravedere una motivazione che farà discutere. Il collegio di tre donne, presieduto da Rosa Calia Di Pinto, ha assolto con una doppia formula piena (per una parte «perchè il fatto non costituisce reato», per il resto «perchè il fatto non sussiste»), un giovane incensurato - ora 23enne ma alle'epoca dei fatti 19enne - accusato di atti sessuali nei confronti di una ragazzina infra quattordicenne, 13enne, con la quale ha trattenuto un relazione per diversi mesi. La legge è chiara: fare sesso con una minore di 14 anni è reato. Per l'imputato, il pm aveva chiesto una condanna a 4 anni di reclusione. Ma il tribunale l'ha pensata diversamente.

La storia si intreccia con quella due famiglie apparentemente normali, una che vive al quartiere Japigia l'altra al Libertà. Lui, appena 19enne, dimostra qualche anno in meno; lei, giovane studentessa, al contrario sembra già matura e a quei 13 anni bisogna aggiungerne qualcuno. Lui infatti ignora l'età della ragazza ritenendola più adulta, iniziano a frequentarsi e dopo qualche settimana il rapporto culmina in atti sessuali, e ripetuti, «assolutamente consenzienti» come confermerà la ragazza in un secondo momento.

La storia - siamo verso la fine del 2015 e l'inizio del 2016 - va avanti fino a quando i genitori della 13enne, che nel frattempo si sono separati, presentano una denuncia alle autorità. La giovane sulle prime non parla e si chiude nel silenzio, quindi una iniziale richiesta di divieto di avvicinamento viene respinta dal gip che ritiene insufficiente la sola dichiarazione indiretta della madre cui si era confidata la presunta vittima che però non parla.

A marzo, però, il gip emette un provvedimento cautelare: stavolta ci sono anche le dichiarazioni della ragazza che però ammette di aver fatto sesso più volte con il ragazzo, ma in modo assolutamente consenziente e «protetto» preciserà durante un interrogatorio.

Infatti, la madre confessa agli inquirenti di non essere in grado di gestire la ragazza che non torna più a casa e trascorre le notti a casa del «fidanzato». Per il giudice ci sono tutti gli indizi per confermare una misura di allontanamento. Ma fra i due la relazione continua e poi la troncano per una fedeltà «compromessa». Tutto ciò avviene comunque quando la ragazza ha ancora 13 anni visto che la soglia dei 14 li raggiungerà nell'estate successiva (del 2016)

Il processo è giunto a conclusione l'altro giorno con un epilogo che ha soddisfatto la difesa dell'imputato (rappresentata dagli avvocati Gianluca Loconsole e Alessia Giunta) e spiazzato l'accusa (in aula il pm Angela Morea) che aveva chiesto una condanna a 4 anni.

Il Tribunale, con una motivazione che sarà resa nota nei prossimi tre mesi, ha infatti assolto il giovane perchè il fatto non costituisce reato per il periodo in cui non era a conoscenza dell'effettiva età della ragazza; e perchè «il fatto non sussiste» per il periodo successivo. Cosa abbia portato il tribunale a decidere così, lo si scoprirà con il deposito delle motivazioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie