Sabato 11 Luglio 2020 | 10:42

NEWS DALLA SEZIONE

lavoro
Sanità, il Policlinico Bari stabilizza 41 precari

Sanità, il Policlinico Bari stabilizza 41 precari

 
Il caso
Bari, San Girolamo e bivacchi. La rabbia dei residenti

Bari, San Girolamo e bivacchi. La rabbia dei residenti

 
mobilità
Bari, caricano in macchina monopattino a noleggio e fuggono verso la SS16: 4 denunciati

Bari, caricano in macchina monopattino a noleggio e fuggono verso la SS16: 4 denunce

 
scoperti dalla GdF
Porto di Bari, imballaggi «Marlboro» contraffatti: sequestri e una denuncia

Porto di Bari, imballaggi «Marlboro» contraffatti: sequestri e una denuncia

 
Welfare
Fase 3 a Bari, 1270 domande a sostegno dei disabili gravi

Fase 3 a Bari, 1270 domande a sostegno dei disabili gravi

 
Il caso
Ruvo, si infittisce il mistero sulle ossa umane di via Ostieri

Ruvo, si infittisce il mistero sulle ossa umane di via Ostieri

 
Il caso
«Torre Quetta, rischio mafia la gestione torni al Comune»

«Torre Quetta a rischio mafia: la gestione torni al Comune»

 
La decisione
Bari, evase dal carcere di Foggia: Gip dispone scarcerazione per figlio boss

Bari, evase dal carcere di Foggia: Gip dispone scarcerazione per figlio boss

 
Turismo
Bari, blitz dei sindaci di Acquaviva e Casamassima in aeroporto: «Così si promuove il territorio»

Bari, blitz dei sindaci di Acquaviva e Casamassima in aeroporto: «Così si promuove il territorio»

 
Comunali
Conversano, corsa tra ex compagni di scuola: Loiacono sfida Lovascio

Conversano, corsa tra ex compagni di scuola: Loiacono sfida Lovascio

 
Via libera
Polignano, Costa Ripagnola: ok commissione a istituzione Parco

Polignano, Costa Ripagnola: ok commissione a istituzione Parco. La palla passa al Consiglio

 

Il Biancorosso

calcio
Bari 13 luglio contro Ternana, ds Scala: «Sorteggio non molto favorevole»

Bari 13 luglio contro Ternana, ds Scala: «Sorteggio non molto favorevole»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barilavoro
Sanità, il Policlinico Bari stabilizza 41 precari

Sanità, il Policlinico Bari stabilizza 41 precari

 
Tarantoil siderurgico
Taranto, ritardi fatture: gli autotrasportatori in protesta

Taranto, ritardi fatture: gli autotrasportatori in protesta

 
Potenzanel Potentino
Cerca di dare fuoco a sede Cisl Melfi: arrestato 51enne

Cerca di dare fuoco a sede Cisl Melfi: arrestato 51enne

 
BatBeni storici
Canosa, chiesetta di Sant'Antonio da salvare

Canosa, la chiesetta di Sant'Antonio da salvare

 
Materanel Materano
Gorgoglione, trovata statua rubata nel 2008 da Chiesa S.M. Assunta: verrà restituita

Gorgoglione, trovata statua rubata nel 2008 da Chiesa S.M. Assunta: verrà restituita

 
LecceIl Caso
«Nessun focolaio a Copertino. La famiglia ha seguito i protocolli»

Coronavirus, nessun focolaio a Copertino: famiglia contagiata ha seguito i protocolli

 
BrindisiPolitica
Torchiarolo, sciolto il Consiglio. Viceprefetto Coluccia commissario

Torchiarolo, sciolto il Consiglio. Viceprefetto Coluccia commissario

 

i più letti

L'idea

Bari, «Una barba a metà simbolo di una vita a metà», la protesta artistica contro il Covid

L'originale presa di coscienza dell'attore barese, Augusto Masiello presidente e legale rappresentante del Teatro Kismet

Bari, «Una barba a metà simbolo di una vita a metà», la protesta artistica contro il Covid

BARI - Il Coronavirus ci ha privato di molte cose: la vicinanza sociale, la libertà e soprattutto la normalità. C'è chi porta su di sé questi mesi di isolamento forzato, fisico e mentale dal mondo, come delle cicatrici interne e chi invece, tra il serio e il faceto, mostra a chiunque il suo disagio e lo fa in modo plastico: un esempio? Tagliarsi la barba (dopo la quarantena) perfettamente a metà. È l'idea eclettica e originale di Augusto Masiello, 60 anni, attore e presidente del Teatro Kismet di Bari che con un'ironia a tratti geniale, ha messo in piedi una protesta silenziosa contro il Coronavirus, per mostrare all'esterno il suo personale disagio dopo la quarantena.

«Questi mesi di lockdown ci hanno stravolti, in tutti i sensi. Lo so, la mia è una decisione originale: molti mi dicevano di non tagliare la barba dopo la fine della quarantena altri non mi avrebbero più rivolto la parola se non l'avessi tagliata. Così ho deciso di non scontentare nessuno», racconta il presidente del Kismet. 

«È una provocazione contro le valanghe di chiacchiere che si sentono in giro. Ci spacciano la Fase 2 per un redivivo ritorno alla normalità ma in realtà non è così. È vero, dobbiamo convivere con il virus, ma lo dobbiamo fare con una presa di coscienza, metabolizzando ciò che ci è capitato, senza contraddizioni. L'idea mi è venuta così in modo spontaneo. Aspettavo con ansia, come tutti, di tornare dal barbiere e lunedì 18, quando sono riuscito a varcare la soglia del locale, alle 20 di sera, e ho proposto al coiffeur la mia iniziativa lui ne è stato entusiasta. L'ha presa talmente seriamente - dice Masiello - che mi ha assecondato in questa follia. Come se fosse la cosa più normale del mondo, non voleva farsi trovare impreparato! Allora mi chiedeva: "mi scusi se chiedo ma, posso togliere i peli dalle orecchie? Ma solo da un lato? E qui. Poi ho capito che è una protesta ma - sempre con grande discrezione - posso mettere ammorbidente e vapore da un lato e dopobarba e panno caldo dall’altra?". «Ed è andato avanti così per un'ora di fila. Ed io: "Guardi che non voglio farle perdere troppo tempo e comunque non la pago il doppio. E lui ha sottolineato: "Guardi per me è un onore! Devo farlo perfetto! Non è facile!».

E alla domanda: come reagiscono le persone quando lo guardano? Masiello risponde così: «Senza dubbio, sorprese e colpite. Chi in positivo e chi in negativo, ma tanto questa protesta, che poi vuole giusto dare la scossa sociale  a livello visivo, durerà ancora per poco. Diciamo quanto basta, come il sale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie