Venerdì 30 Ottobre 2020 | 03:00

NEWS DALLA SEZIONE

attentato terroristico
Procura Bari collabora a indagine su attentatore tunisino di Nizza: sarebbe sbarcato da nave Rhapsody

Strage di Nizza, attentatore tunisino giunto su nave Rhapsody: Procura Bari collabora a indagine

 
Tragedia sfiorata
Bari follia in centro, donna ferita con un coltello: fermato presunto aggressore

Bari follia in centro, donna campana ferita col coltello: arrestato l'aggressore 32enne con problemi psichici

 
Giustizia
Bari, causa pandemia stop a tutti i processi con testimoni

Bari, causa pandemia stop a tutti i processi con testimoni

 
La nomina
Diocesi Bari-Bitonto, Monsignor Satriano sarà il nuovo arcivescovo

Diocesi Bari-Bitonto, Monsignor Satriano sarà il nuovo arcivescovo

 
nel Barese
Toritto, positivo al Covid va a lavorare nel negozio della moglie: denunciato

Toritto, positivo al Covid va a lavorare nel negozio della moglie: denunciato

 
Il caso
Covid 19 a Bitonto, Istituto Fornelli chiuso per 2 giorni dopo contagio

Covid 19 a Bitonto, Istituto Fornelli chiuso per 2 giorni dopo contagio

 
Il video
Protesta contro Dpcm a Bari: lanciati fumogeni su Corso Vittorio Emanuele

Protesta contro Dpcm a Bari: lanciati fumogeni su Corso Vittorio Emanuele

 
Il caso
Covid 19, sesto decesso tra gli ospiti della casa di riposo di Alberobello

Covid 19, sesto decesso tra gli ospiti della casa di riposo di Alberobello

 
La manifestazione
Proteste a Bari contro il Dpcm: in 500 scendono per strada all'urlo di «libertà»

Proteste a Bari contro il Dpcm: in 500 scendono per strada all'urlo di «libertà». Lanciati fumogeni e bombe carta FOTO/VIDEO

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Montalto e Bianco in forse per il derby contro il Foggia

Bari calcio, Montalto e Bianco in forse per il derby contro il Foggia

 

NEWS DALLE PROVINCE

Bariattentato terroristico
Procura Bari collabora a indagine su attentatore tunisino di Nizza: sarebbe sbarcato da nave Rhapsody

Strage di Nizza, attentatore tunisino giunto su nave Rhapsody: Procura Bari collabora a indagine

 
Tarantol'agguato
Taranto, spari in strada: gambizzato 30enne con precedenti

Taranto, spari in strada: gambizzato 30enne con precedenti

 
Materala manifestazione
Matera, protesta contro Dpcm con megafoni e «croci»

Matera, protesta contro Dpcm con megafoni e «croci»

 
Potenzapericolo contagio
Potenza, emergenza Covid: mille tamponi per alunni e personale scuole Alto Bradano

Potenza, emergenza Covid: mille tamponi per alunni e personale scuole Alto Bradano

 
Brindisila ricerca
Chirurgo ospedale Brindisi dona plasma iperimmune: «Bel gesto nella lotta contro il Covid»

Chirurgo ospedale Brindisi dona plasma iperimmune: «Bel gesto nella lotta contro il Covid»

 
Covid news h 24sanità
Andria, emergenza Covid: Asl BAT assume 9 medici

Andria, emergenza Covid: Asl BAT assume 9 medici

 
Leccenel Salento
Gallipoli, circolo ricreativo resta aperto nonostante il dpcm: multa al titolare

Gallipoli, circolo ricreativo resta aperto nonostante il dpcm: multa al titolare

 

i più letti

La corsa

Bari, ecco la coraggiosa staffetta delle donne contro il cancro

L’iniziativa delle Pink Ambassador (Fondazione Veronesi)

Bari, ecco la coraggiosa staffetta delle donne contro il cancro

BARI - «Niente ferma il rosa, niente ferma le donne». E’ un urlo speciale, fatto di forza coraggio e determinazione quello che lega le Pink Ambassador, le donne della Fondazione Veronesi che hanno vinto la sfida contro il tumore e che ora, corrono da una città all’altra per dimostrare che, dopo la malattia, si può tornare a vivere anche più forti e attive di prima. «Ci passiamo simbolicamente il testimone di città in città – raccontano – siamo unite in un traguardo comune, la ricerca ci ha salvato la vita, aiutateci a sostenerla per vincere i tumori femminili». Così, 200 donne in 14 diverse città, in questi giorni uniscono simbolicamente l’Italia, da Bari a Milano, Monza, Varese, Torino, Verona, Bologna, Firenze, Perugia, Roma, Napoli, Catania, Palermo e Cagliari. Una lunga staffetta di 21mila chilometri a cui partecipa anche una delegazione di sette donn baresi: Rossana Calò, Adriana Cioffi, Rosanna D’Addato, Roberta Mannarella, Emilia Falbo, Annalisa Petruzzella e Alessandra Mariani. Un progetto nato a Milano nel 2014 ed oggi attivo in diverse realtà con le Pink Ambassador impegnate a condividere e raccontare la propria esperienza di malattia a sostegno della ricerca scientifica e della prevenzione, per dimostrare l’importanza della diagnosi precoce e dei corretti stili di vita nella lotta contro i tumori. Aperto un canale di raccolta fondi su La Rete del Dono, dove si leggono le storie di donne che hanno vinto il tumore.

«Correndo – spiega la delegazione barese - parliamo a tutti di coraggio, di ricerca, di prevenzione. Ci facciamo portavoce di un messaggio di speranza per tante altre donne che stanno affrontando la stessa difficile circostanza». Quest’anno nemmeno il Covid è riuscito a fermarle. A giugno sono partiti gli allenamenti e, pochi giorni fa, è iniziata la fase conclusiva del progetto che per ragioni di emergenza sanitaria ha solo cambiato la modalità, dando il via ad una staffetta che ogni giorno prevede la partenza di un gruppo di Pink nelle diverse parti d’Italia correndo la 5, 10, 15 e 21 km. Ieri la tappa tutta barese del progetto. «Non ricordo di aver mai corso con così tanta determinazione, questa volta l’obiettivo era superiore a ogni sforzo fisico» racconta Roberta Mannarella, 31, anni, docente di lingue. Il suo tumore, «la biglia» come lo chiama lei, è comparso quando di anni ne aveva 28. Poi la lunga battaglia, la sua vittoria e la gioia di partecipare al grande progetto di sensibilizzazione della Fondazione Veronesi correndo con le Pink Ambassador la dieci chilometri della tappa tutta barese. «Il progetto della Fondazione Veronesi mi ha confermato che la volontà è un potente deterrente per i nostri limiti – aggiunge - che il supporto di chi ha vissuto un’esperienza segnante come la tua rende il tuo impegno più forte e consapevole. Ma soprattutto – sottolinea la Mannarella - ha dato forma alla mia, alla nostra idea di speranza: non una luce accesa a caso, ma quella alimentata da ogni ricerca finanziata, da ogni scoperta supportata, da ogni diagnosi precoce, da ogni stile di vita migliorato. Sostenere la ricerca – conclude - è il nostro modo per dire grazie».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie