Martedì 11 Agosto 2020 | 12:05

NEWS DALLA SEZIONE

LA TRAGEDIA
Ruvo, malore fatale in spiaggia per un 82enne

Specchiarica, malore fatale in spiaggia per un 82enne di Ruvo di Puglia

 
LA FASE 3

Bari, ai dipendenti comunali il telelavoro fa bene: crollati i giorni di malattia

 
polizia locale
Bari, passa col rosso e si schianta contro distributore benzina: nei guai un 22enne

Bari, passa col rosso e si schianta contro distributore benzina: nei guai un 22enne

 
La decisione
Asl Bari recluta 50 psicologi: plauso dell'Ordine pugliese

Asl Bari recluta 50 psicologi: plauso dell'Ordine pugliese

 
Il lungomare di Bari Vecchia
I moli Sant'Antonio e San Nicola a Bari si rifanno il look: ok al progetto per la riqualificazione

I moli Sant'Antonio e San Nicola a Bari si rifanno il look: ok al progetto per la riqualificazione

 
SANITÀ
Da Gravina a Castellana: ecco 40mila euro per la ricerca

Da Gravina a Castellana: ecco 40mila euro per la ricerca

 
L'appello
Sei casi positivi di Covid 19 da rientro a Giovinazzo, il sindaco: «Restiamo in Puglia»

Covid 19, sei casi positivi da rientro a Giovinazzo, il sindaco: «Restiamo in Puglia»

 
Il caso
Porti Bari e Brindisi, accordo con Cdp per infrastrutture

Porti Bari e Brindisi, accordo con Cdp per infrastrutture

 
Il video
L'ultima cena del Continental a Bari: i clienti cantano «Senza te» e lo chef si commuove

L'ultima cena del Continental a Bari: i clienti cantano «Senza te» e lo chef si commuove

 
L'INTERVISTA
Michielin: il mio show «distanziato», ma come se fossimo allo stadio

Parola di Francesca Michielin: «il mio show «distanziato», ma come se fossimo allo stadio»

 
Criminalità
Bitonto, armati di pitsola rapinano auto a 3 donne che fanno benzina

Bitonto, armati di pistola rapinano auto a 3 donne che fanno rifornimento di benzina

 

Il Biancorosso

LEGA PRO
Fatti il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

Fatto il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccel'iniziativa
Benessere e fisioterapia, un «mare» di solidarietà

Benessere e fisioterapia, l'Ordine dei Medici supporta il progetto «Il mare di tutti»

 
BatIL RACCONTO
Nella Murgia di notte fino all'alba con Federico

Nella Murgia di notte fino all'alba con Federico

 
PotenzaPOLITICA
Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

 
Tarantonel Tarantino
«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

 
FoggiaRIQUALIFICAZIONE
San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

 
BariLA TRAGEDIA
Ruvo, malore fatale in spiaggia per un 82enne

Specchiarica, malore fatale in spiaggia per un 82enne di Ruvo di Puglia

 
MateraCovid 19
Coronavirus, altri 2 migranti positivi dal Materano a Roma

Coronavirus, altri 2 migranti positivi dal Materano a Roma

 

i più letti

L'avvocato

Bari, controversie da Covid? E ora si va in mediazione

L’emergenza sanitaria causata dal Coronavirus ha visto moltiplicarsi le liti e i conflitti determinati soprattutto dalla difficoltà di far fronte agli adempimenti contrattuali in ragione della sospensione forzata delle attività

Controversie da Covid?  E ora si va  in mediazione

L’emergenza sanitaria causata dal Coronavirus ha visto moltiplicarsi le liti e i conflitti determinati soprattutto dalla difficoltà di far fronte agli adempimenti contrattuali in ragione della sospensione forzata delle attività. La gestione delle liti sorte nel periodo e per effetto del lockdown non ha trovato risposta nelle aule dei Tribunali, che, rimaste chiuse, hanno di fatto paralizzato il sistema Giustizia. La crisi economica ha avuto inevitabili conseguenze in tantissimi settori.

Dalle forniture non pagate per scarsa liquidità, alla impossibilità di pagare i canoni di locazione, dalle richieste di rimborso nel settore turistico-alberghiero, all’annullamento di feste, di matrimoni, comunioni e battesimi, nonché di convegni, manifestazioni sportive, spettacoli e di eventi di ogni genere. I matrimoni annullati (o comunque rinviati) nel nostro Paese, ad esempio, sono circa diciassettemila e attorno al mondo del wedding ruotano un gran numero di aziende, quali quelle dei settori florovivaistico, tessile, fotografico e dell’oggettistica, per cui a subirne le conseguenze non sono solo le sale ricevimenti, ma una serie di attività commerciali, anche piccole. Si stima già una perdita di fatturato per l’intero settore di più di 26 miliardi di euro.

La mediazione civile e commerciale, disciplinata dalla L. 28 del 2010, rappresenta senza dubbio, nel sistema Giustizia, lo strumento più agevole e rapido (la sua durata non deve superare i 3 mesi) di soluzione dei conflitti attraverso il contemperamento delle esigenze delle parti, caratteristica principale dell’Istituto. Fondamentale per tutta la fase della procedura della mediazione è il ruolo del mediatore, il quale, adeguatamente formato, è chiamato a favorire un accordo amichevole tra le parti, assistite dai propri avvocati, anche mediante la formulazione di una proposta per la risoluzione della lite.

Gli effetti determinati dal Coronavirus su tutte le obbligazioni contrattuali sorte a causa e in conseguenza del lockdown hanno fatto emergere la funzione sociale della mediazione a scopo di conciliazione, il cui esperimento diventa condizione di procedibilità della domanda giudiziale. La conversione in legge del D.L. 28/2020 è stata l’occasione da parte del Parlamento per aggiungere un tassello di particolare rilevanza ed interesse al mosaico delle misure normative per far fronte alle controversie scaturite dall’emergenza pandemica; più precisamente, l’organo legislativo italiano ha introdotto nel testo dato dalla decretazione di urgenza dei mesi di febbraio, marzo, aprile e maggio 2020, norme dirette ad agevolare soluzioni conciliative delle liti civili, con particolare riferimento a quelle di carattere contrattuale.

In sede di conversione in legge del D.L. 28/2020, il legislatore, infatti, ha introdotto un nuovo comma, il V ter, all’art. 3 del D.L. 6/2020, prevedendo il ricorso alla mediazione civile e commerciale quale condizione di procedibilità per qualsiasi azione giudiziale da intraprendersi in ipotesi di controversia ricadente in ambito di inadempimento contrattuale eziologicamente imputabile alla cosiddetta emergenza Covid19. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

L’impossibilità di raggiungere un accordo in via autonoma tra le parti di un contratto in merito all’esatto adempimento di una o più obbligazioni, ben può essere superata con il ricorso all’ausilio di un soggetto terzo che consenta ai protagonisti della querelle di valutare tutti gli aspetti connessi alla vicenda, ivi comprese le conseguenze di un eventuale approdo giudiziale della disputa, quali la lunga durata del processo, i relativi costi e l’interruzione definitiva dei rapporti personali e/o professionali.

Oggi, con il citato intervento legislativo, è ampliato l’ambito delle controversie o meglio delle materie rispetto alle quali è proceduralmente obbligatorio il tentativo di conciliazione, ex art 5 L. 28/10: lo scopo è quello di far incontrare il debitore e il creditore e, in tempi rapidi e con costi contenuti, risolvere la problematica insorta relativa alla prestazione contrattualmente dedotta e integralmente o parzialmente inadempiuta, magari nella condivisa opinione che l’interesse maggiore risiede proprio nella prosecuzione di un rapporto contrattuale che, solo se perpetrato in modo da adeguarsi alle situazioni contingenti, può produrre i suoi migliori effetti per il comune profitto delle parti.

Al nostro Organismo stanno pervenendo istanze aventi ad oggetto, in particolare, il mancato pagamento di canoni di locazione, soprattutto ad uso commerciale. L’obiettivo della mediazione è quello di individuare soluzioni ai problemi sorti in ragione della necessità di rispettare le misure di contenimento del coronavirus, tali da consentire il mantenimento del vincolo negoziale e da lasciare inalterato l’equilibrio contrattuale. Se le parti sono ben disposte a una soluzione alla questione del pagamento del canone, ma di fatto il conduttore è stato impossibilitato a corrisponderlo, e da sole non sono riuscite a trovare un accordo, con la mediazione possono, a titolo di esempio, individuare soluzioni, anche temporanee, tali da salvaguardare l’originario contratto integralmente o parzialmente inadempiuto. Dietro ogni singolo inadempimento, contratto, obbligazione, non vi sono solo norme giuridiche, ma persone, famiglie, imprese, aziende. Sotto questo aspetto la spinta del legislatore verso la mediazione può forse essere un segnale volto ad affrontare le singole vicende non solo e non tanto da un punto di vista tecnico giuridico ma, soprattutto, umano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie