Sabato 12 Giugno 2021 | 13:41

NEWS DALLA SEZIONE

giustizia svenduta
Bari, «Il milione nascosto negli zainetti? Erano gli onorari del mio lavoro»

Bari, avvocato Chiariello: «Il milione nascosto negli zainetti? Erano gli onorari del mio lavoro»

 
Il caso
Metropolitana Bari-Bitritto: «Cinque anni? È una follia»

Metropolitana Bari-Bitritto: «Cinque anni? È una follia»

 
Dipendenze
Bari, la Caritas in campo contro la ludopatia

Bari, la Caritas in campo contro la ludopatia

 
Il caso
Bari, i pasticci del nuovo palazzo del Consiglio: garage chiuso e piove nel foyer

Bari, i pasticci del nuovo palazzo del Consiglio: garage chiuso e piove nel foyer

 
Contrasto alla criminalità
Cassano Murge, arrestato 35enne per spaccio di droga

Cassano Murge, arrestato 35enne per spaccio di droga

 
Il caso
Criminalità in Puglia, Stea: più controlli sulla Murgia barese

Criminalità in Puglia, Stea: più controlli sulla Murgia barese

 
La spiaggia cittadina
Ricorso blocca assegnazione del bando per Torre Quetta, Decaro: «Ora nuove leggi». La replica degli ex gestori

Ricorso blocca assegnazione del bando per Torre Quetta, Decaro: «Ora nuove leggi». La replica degli ex gestori

 
Il caso
Bari, 12enne morì dopo intervento al Giovanni XXIII, al via processo a medico

Bari, 12enne morì dopo intervento al Giovanni XXIII, al via processo a medico

 
Il caso
Corruzione a Molfetta, l'ex consigliera comunale nega le accuse

Corruzione a Molfetta, l'ex consigliera comunale nega le accuse

 
Stalking
Monopoli, 55enne si tocca le parti intime e molesta una ragazzina fuori da scuola: arrestato

Monopoli, 55enne si tocca le parti intime e molesta una 12enne fuori la scuola: arrestato

 

Il Biancorosso

La novità
Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barigiustizia svenduta
Bari, «Il milione nascosto negli zainetti? Erano gli onorari del mio lavoro»

Bari, avvocato Chiariello: «Il milione nascosto negli zainetti? Erano gli onorari del mio lavoro»

 
Potenzalavori pubblici
Potenza, Ponte Musmeci, restauro alla Fhecor Ingenieros

Potenza, Ponte Musmeci, restauro alla Fhecor Ingenieros

 
MateraVaccini
Matera, immediata sospensione Astrazeneca sugli under 60

Matera, immediata sospensione Astrazeneca sugli under 60 Il bollettino odierno

 
TarantoLa tragedia
Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

 
Brindisila campagna
Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

 
LecceLa novità
Lecce, festa di Sant’Oronzo non si farà la processione

Lecce, festa di Sant’Oronzo non si farà la processione

 

i più letti

La denuncia

Covid 19, i medici baresi fanno esposto in Procura: «Dpi non idonei»

Gaballo, non vogliamo divenire veicolo infezione

Coronavirus a Bari, la denuncia dei medici: «Noi senza mascherine». Dormitori per senza tetto aperti h24

BARI -  Il comparto 118 della Fimmg Bari ha trasmesso alla Procura di Bari, al governatore Michele Emiliano e al direttore generale dell’Asl Bari, Antonio Sanguedolce, una denuncia sulla carenza e inidoneità dei dispositivi di protezione individuale. La denuncia porta la firma del segretario provinciale di settore, il dottor Nicola Gaballo. "Con nota 59257 del 26/03/2020 - si legge nell’esposto - la Asl Bari ha disposto che gli interventi sui casi sospetti Covid-19 dovranno, a partire dal 27 marzo 2020, essere effettuati solo dal personale del Set 118 impiegato con automedica, dando direttive dettagliatissime sull'accesso al domicilio di questi pazienti». Il sindacato di medici, però, fa rilevare che «parte dei dispositivi di protezione individuale, per stessa ammissione della Asl Bari, non sono affatto idonei a proteggere i medici e gli operatori sanitari del Set 118. Eppure, i medici e gli operatori sanitari che sono mandati in servizio non possono operare con tali dispositivi, inidonei e per di più forniti in numero assolutamente insufficiente. La questione è stata segnalata dalla postazione 118 di Bitonto alla Polizia di Stato e gli operatori della postazione di Triggiano sono già risultati positivi al tampone, con la conseguenza che la postazione non è operativa».
«Tanto si rassegna alla Procura della Repubblica - si legge infine - poiché nessuno dei medici in servizio, o meglio degli operatori sanitari tutti, ha la minima intenzione di divenire veicolo di infezione poiché non protetti o protetti solo apparentemente da Dpi inidonei e da procedure piene di falle». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie