Giovedì 12 Dicembre 2019 | 04:54

NEWS DALLA SEZIONE

Infortunio sul lavoro
Noicattaro, manovra rullo: operaio si frattura braccio e femore

Noicattaro, manovra rullo: operaio si frattura braccio e femore

 
Zona industriale
Bari, cancello gli cade addosso: ferito titolare azienda

Bari, cancello gli cade addosso: ferito titolare azienda

 
nel Barese
Schianto sulla SS172: muore coppia di Putignano insieme al cagnolino

Schianto sulla SS172: muore coppia di Putignano insieme al cagnolino

 
truffa
Bari, cancellata condanna a ex primario Neurochirurgia, ma pagherà i danni

Bari, cancellata condanna a ex primario Neurochirurgia, ma pagherà i danni

 
nel Barese
Acquaviva delle Fonti, ospedale Miulli premiato per attenzione alle malattie delle donne

Puglia, a 13 ospedali il Bollino Rosa per attenzione a malattie delle donne

 
l'incontro
Alan Friedman a Bari: «Questa non è l'Italia»

Alan Friedman a Bari: «Questa non è l'Italia»

 
nel Barese
Bitetto, si autoaccusò di omicidio commesso dalla figlia: rischia 20 anni

Bitetto, si autoaccusò di omicidio commesso dalla figlia: rischia 20 anni

 
il gesto
Giovinazzo, la proposta di matrimonio è in piazza con una danza sui trampoli

Giovinazzo, la proposta di matrimonio è in piazza con una danza sui trampoli

 
il caso
Trans ucciso nel 2007, Tribunale Bari accoglie ricorso Procura Trani: «Lomolino va arrestato»

Trans ucciso nel 2007, Tribunale Bari accoglie ricorso Procura Trani: «Lomolino va arrestato»

 
professioni
Via all'esame da avvocato, a Bari gli aspiranti sono sempre meno

Via all'esame da avvocato, a Bari gli aspiranti sono sempre meno

 

Il Biancorosso

serie c
Il Bari senza Di Cesare è una prova di maturità

Il Bari senza Di Cesare è una prova di maturità

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariInfortunio sul lavoro
Noicattaro, manovra rullo: operaio si frattura braccio e femore

Noicattaro, manovra rullo: operaio si frattura braccio e femore

 
TarantoSerie D
Taranto calcio, manicchino impiccato e offese al dg Montella

Taranto calcio, manicchino impiccato e offese al dg Montella

 
FoggiaVertice in Prefettura
Foggia, famiglie in container: sindaco firmerà ordinanza sgombero

Foggia, famiglie in container: sindaco firmerà ordinanza sgombero

 
Brindisitrasporti
Brindisi, evacuazione per bomba: stop ai treni, ci saranno i bus

Brindisi, evacuazione per bomba: stop ai treni, ci saranno i bus

 
Leccea surbo
Sud Sound System, dopo l'incidente Nandu Popu tranquillizza i fan: «Neanche un graffio grazie alle cinture»

Sud Sound System, dopo l'incidente Nandu Popu tranquillizza i fan: «Neanche un graffio grazie alle cinture»

 
Batle dichiarazioni
Trani candidata a Capitale Italiana Cultura 2021, il sostegno di tutta la Bat

Trani candidata a Capitale Italiana Cultura 2021, il sostegno di tutta la Bat

 
Potenzanel Potentino
Montescaglioso, uccise a coltellate 42enne dopo una lite: 29enne condannato all'ergastolo

Montescaglioso, uccise a coltellate 42enne dopo una lite: 29enne condannato all'ergastolo

 
Materanel Materano
Bernalda, scoperta base logistica mafia lucana: tre arresti

Bernalda, scoperta base logistica mafia lucana: tre arresti

 

i più letti

trasporti

Treno Napoli-Bari, stop al tunnel sotto l'Irpinia, bocciato dal Ministero

Arriva la sostanziale bocciatura dal Consiglio superiore dei Lavori Pubblici: gravi criticità anche sulla sicurezza

Treno Napoli-Bari, stop al tunnel sotto l'Irpinia

Per far sì che Bari sia collegata a Napoli da un treno veloce sarà necessario bucare l’Irpinia, costruendo una galleria da 27 km che rappresenta uno dei dieci tunnel ferroviari più lunghi del mondo. Un’opera ingegneristica estremamente complessa, che costituisce il cuore del progetto dell’Alta capacità da 6,2 miliardi. Quello che ai tempi del governo Renzi è stato affidato a un commissario e che - insiste Trenitalia - sarà pronto nel 2026. Ma i documenti inducono più di qualche dubbio.

Il progetto del tunnel sotto l’Irpinia, la tratta Hirpinia-Orsara, è stato infatti sostanzialmente bocciato dal Consiglio superiore dei Lavori pubblici: ad agosto 2019 il massimo organo ministeriale ha espresso fortissimi dubbi, in particolare sulle misure di sicurezza, parlando di «significative criticità e carenze» e prescrivendo che il progetto «debba essere rielaborato ed integrato».
Il gruppo Fs sostiene, da sempre e anche a dispetto dell’evidenza, che tutti i lotti della Napoli-Bari andranno in appalto «entro il primo trimestre 2020» e saranno operativi «entro l’inizio del 2021», per terminare entro il 2026. Dunque, in sei anni (2021-2026), dovrebbe essere completato un tunnel di 27 km che - scrive il Consiglio superiore - è «un’opera di grande rilevanza ingegneristica»: «Al momento solo la galleria del Terzo Valico, in fase di costruzione, ha una lunghezza pari alla galleria Hirpinia qui considerata e al mondo sono operative o in fase di costruzione non più di una decina di gallerie con lunghezza simile o maggiore».

Non è un appunto casuale. Perché il progetto di Rfi, quello da riformulare, richiede 2.730 giorni di tempo. Ovvero sette anni e mezzo di lavori. E non può ancora essere mandato in gara. Intanto perché non è stato approvato: è in corso la Valutazione di impatto ambientale al ministero (la decisione dovrebbe arrivare a novembre), e le conferenze di servizi non sono concluse (Fs ne «auspica» la conclusione entro dicembre). In più, manca una parte dei soldi: l’aggiornamento al contratto di programma Rfi-ministero, approvato dal Cipe a luglio, non è ancora stato pubblicato in Gazzetta ufficiale.

E poi, appunto, c’è il nodo di un progetto che, scrive il Consiglio superiore, è «carente» sotto molti aspetti (e pieno di strafalcioni: la somma dei singoli computi metrici, per dire, è diversa dal costo totale). Oltre che, probabilmente, un po’ sovradimensionato: «Il costo unitario dell’infrastruttura ammonta a circa 53,6 milioni a km, costo che appare superiore a quello di interventi similari progettati o attualmente in costruzione sia in Italia che all’estero, anche in considerazione delle incertezze risultanti dall’esame sui vari aspetti trattati nel progetto, il cui superamento potrebbe portare a una lievitazione dei costi».

Le «incertezze» del progetto sono lunghe 68 pagine. Ma quelle più importanti riguardano la sicurezza del tunnel sotto l’Irpinia e le modalità di realizzazione. Secondo i tecnici ministeriali manca uno studio approfondito «degli effetti sismici sul rivestimento» della galleria, e dell’«evoluzione del campo tensionale e deformativo nei terreni nell’intorno del fronte di scavo durante l’avanzamento». Cioè di cosa potrà accadere su terreni molto friabili quando saranno in funzione le speciali frese. «Le incertezze presenti nell’attuale progetto, strettamente legate alla complessità geologico-geotecnica dei luoghi», secondo il Consiglio superiore richiedono «uno sforzo aggiuntivo sulla formulazione dei modelli da assumere a riferimento per il dimensionamento delle opere, sull’analisi dell’interazione tra opere in progetto e problematiche presenti sul territorio oltre che sulle modalità di esecuzione dello scavo».

Secondo Fs, però, quelle del Consiglio superiore sono solo «alcune osservazioni» al progetto: «A settembre e ottobre si sono tenuti diversi incontri tra Rfi e il Consiglio stesso per fornire i chiarimenti richiesti. Tali chiarimenti sono stati formalmente trasmessi il 31 ottobre, siamo in attesa di ricevere a stretto giro il positivo parere consultivo finale». Fonti ministeriali spiegano che non è affatto scontata l’emissione di un parere positivo.


Ma pur volendo essere ottimisti, e ammettere che arrivi questo parere positivo e il sì del ministero dell’Ambiente, che a dicembre venga pubblicato il decreto del Cipe e si concludano le conferenze di servizio, che il 1° gennaio 2020 parta la gara d’appalto, che venga aggiudicata in sei mesi, che il cantiere apra il 1° gennaio 2021, come faranno a completare entro il 2026 - come sostengono - un’opera che prevede sette anni e mezzo di lavori? «Eventuali allungamenti dei tempi autorizzativi - risponde il gruppo Fs - potranno essere recuperati rimodulando la tempistica delle successive attività previste, così come fatto per i primi lotti, grazie all’attività del commissario». Evidentemente, tra i poteri speciali del commissario deve esserci la bacchetta magica di Harry Potter. O, più probabilmente, tra qualche tempo bisognerà prendere atto per l’ennesima volta che il treno veloce tra Bari e Napoli non arriverà in tempi brevi.

IL TRENO DIRETTO SLITTA AL 2020 - L’ipotesi di un Intercity tra Bari e Napoli, nell’attesa del completamento dell’Alta capacità, slitterà quasi certamente al prossimo anno. Servono ulteriori riflessioni, anche sul fronte della convenienza del collegamento con il treno che dovrà fare concorrenza al bus.
L’ipotesi preliminare che circola in questi giorni parla infatti di una percorrenza di 3 ore e 40 minuti, necessaria a garantire quasi tutte le fermate oggi esistenti nel percorso degli Intercity tra Bari e Caserta. L’ipotesi allo studio prevede peraltro la partenza da Napoli alle 7, e il ritorno da Bari alle 17,40.

Il «diretto» dovrebbe insomma partire da Bari, toccare Foggia (dove è necessaria l’inversione), arrivare a Caserta e fare una nuova inversione per immettersi sulla linea storica per Napoli. Ma, lungo il percorso, il treno dovrebbe fare almeno altre tre fermate.
Oggi il collegamento in treno tra Bari e Napoli semplicemente non esiste, perché è necessario cambiare a Caserta con tempi lunghissimi (fino a sette ore). Ecco perché l’unica alternativa sono i bus, con i testa quelli della low-cost Flixbus. I bus sono praticamente in monopolio anche sulla tratta Foggia-Napoli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie