Domenica 08 Dicembre 2019 | 19:07

NEWS DALLA SEZIONE

Blitz nella notte
Bari, sosta selvaggia per la movida: 50 multe nella zona Umbertina

Bari, sosta selvaggia per la movida: 50 multe nella zona Umbertina

 
L'iniziativa
Musica al Petruzzelli: ecco la Notte di San Nicola per i ragazzi

Bari, musica al Petruzzelli: ecco la Notte di San Nicola per i ragazzi

 
La manifestazione
«Bari non abbocca»: così il popolo delle sardine riempie piazza Libertà

«Bari non abbocca»: così il popolo delle sardine in piazza Libertà. 
Oltre 3mila persone per strada

 
La novità
Il Natale ad Altamura si accende con i dinosauri luccicanti

Il Natale ad Altamura si accende con i dinosauri luccicanti

 
Le festività
Natale 2019 a Bari: presentato il calendario, 250 iniziative in programma

Natale 2019 a Bari: presentato il calendario, 250 iniziative in programma

 
Call it a Crime of Pasta
Le orecchie delle signore di Bari Vecchia finiscono sul New York Times

Bari, le orecchiette «criminali» sul New York Times. I vigili: nessuna vessazione

 
L'intervista
Io, Donato Carrisi e il noir che non posso ambientare in Puglia

Io, Donato Carrisi e il noir che non posso ambientare in Puglia

 

Il Biancorosso

Al San Nicola
Bari, operazioni aggancio al Potenza. Segui la diretta dalle 17.30

Bari, operazione aggancio al Potenza. Segui la diretta dalle 17.30

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatNuoto
La biscegliese Elena Di Liddo è argento europeo nei 100 farfalla

La biscegliese Elena Di Liddo è argento europeo nei 100 farfalla

 
FoggiaL'arresto
Preparavano assalto ad un bancomat a Chieti: in manette 4 foggiani

Preparavano assalto ad un bancomat a Chieti: in manette 4 foggiani

 
PotenzaL'intervista
Cappelli: «Il Capodanno Rai ci ha fatto scoprire Potenza»

Cappelli: «Il Capodanno Rai ci ha fatto scoprire Potenza»

 
HomeIl siderurgico
Cantiere Taranto, a studio sgravi del 100% per chi assume lavoratori ex Ilva

Cantiere Taranto, a studio sgravi del 100% per chi assume lavoratori ex Ilva

 
BrindisiPub Ciporti
Fasano, incendio a un pub: terzo attentato in pochi mesi

Fasano, incendio a un pub: terzo attentato in pochi mesi

 
LecceL'analisi
Lecce, il boom della grande distribuzione: in provincia ci sono 402 strutture

Lecce, il boom della grande distribuzione: in provincia ci sono 402 strutture

 
MateraOperazione dei Cc
Pisticci, sorpresi in garage con 800 grammi di marijuana: in cella due 21enni

Pisticci, sorpresi in garage con 800 grammi di marijuana: in cella due 21enni

 

i più letti

La polemica

Regione Puglia, l’ira di Odg e sindacato: «Cercano addetto non giornalista»
Loizzo replica: «È per amministrativi»

'Recluta personale interno senza abilitazione professionale'

giornali stampa editoria

BARI - «O si riformulano le attività oppure si introduce come requisito l’iscrizione all’Ordine dei giornalisti": è quanto afferma l’Ordine dei giornalisti della Puglia in merito all’avviso interno di mobilità per due unità di personale del Consiglio regionale pugliese, per lo svolgimento di attività di supporto alla sezione informazione e stampa. "Nell’avviso - spiega l’Odg - si cercano unità di personale per attività che sono proprie dei giornalisti. Senza l’iscrizione in uno dei due elenchi (professionisti e pubblicisti) si configurerebbero ipotesi di esercizio abusivo della professione. E sarebbe assurdo che un ente pubblico, come il Consiglio regionale, che è dotato di un ufficio stampa, con una legge regionale che lo regolamenta, possa sorvolare sulle norme della legge 150 del 2000 e l’ultima sul pubblico impiego che introduce la figura del giornalista pubblico».
«Ancora una volta sarebbe stato auspicabile un confronto con i rappresentanti della categoria destinataria dell’avviso interno, prima di promulgarlo. E invece nulla», sottolineano Assostampa Puglia e Fnsi che si augurano, «vista la scadenza tra 10 giorni, l’immediata correzione e revoca dell’atto, e che invitano il presidente del Consiglio regionale, Loizzo, a fare immediata chiarezza sul caso».

«Sarebbe paradossale che il 'Parlamento' della Regione Puglia, chiamato a legiferare nel rispetto della Costituzione e delle normative vigenti dello Stato - rilevano Assostampa e Fnsi - si esponga ad illegittimità addirittura penali reclutando personale interno che non ha l’abilitazione professionale per svolgere attività giornalistica in un settore del Consiglio, l'ufficio stampa, codificato perfino da una legge regionale (la 14/87)». «A meno che - concludono - l’intento non sia proprio quello di indebolire l’autonomia e la professionalità del servizio sinora svolto a tutela dell’informazione dei cittadini».

LA REPLICA DI LOIZZO - Il presidente del Consiglio regionale della Puglia, Mario Loizzo, interviene sul bando per reclutare personale interno da assegnare all’ufficio stampa dell’ente. Il bando ha suscitato le polemiche dell’Ordine e dei sindacati dei giornalisti i quali criticano la scelta di non prevedere per i candidati l’abilitazione professionale a svolgere attività giornalistica.
«È doveroso fornire chiarimenti - afferma Loizzo - in merito all’interpretazione dell’avviso interno, destinato ai soli dipendenti di ruolo della Regione Puglia e redatto in coerenza con le previsioni contrattuali attualmente vigenti per il comparto funzioni locali. L’avviso mira ad assegnare due unità di personale all’Ufficio Stampa del Consiglio, per assicurare attività amministrative di supporto all’esercizio delle funzioni proprie della struttura che, si ricorda, ha già al proprio interno un redattore capo e altri quattro giornalisti che svolgono con efficacia attività giornalistica all’interno della Sezione stampa».
«Tanto chiarito - conclude - non si comprendono le criticità sollevate».

ORDINE E ASSOSTAMPA: BANDO ILLEGITTIMO - «Organizzare conferenze stampa, tenere i rapporti con i media e monitorare il flusso di notizie sono attività giornalistica: lo dicono le norme esistenti (a cominciare dalla legge 150 del 2000) e una sterminata giurisprudenza. Dunque affidare ad un amministrativo lo svolgimento di tali attività, come prevede l’Avviso di mobilità interna per 2 unità 'a supportò dell’ufficio stampa del Consiglio regionale, con inquadramento in Categoria D e C, lo ribadiamo, è illegittimo». Così l’Ordine dei giornalisti della Puglia e il sindacato, l’Associazione della Stampa pugliese, rispondono alla precisazione del presidente del Consiglio regionale, Mario Loizzo. «Tali elementi dovrebbero essere noti - rilevano i giornalisti in un comunicato - sia agli zelanti dirigenti del Consiglio regionale che hanno firmato quell'avviso, sia al presidente dell’assise Mario Loizzo, il quale con la nota di precisazione diffusa oggi chiarisce di non intendere correggere l'atto promulgato ieri dalla Sezione Risorse umane, in modo da destinarlo sin dai requisiti agli amministrativi cui, a detta della Presidenza del Consiglio regionale, è finalizzato».

«Prendiamo atto inoltre - aggiungono Ordine e Assostampa - del fatto che, a seguito delle rimostranze degli organismi di rappresentanza dei giornalisti pugliesi, il presidente del Consiglio non abbia nemmeno inteso convocarli per fornire quei chiarimenti che sono stati sollecitati anche da diversi gruppi consiliari regionali. Così come prendiamo atto che, a fronte dell’uscita in pensionamento di un collega dalla redazione giornalistica del Consiglio, il presidente non intenda sostituirlo con un giornalista - agevolando un auspicabile turn over utile a non indebolire l’informazione ogni giorno diffusa ai media e ai cittadini - ma con un amministrativo. Come se le presunte attività 'di supportò siano più utili di quelle svolte dalla redazione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie