Domenica 23 Febbraio 2020 | 05:27

NEWS DALLA SEZIONE

la decisione
Popolare di Bari, De Angelis nominato direttore generale

Popolare di Bari, De Angelis nominato direttore generale

 
la visita
Coronavirus, Decaro: «Il Papa verrà a Bari, in Puglia per ora nessun allarme»

Coronavirus, Decaro: «Il Papa verrà a Bari». In Puglia per ora nessun allarme

 
trasporti
Bari-Napoli in 3 ore e mezzo: dal 28 marzo il treno diretto

Bari-Napoli in 3 ore e mezza: dal 28 marzo il treno diretto

 
L'accensione
Bari, la fontana di piazza Aldo Moro si accende con i colori della pace

Bari, la fontana di piazza Aldo Moro si accende con i colori della pace

 
la testimonianza
Coronavirus, parla manager monopolitano a Shanghai: «Va meglio, soffre solo Wuhan»

Coronavirus, parla manager monopolitano a Shanghai: «Va meglio, soffre solo Wuhan»

 
banche
Pop-Bari, era un affare l'acquisto di Tercas

Pop-Bari, era un affare l'acquisto di Tercas

 
nel Barese
Corato, frantoio sversava illecitamente acque reflue: sequestrato terreno di 15 ettari

Corato, frantoio sversava illecitamente acque reflue: sequestrato terreno di 15 ettari

 
la curiosità
Bari, l'inaugurazione dell'anno giudiziario al Tar a ritmo di musica brasiliana

Bari, l'inaugurazione dell'anno giudiziario al Tar a ritmo di musica brasiliana

 
i fatti nel 2005
Sequestrò imprenditore per estorsione: GdF arresta ad Altamura latitante ricercata in tutta Europa

Sequestrò imprenditore per estorsione: GdF arresta ad Altamura una latitante

 
verso l'arrivo del papa
Incontro vescovi a Bari: oggi ospiti in parrocchie diocesi, ecco dove andranno

Incontro vescovi a Bari: oggi ospiti in parrocchie diocesi, ecco dove andranno

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari, mister Vivarini srpona i suoi prima della trasferta contro la Cavese: «Siamo nel momento clou del torneo»

Bari, mister Vivarini sprona i suoi: «Siamo nel momento clou del torneo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiasos sicurezza
Foggia, nelle campagne torna il Far West

Foggia, nelle campagne torna il Far West

 
Barila decisione
Popolare di Bari, De Angelis nominato direttore generale

Popolare di Bari, De Angelis nominato direttore generale

 
BatTragedia sfiorata
Barletta, agguato in via Callano, ferito un 53enne sparato alle spalle

Barletta, agguato in via Callano, ferito un 53enne sparato alle spalle

 
BrindisiIl caso
«Rifiuti pericolosi sul traghetto partito da Brindisi», la denuncia di un giornalista

«Rifiuti pericolosi sul traghetto partito da Brindisi», la denuncia di un giornalista

 
PotenzaI controlli
Melfi, guida «Panda» rubata, fermato nel Foggiano

Melfi, guida «Panda» rubata, fermato nel Foggiano

 
Tarantol'illustrazione
Diodato nella sua Taranto: l'omaggio di un artista è virale

Diodato nella sua Taranto: lunedì attestato benemerenza dal Comune

 
LecceNel Salento
Patù, in vendita monumento nazionale: scoppia il caso «Centopietre»

Patù, in vendita monumento nazionale: scoppia il caso «Centopietre»

 
Materanel Materano
Scanzano Jonico, ubriaco picchia la compagna e la manda in ospedale: arrestato

Scanzano Jonico, ubriaco picchia la compagna e la manda in ospedale: arrestato

 

i più letti

Bari

Amtab, meno soldi per le «malattie brevi»: scoppia la guerra

Decaro media, sospeso sit-in. Braccio di ferro tra sindacato e azienda

sede Amtab

L’Amtab cancella l’indennità di produttività (in caso di malattia), i sindacati sul piede di guerra manifestano davanti a Palazzo di città. Il sit in di protesta - annunciato di quattro giorni - è sospeso solo grazie alla mediazione del sindaco Antonio Decaro.
Ma andiamo per gradi. La vertenza che interessa i lavoratori della municipalizzata del trasporto cittadino nasce dalla modifica fatta da parte dell’azienda relativa all’indennità di malattia, per cui in caso di assenza il lavoratore non ha diritto a percepire l’indennità di produttività - graduata in base alla durata dell’assenza: 100% dal primo al terzo giorno, 50% dal quarto al ventesimo, 33% dal ventunesimo giorno in poi -.

«Il direttore generale Lucibello ha di fatto cancellato in modo unilaterale un accordo di secondo livello - spiega Dario Loporchio (Ugl) -. Si tratta della cosiddetta indennità di malattia di media competenza, un istituto previsto dal Contratto nazionale di lavoro, per cui chi è in malattia adesso perde questo valore già dal primo giorno». «In pratica oggi dal secondo evento mensile di malattia si subisce una decurtazione del premio di produzione già del 20% - dice ancora -. Il risultato sa qual è? È che un autista pur di non perdere soldi, viene a lavorare anche ammalato, con tutti i rischi che ne conseguono per lui e per le persone».

Le organizzazioni sindacali non condividono quindi l’interpretazione del testo unico data dall’azienda, ritenuta penalizzante per i lavoratori, il cui stipendio medio su aggira su 1.100 euro mensili. A quanto pare, tutto nasce dal fondo nazionale sulle malattie non più finanziato dallo Stato. «In tutta Italia, solo Amtab è partita con un’azione mirata a recuperare i soldi. E parliamo di 100mila euro l’anno non chissà quale importo, che però l’azienda vuole riprendersi dagli operai», asserisce Loporchio.
«Dopo gli sforzi fatti negli anni passati proprio per combattere il problema delle micro malattie, che hanno portato a una netta diminuzione del fenomeno, ci saremmo aspettati maggior comprensione da parte dell’azienda. E invece non è così», commenta il sindacalista Ugl.

Ieri mattina quindi è iniziato il sit-in di protesta in piazza Prefettura sospeso però in virtù dell’intervento del primo cittadino. «Ringraziamo il sindaco per la sua sensibilità, col quale abbiamo preso appuntamento in azienda il 4 febbraio prossimo per affrontare insieme la problematica», conclude Loporchio.
Che lavoratori e azienda siano spesso in disaccordo non è una novità. Infatti nelle scorse settimane è stata già avviata la procedura che in assenza di una mediazione delle istituzioni porterà l’induzione dello sciopero. La prima fase svoltasi in azienda avuto esito negativo, l’iter adesso prevede per la prossima settimana un incontro in Prefettura ai fini di una possibile conciliazione. Dovesse saltare si arriverà all’astensione dal lavoro, prima però ci sarà il confronto con il primo cittadino.

«L’indennità è prevista dal contratto nazionale di lavoro, ma attenzione noi non corrispondiamo le quote di produttività, perché non rientrano nel calcolo delle indennità aziendali. Altrimenti chi è malato prende gli stessi soldi di chi lavora. E non mi sembra giusto. È un modo di combattere l’assenteismo, anche perché i primi tre giorni di assenza per malattia dal lavoro sono al 100% a carico dell’azienda», taglia corto il direttore generale, Francesco Lucibello, che respinge al mittente anche le accuse di modifica unilaterale del contratto. «In passato il contratto è stato interpretate male, io sto applicando il contratto in modo corretto, d’altronde se fosse un loro diritto potrebbero farlo valere in altre sedi, invece la loro è una rivendicazione».

La piaga delle micro assenze continua in ogni caso a incidere sulla efficienza del servizio. «Abbiamo avuto una riduzione generale delle malattie ma non appunto sulle micro assenze, sulle quali non riusciamo ad intervenire», aggiunge non senza ricordare che «i picchi di assenze portano alla soppressione dei servizi». Lucibello rivela poi un altro dato. «Basti andare a vedere le micro assenze di molti lavoratori. Sono tante, tutti attaccate a ferie e riposi. Almeno questi li paghiamo di meno» chiosa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie