Venerdì 21 Febbraio 2020 | 10:53

NEWS DALLA SEZIONE

verso l'arrivo del papa
Incontro vescovi a Bari: oggi ospiti in parrocchie diocesi, ecco dove andranno

Incontro vescovi a Bari: oggi ospiti in parrocchie diocesi, ecco dove andranno

 
Il Riesame
PopBari,

Pop-Bari, Marco e Gianluca Jacobini restano ai domiciliari. Interdizione per Circelli, rimesso in libertà

 
la visita
Papa a Bari: mille volontari, 280 coristi e un call center attivato dal Comune

Papa a Bari: mille volontari, 280 coristi e un call center attivato dal Comune

 
nel barese
Altamura: assolto da accusa omicidio dopo 5 processi

Altamura: assolto da accusa omicidio dopo 5 processi

 
Ferrovie appulo-lucane
Papa a Bari: 14 treni speciali e navette per domenica 23

Papa a Bari: 14 treni speciali e navette per domenica 23

 
al multicinema Galleria
«Si vive una volta sola»: Carlo Verdone e il cast presentano a Bari il film girato in Puglia

«Si vive una volta sola»: Carlo Verdone e il cast presentano a Bari il film girato in Puglia

 
musica
Gigi D'Alessio in concerto a Bari: la scaletta la sceglierà il pubblico in tempo reale

Gigi D'Alessio in concerto a Bari: la scaletta la sceglierà il pubblico in tempo reale

 
La denuncia
Bari, ladro seriale di biciclette bloccato dopo un furto nel Campus universitario

Bari, ladro seriale di biciclette bloccato dopo un furto nel Campus universitario

 
A Poggiofranco
Bari, presi due ladri d'auto in trasferta da Cerignola: stavano «spogliando» una Mercedes

Bari, presi due ladri d'auto in trasferta da Cerignola: stavano «spogliando» una Mercedes

 
il bilancio
Aeroporti Bari e Brindisi, traffico in aumento del 9,6% rispetto al 2019

Aeroporti Bari e Brindisi, traffico in aumento del 9,6% rispetto al 2019

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, Simeri: «Con la Cavese ci giochiamo tanto»

Bari, Simeri: «Con la Cavese ci giochiamo tanto»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Bariverso l'arrivo del papa
Incontro vescovi a Bari: oggi ospiti in parrocchie diocesi, ecco dove andranno

Incontro vescovi a Bari: oggi ospiti in parrocchie diocesi, ecco dove andranno

 
Foggianel Foggiano
S.Paolo Civitate, tentò di uccidere 30enne per debito di droga: arrestato

S.Paolo Civitate, tentò di uccidere 30enne per debito di droga: arrestato

 
TarantoNel Tarantino
Grottaglie, spacciano ai giardinetti, accanto ai bimbi che giocano: polizia intercetta 3 responsabili

Grottaglie, spacciano ai giardinetti, accanto a bimbi che giocano: 3 in cella

 
Materail 23 febbario
Le maschere antiche della Basilicata sfileranno al Carnevae di Fiume

Le maschere antiche della Basilicata sfileranno al Carnevae di Fiume

 
Potenzanel Potentino
«Paga 300 euro o diffondo notizie sulla tua vita privata»: un arresto ad Atella

«Paga 300 euro o diffondo notizie sulla tua vita privata»: un arresto ad Atella

 
LeccePresi dai Cc
Carmiano, rapinatori portano via carte Bancomat e si fanno fotografare allo sportello: arrestati

Carmiano, rapinatori portano via carte Bancomat e si fanno fotografare allo sportello: arrestati

 
Bariil bilancio
Aeroporti Bari e Brindisi, traffico in aumento del 9,6% rispetto al 2019

Aeroporti Bari e Brindisi, traffico in aumento del 9,6% rispetto al 2019

 
BatLa curiosità
Canosa, santini e fiori: il cruscotto dell'auto diventa un «altarino»

Canosa, santini e fiori: il cruscotto dell'auto diventa un «altarino»

 

i più letti

Edilizia giudiziaria

Bari, Decaro: «Vorrei un Parco della giustizia entro 4 anni»

Il sindaco è intervenuto al tavolo territoriale che si occuperà degli aspetti legati all’impatto che avrà sulla città il nuovo insediamento giudiziario, tra i quali viabilità e parcheggi

Bari, Decaro: «Vorrei un Parco della giustizia entro 4 anni»

BARI - «Entro la fine del mio mandato vorrei vedere, se non la inaugurazione, almeno la realizzazione del Polo della Giustizia, che vorrei si chiamasse Parco della Giustizia, una grande area verde con all’interno i diversi edifici per gli uffici giudiziari». Lo ha detto il sindaco di Bari, Antonio Decaro, intervenendo alla prima riunione, nel Comune di Bari, del tavolo territoriale sull'edilizia giudiziaria che si occuperà degli aspetti legati all’impatto che avrà sulla città il nuovo insediamento giudiziario, tra i quali viabilità e parcheggi.
Il sindaco ha chiesto «come auspicio e richiesta esplicita» tempi certi sulla costruzione, entro quattro anni, e poi di fare di quell'area «un grande parco, ampliando le aree a verde, all’interno del quale costruire gli edifici giudiziari». All’incontro, presieduto dal direttore generale del Comune, Davide Pellegrino, hanno partecipato dirigenti e tecnici dell’Agenzia del Demanio, l’ente che dovrà realizzare l’opera, del Ministero della Giustizia e del Provveditorato interregionale alle opere pubbliche, che fa parte del Ministero delle Infrastrutture.

Al tavolo sono state presentate le caratteristiche dell’area sulla viabilità, sulla capacità di parcheggio ed esaminata la rete dei servizi. Tutti sono stati concordi nel ritenere che «non sussistono ostacoli alla realizzazione di questo progetto». Unica criticità evidenziata è stata quella relativa al collegamento con le ferrovie, tuttavia superabile grazie all’ipotesi già avanzata dall’amministrazione comunale di attivare navette dedicate. Ora si attende la riunione del 30 marzo nella sede del Ministero della Giustizia che dovrà validare lo studio di Invitalia, finanziato un anno fa dalla Città metropolitana di Bari, che contiene il piano esigenziale.

LE «RICHIESTE» - Stando a quella analisi dei fabbisogni, stilata su indicazione dei capi degli uffici giudiziari baresi, l’opera dovrebbe avere una superficie di circa 110-130mila mq. Sulla base di questi numeri dovrà essere predisposto il bando per il progetto. I fondi già stanziati dal Ministero, circa 94 milioni di euro, dovrebbe essere sufficienti a finanziare l’intero progetto e almeno il primo lotto, che dovrebbe accogliere gli uffici penali, al momento i più penalizzati dopo lo sgombero per rischio crollo del Palagiustizia di via Nazariantz e il trasferimento nella ex torre Telecom al quartiere Poggiofranco, con spazi più ridotti.

I PENALISTI SCRIVONO A BONAFEDE - I penalisti baresi chiedono certezze su tempi e costi di realizzazione del Polo della Giustizia. Lo fanno con una lettera indirizzata al ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, e sottoscritta dal presidente della Camera penale di Bari, Guglielmo Starace, consegnata ai tecnici di via Arenula in occasione del tavolo territoriale sul Polo della Giustizia, riunitosi oggi nel Comune di Bari. Nella missiva i penalisti evidenziano «la gravissima inadeguatezza della struttura» di via Dioguardi, che ospita provvisoriamente Procura e Tribunale penale, e «la perdurante situazione di emergenza degli uffici giudiziari baresi». Per gli avvocati la realizzazione del Polo unico rappresenta «il raggiungimento di un obiettivo per cui continuiamo quotidianamente a soffrire non soltanto quali operatori del settore giudiziario, ma anche e soprattutto quali cittadini di uno Stato che non riesce in questa terra ad esercitare il potere giudiziario con la giusta dignità». Al guardasigilli i penalisti rivolgono otto precise domande, sulle risorse attualmente disponibili, sulla stima dei costi complessivi, sul cronoprogramma e quindi sui tempi di consegna della nuova opera. «Interrogativi - dicono - tesi a ricevere rassicurazioni sull'immediato futuro».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie