Sabato 29 Febbraio 2020 | 11:59

NEWS DALLA SEZIONE

a poggiofranco
Bari, una 20enne ubriaca alla guida danneggia varie auto in sosta: denunciata

Bari, una 20enne ubriaca alla guida danneggia varie auto in sosta: denunciata

 
a toritto (Ba)
Quasano, cc trovano 2 senegalesi alla guida senza patente: uno aveva un ordine di carcerazione a Rimini

Quasano, 2 senegalesi alla guida senza patente: uno aveva un ordine di carcerazione a Rimini

 
l'emergenza
Il Coronavirus ferma il Carnevale di Putignano: niente festa della Pentolaccia

Il Coronavirus ferma il Carnevale di Putignano: niente festa della Pentolaccia

 
a picone
Bari, svaligiano appartamento di una pensionata: 3 ladri colti in flagrante

Bari, svaligiano appartamento di una pensionata: 3 ladri colti in flagrante

 
Do ut des
Mafia a Bari, la sentenza: «clan Parisi imponeva guardiani e case popolati»

Mafia a Bari, la sentenza: «clan Parisi imponeva guardiani e case popolari»

 
Ironia sul web
Il «Virus Corona» diventa una canzone firmata da Rimbamband e Renato Ciardo

Il «Virus Corona» diventa una canzone firmata dalla Rimbamband

 
La recensione
Libertà verticale la nuova via del Mediterraneo

Libertà verticale la nuova via del Mediterraneo

 
La curiosità
Sannicandro, farmacia regala Amuchina ai clienti: «La vostra salute ci sta a cuore»

Sannicandro, farmacia regala Amuchina ai clienti: «La vostra salute ci sta a cuore»

 
La curiosità
Gli studenti di Gravina sfornano il robot appassionato di arte, storia e teatro

Gli studenti di Gravina sfornano il robot appassionato di arte, storia e teatro

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, è cambiata la missione: un mese per blindare il secondo posto

Bari, è cambiata la missione: un mese per blindare il secondo posto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materal'iniziativa
Matera, davanti all'ospedale si pianta un albero per ogni bimbo nato

Matera, davanti all'ospedale si pianta un albero per ogni bimbo nato

 
Leccea Milano
Ospedale «Sacco»: una ricercatrice salentina nel team che ha isolato il ceppo italiano del Coronavirus

Ospedale «Sacco»: ricercatrice salentina nel team che ha isolato il ceppo italiano del Coronavirus

 
Baria poggiofranco
Bari, una 20enne ubriaca alla guida danneggia varie auto in sosta: denunciata

Bari, una 20enne ubriaca alla guida danneggia varie auto in sosta: denunciata

 
Foggianel Foggiano
Borgo Incoronata, lite per parcheggio condominiale, 2 famiglie si prendono a botte: interviene la polizia

Borgo Incoronata, lite per parcheggio condominiale, 2 famiglie si prendono a botte: interviene la polizia

 
TarantoNel Tarantino
Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

 
Batcoronavirus
Trani, il sindaco dispone chiusura scuole per sanificazione

Bat, scuole chiuse per sanificazione

 
Brindisidai carabinieri
S.Pancrazio Sal., arrestato 46enne: aveva 86 dosi di cocaina

S.Pancrazio Sal., arrestato 46enne: aveva 86 dosi di cocaina

 

i più letti

il caso

Polignano: «A Grotta Palazzese via scala e canna fumaria». Il gestore: «Tutto regolare»

Lo sostiene il Comune: nel mirino tre opere realizzate in assenza di titolo abilitativo

Polignano: «A Grotta Palazzese via scala e canna fumaria», il gestore: «Tutto regolare»

Le strade tra il Comune di Polignano e l’imprenditore Modesto Scagliusi si incrociano ancora. I terreni di Costa Ripagnola tra Cozze e Polignano sui quali insistono i trulli che, in base a un contestato progetto, dovrebbero essere ristrutturati per trasformarsi in un resort di lusso, non c’entrano. Questa storia ruota intorno al gioiello gestito sempre da Scagliusi, Grotta Palazzese, sul quale l’amministrazione guidata dal sindaco Domenico Vitto non sembra fare sconti. Il dirigente dell’Area Tecnica del Comune di Polignano il 13 gennaio scorso ha firmato un’ordinanza di «ripristino dello stato dei luoghi» notificata alla proprietaria e al noto imprenditore, amministratore unico della «Hotel Grotta Palazzese», nonché gestore del ristorante in forza di un contratto di locazione firmato nel 2008. Toccherà a loro «entro e non oltre 90 giorni», nonché «a propria cura e spese», ripristinare i luoghi. Ma il provvedimento non è definitivo e Scagliusi ritiene di avere molti argomenti a suo favore per confermare la piena legittimità della situazione, fa sapere attraverso i suoi legali.Nel mirino del Comune di Polignano finiscono tre opere che sarebbero state realizzate «in assenza di titolo abilitativo» e in mancanza di autorizzazione paesaggistica. Il celebre e storico hotel e ristorante «Grotta Palazzese» incastonato sulla scogliera di uno degli scorci più belli al mondo, è sottoposto a numerosi vincoli paesaggistici che, secondo il Comune sarebbero stati violati. La zona costiera a valle della strada statale del Comune di Polignano è considerata peraltro di «notevole interesse». Si va dalla scalinata a vista «che dal piano superiore conduce alla grotta (per accesso alla battigia)», alla «installazione di una canna fumaria con relativo estrattore d’aria», ad «alcune opere murarie».

Tutto ha inizio quando la Capitaneria di Porto, impegnata ad effettuare alcuni rilievi dal punto di vista idrogeologico, si sofferma su alcune opere adiacenti alla struttura osservandole dal mare. L’articolo di riferimento è il 55 del codice della navigazione che disciplina distanze e autorizzazioni per le nuove opere realizzate in prossimità del demanio marittimo. La segnalazione arriva al Comune che approfondisce la questione sotto il profilo delle norme previste dal codice dei beni ambientali. Si scava negli archivi polverosi di Polignano. Come viene riportato nella stessa narrativa dell’ordinanza, spunta persino la licenza edilizia datata 1961, rilasciata alla proprietà dell’epoca per costruire un «ristorante-albergo composto da piano seminterrato, rialzato, I e II piano in via Tritone angolo via Atropo». Secondo i tecnici del Comune, però, è «di difficile collocazione temporale la realizzazione della scala di collegamento tra la terrazza e la battigia della grotta al parapetto». La certezza è che al Comune non risultano pervenute richieste di autorizzazione per realizzare la canna fumaria. Ed è su questo che si concentra Palazzo di Città. Il «quando». Insomma, tutto ruota intorno a un elemento: in che data sono state realizzate canna fumaria e scala, prima o dopo l’entrata in vigore delle norme a tutela del paesaggio?

A quanto pare, l’elenco delle tre opere «sospette» si assottiglia. Sarebbe stato di fatto lo stesso Comune a fare una scrematura. L’unico problema rimasto, sul quale effettuare accertamenti, sarebbe sostanzialmente la canna fumaria. Ma anche su questo, Scagliusi è certo di venirne a capo. L’avvocato Giuseppe Chiaia Noya, che assiste l’imprenditore, sgombra il campo dagli equivoci. «Da quanto ci risulta, ma stiamo approfondendo sul punto, la canna fumaria risale agli anni Cinquanta, la scala risale ad epoca anteriore ancora. Di conseguenza, non solo Scagliusi non c’entra nulla, ma anche l’attuale proprietà è del tutto estranea a quelle opere realizzate così indietro nel tempo. Sono convinto che le autorità preposte accerteranno la regolarità di tutte le opere che certamente sono tutte precedenti alla gestione Scagliusi. Il precedente gestore, nei primi anni del 2002 ha ottenuto anche la concessione edilizia e l’autorizzazione paesaggistica».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie