Domenica 31 Maggio 2020 | 07:07

NEWS DALLA SEZIONE

emergenza coronavirus
Fase 2 a Bari, Decaro incontra e ringrazia i volontari: «Siete la nostra forza»

Fase 2 a Bari, Decaro incontra e ringrazia i volontari: «Siete la nostra forza»

 
Il concessionario Audi Magnifica
Bari, «Prestiti e formule per stimolare il mercato dell’auto»

Bari, «Prestiti e formule per stimolare il mercato dell’auto»

 
Emergenza
Snobbati i test a Gravina. In 25 su 40 non si fidano

Bimbo di 2 anni fa test sierologico a Gravina. Gli adulti lo snobbano: in 25 su 40, non si fidano

 
emergenza coronavirus
Bari, solidarietà, sorrisi e tablet ai bambini più svantaggiati

Bari, solidarietà, sorrisi e tablet ai bambini più svantaggiati del Libertà

 
Paesaggio
Il ponte di Gravina, da James Bond ai Luoghi del cuore

Il ponte di Gravina, da James Bond ai Luoghi del cuore del Fai

 
Martedì 2 giugno
Molfetta, «Facciamo ripartire la musica»

Molfetta, due deejay in spiaggia danno voce alla musica fatta tacere per 3 mesi

 
L'accusa
Fitto contro Emiliano: «Xylella infetta Bari? È il fallimento delle sue politiche agricole»

Fitto contro Emiliano: «Xylella infetta Bari? È il fallimento delle sue politiche agricole del governatore»

 
La polemica
Regionali 2020, la Lega Puglia conferma: «Altieri è il nostro candidato»

Regionali 2020, la Lega Puglia conferma: «Altieri è il nostro candidato»

 
Sanità
Sanità, la protesta dei neomedici: «Troppo pochi i posti per le specializzazioni»

Bari, la protesta dei neomedici: «Troppo pochi i posti per le specializzazioni»

 
emergenza coronavirus
Puglia, in caso di seconda ondata di contagi saranno pronti 4 ospedali Covid

Puglia, in caso di seconda ondata di contagi, in autunno pronti 4 ospedali Covid

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari in campo a luglio per lo sprint e la B è un sogno di mezza estate

Bari in campo a luglio per lo sprint e la B è un sogno di mezza estate

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraArte
Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

 
Bariemergenza coronavirus
Fase 2 a Bari, Decaro incontra e ringrazia i volontari: «Siete la nostra forza»

Fase 2 a Bari, Decaro incontra e ringrazia i volontari: «Siete la nostra forza»

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

 
LecceIndustria
L’automotive riparte dopo tre mesi si punta su tecnologie ibride ed elettriche

L’automotive riparte dopo tre mesi si punta su tecnologie ibride ed elettriche

 
FoggiaLa lite
San Severo, poliziotto aggredito e preso a calci nei genitali da 3 ragazzi

San Severo, poliziotto aggredito e preso a calci nei genitali da 3 ragazzi

 
BariTemporali
Maltempo Puglia

Puglia e Basilicata, maltempo da brividi: prima la shelf cloud e poi la maxi grandinata

 
Batl'ordinanza
Foggia, partecipò a rapina in Emilia, arrestato capoclan di Trinitapoli

Foggia, partecipò a rapina in Emilia, arrestato capoclan di Trinitapoli

 
BrindisiLa decisione
Fase 2, sindaco di Brindisi frena sulla movida: locali chiusi a mezzanotte

Fase 2, sindaco di Brindisi frena sulla movida: locali chiusi a mezzanotte

 

i più letti

banche

Pop-Bari, era un affare l'acquisto di Tercas

Rossi (ex dg Bankitalia): «Non credo che il salvataggio fu chiesto da noi»

Popolare di Bari in marcia verso l'acquisto di Carichieti

Se PopBari non avesse acquisito Tercas, Tercas sarebbe fallita. Ma quell’operazione - è la tesi della Procura di Bari - è l’inizio della discesa agli inferi dell’istituto barese, oggi alle prese con un commissariamento che deve gestire un buco da 2 miliardi. Il 6 novembre 2017 davanti agli investigatori si accomoda Salvatore Rossi, all’epoca direttore generale di Bankitalia e oggi presidente di Tim. Quella dell’economista barese è una testimonianza straordinaria: sia perché apre una finestra sulle stanze segrete del Direttorio, sia perché gira intorno al punto centrale di tutto. Ovvero sul perché PopBari si ritrovò ad acquistare l’istituto abruzzese.

E infatti la domanda più importante del procuratore aggiunto Roberto Rossi e della pm Savina Toscani è sostanzialmente questa: fu Bankitalia a chiedere alla Bpb di acquisire Tercas? «No, non lo so - è la risposta di Rossi -. Secondo me, no, però non ne posso essere sicuro». La curiosità dell’accusa ha un motivo ben preciso: quando viene autorizzata a prendersi la banca abruzzese, in quel momento commissariata, PopBari è sottoposta a un divieto di espansione imposto dalla stessa Banca d’Italia. Divieto che viene eliminato.

E dunque, primo punto. Perché l’ispezione del 2010 aveva imposto alla Bari quel vincolo, cioè il divieto a fare altre acquisizioni? Rossi riconduce il motivo alla debolezza della struttura di comando, troppo in mano alle stesse persone: «Guarda, tu così non va[i] bene, in particolare la tua governance non va bene, perché, è vero che sei una popolare, è vero che sei una popolare non quotata, però la dominanza della famiglia Jacobini, ed in particolare del suo presidente, è eccessiva, quindi non c’è dialettica interna, la governance non va, e quindi noi ti diciamo: in queste condizioni non puoi più crescere».
Fatto sta che gli Jacobini c’erano prima e ci sono anche quando Bari viene autorizzata a comprare Tercas. E su questo, ecco la motivazione di Rossi: «Il fatto che noi abbiamo rimosso i provvedimenti restrittivi è perché ci siamo convinti che andavano rimossi. Ne eravamo convinti, ce ne siamo convinti nel 2013 a seguito della seconda ispezione, che pure si è chiusa... con un giudizio severo riguardo... però dava atto che le cose stavano cambiando. Quindi lì gli uffici si sono convinti che forse andavano rimossi quei provvedimenti restrittivi».

I documenti acquisiti dalla Finanza e quelli forniti da Bankitalia non spiegano materialmente chi e perché abbia deciso di eliminare il vincolo. Tutto ciò che il direttore generale può dire sul punto è che «è stato avviato un procedimento d’ufficio finalizzato a rivalutare l'applicazione di provvedimenti restrittivi». Ma «che cosa si intenda per “procedimento d’ufficio” (è la frase riportata in uno dei documenti, ndr) francamente non lo so». Emerge solo che la Bari fu preferita a una cordata abruzzese: «Gli uffici di Vigilanza (guidati all’epoca da Salvatore Barbagallo, ndr) hanno valutato anche la cordata abruzzese, e l’hanno ritenuta non viable diciamo noi (...) Quello che gli uffici poi hanno detto a noi Direttorio è che la cordata abruzzese fondamentalmente non c’era. Quindi l’unica offerta valida era quella della Popolare di Bari». Che fa l’operazione «solo a condizione che qualcuno ripiani le perdite di Tercas». Ovvero il Fondo di garanzia, con i suoi 280 milioni.

La tesi di Rossi è che, in realtà, «Bari fa un affare a pigliarsi Tercas» che era stata ripulita da due anni di commissariamento. Eppure quello del 2015 è il primo bilancio di PopBari a chiudersi in perdita. Cosa è andato storto? «Va storto il fatto che loro per un anno intero non possono integrarsi con Tercas e quindi fare quei risparmi, quelle sinergie, che sono tipici delle operazioni di acquisizione, quando si acquisisce una banca, la prima cosa che si fa si eliminano i doppioni, si manda a casa anche qualcuno, eh!». E perché non possono? «Perché la Commissione Europea si mette di traverso, e quindi dice: “Questo è un aiuto di Stato”». Si riferisce appunto ai 280 milioni del Fondo interbancario, erogati dopo il placet di Bankitalia: la questione si risolve con un espediente tecnico, ma dall’acquisto del luglio 2014 alla fusione passa un anno e mezzo. E nel frattempo Bari deve fare due aumenti di capitale da 480 milioni di euro che bruciano quasi 70mila risparmiatori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie