Venerdì 30 Ottobre 2020 | 02:55

NEWS DALLA SEZIONE

attentato terroristico
Procura Bari collabora a indagine su attentatore tunisino di Nizza: sarebbe sbarcato da nave Rhapsody

Strage di Nizza, attentatore tunisino giunto su nave Rhapsody: Procura Bari collabora a indagine

 
Tragedia sfiorata
Bari follia in centro, donna ferita con un coltello: fermato presunto aggressore

Bari follia in centro, donna campana ferita col coltello: arrestato l'aggressore 32enne con problemi psichici

 
Giustizia
Bari, causa pandemia stop a tutti i processi con testimoni

Bari, causa pandemia stop a tutti i processi con testimoni

 
La nomina
Diocesi Bari-Bitonto, Monsignor Satriano sarà il nuovo arcivescovo

Diocesi Bari-Bitonto, Monsignor Satriano sarà il nuovo arcivescovo

 
nel Barese
Toritto, positivo al Covid va a lavorare nel negozio della moglie: denunciato

Toritto, positivo al Covid va a lavorare nel negozio della moglie: denunciato

 
Il caso
Covid 19 a Bitonto, Istituto Fornelli chiuso per 2 giorni dopo contagio

Covid 19 a Bitonto, Istituto Fornelli chiuso per 2 giorni dopo contagio

 
Il video
Protesta contro Dpcm a Bari: lanciati fumogeni su Corso Vittorio Emanuele

Protesta contro Dpcm a Bari: lanciati fumogeni su Corso Vittorio Emanuele

 
Il caso
Covid 19, sesto decesso tra gli ospiti della casa di riposo di Alberobello

Covid 19, sesto decesso tra gli ospiti della casa di riposo di Alberobello

 
La manifestazione
Proteste a Bari contro il Dpcm: in 500 scendono per strada all'urlo di «libertà»

Proteste a Bari contro il Dpcm: in 500 scendono per strada all'urlo di «libertà». Lanciati fumogeni e bombe carta FOTO/VIDEO

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Montalto e Bianco in forse per il derby contro il Foggia

Bari calcio, Montalto e Bianco in forse per il derby contro il Foggia

 

NEWS DALLE PROVINCE

Bariattentato terroristico
Procura Bari collabora a indagine su attentatore tunisino di Nizza: sarebbe sbarcato da nave Rhapsody

Strage di Nizza, attentatore tunisino giunto su nave Rhapsody: Procura Bari collabora a indagine

 
Tarantol'agguato
Taranto, spari in strada: gambizzato 30enne con precedenti

Taranto, spari in strada: gambizzato 30enne con precedenti

 
Materala manifestazione
Matera, protesta contro Dpcm con megafoni e «croci»

Matera, protesta contro Dpcm con megafoni e «croci»

 
Potenzapericolo contagio
Potenza, emergenza Covid: mille tamponi per alunni e personale scuole Alto Bradano

Potenza, emergenza Covid: mille tamponi per alunni e personale scuole Alto Bradano

 
Brindisila ricerca
Chirurgo ospedale Brindisi dona plasma iperimmune: «Bel gesto nella lotta contro il Covid»

Chirurgo ospedale Brindisi dona plasma iperimmune: «Bel gesto nella lotta contro il Covid»

 
Covid news h 24sanità
Andria, emergenza Covid: Asl BAT assume 9 medici

Andria, emergenza Covid: Asl BAT assume 9 medici

 
Leccenel Salento
Gallipoli, circolo ricreativo resta aperto nonostante il dpcm: multa al titolare

Gallipoli, circolo ricreativo resta aperto nonostante il dpcm: multa al titolare

 

i più letti

L'inchiesta

Corruzione elettorale: 25 euro a voto, 50 indagati a Bari. Gli audio: «Se porti voti ti paga»

Coinvolto candidato al Municipio 1 in amministrative maggio 2019

Elezioni

La Procura di Bari ha chiuso le indagini su presunti episodi di corruzione elettorale risalenti alle amministrative baresi del 26 maggio 2019. Nell’inchiesta dei carabinieri, coordinata dal pm Claudio Pinto, sono indagate 50 persone, un candidato alla carica di consigliere del Municipio 1 di Bari, Carlo De Giosa, eletto con la lista «Sud al Centro» della coalizione di centrosinistra, sua figlia Donata, entrambi in qualità di corruttori, e 48 elettori accusati di essersi lasciati corrompere. Stando agli accertamenti, sarebbero stati promessi e poi consegnati 25 euro per ogni voto in favore di De Giosa.

L’indagine è partita da una denuncia contro ignoti presentata dal Movimento 5 Stelle di Bari. Nell’esposto, il movimento politico spiegava di essere entrato in possesso di un audio diffuso su alcuni social, relativo a promesse di denaro in cambio di consenso elettorale. Nell’audio l'interlocutore avrebbe dato anche istruzioni per il ritiro dei soldi. Durante le indagini la sezione di pg dei carabinieri ha eseguito perquisizioni e sequestri che hanno consentito di ricostruire l'elenco dei contatti. In particolare dal telefono sequestrato alla figlia di De Giosa sono stati estratti messaggi di whatsapp inviati a decine di cittadini baresi, tutti con il medesimo contenuto, ed è stato così accertato che il candidato e sua figlia «promettevano a numerosi elettori e, per loro tramite, anche ad altre persone dai medesimi conosciute - si legge nell’imputazione - , la somma di denaro pari a 25 euro». I fatti contestati risalgono al periodo tra febbraio e giugno 2019. Durante le perquisizioni domiciliari sono stati anche trovati e sequestrati liste di nomi e appunti manoscritti con l’elenco degli elettori che avrebbero accettato l’accordo corruttivo elettorale.

FIGLIA CANDIDATO: SE PORTI VOTI TI PAGA - «Devi venire qui da lui e devi parlare con lui, ogni voto che tu gli darai o gli porterai, papà ti pagherà. Tipo due voti sono già 50 euro, quattro voti sono già 100 euro. Cioè, per dirti, non c'è un limite, ti può pagare quanto vuole, ma ovviamente tu gli devi portare voti». E’ il contenuto del messaggio audio inviato dalla figlia di Carlo De Giosa agli elettori che in cambio di ciascun voto procurato a suo padre avrebbero accettato di intascare 25 euro. Il dettaglio emerge dagli atti che hanno portato la Procura di Bari a indagare De Giosa, eletto nel maggio 2019 come consigliere del Municipio 1 di Bari come il più suffragato, con 494 preferenze, della lista «Sud al Centro» nella coalizione di centrosinistra. Oltre il candidato eletto, sono indagati per corruzione elettorale la figlia 20enne Donata e i presunti 48 elettori corrotti. Le perquisizioni fatte dai carabinieri durante le indagini a casa di padre e figlia hanno consentito di trovare fotocopie di documenti di identità e schede elettorali, 4.400 euro in contanti, appunti manoscritti con indicazioni e nominativi, con le scritte «buoni pasto», «persone che aggiungono», «persone che sono venute a parlare», oltre a frammenti di carta, nella busta dei rifiuti dell’umido, con numeri di telefono, nomi e cifre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie