Martedì 12 Novembre 2019 | 05:24

NEWS DALLA SEZIONE

Puglia
Influenza, primi due casi a Bari: colpiti due bambini. Il ceppo è quello dei vaccini in uso

Influenza, primi due casi a Bari: colpiti due bambini. Il ceppo è quello dei vaccini in uso

 
nel Barese
Mola di Bari, nasce ambulatorio infermieristico: struttura intitolata al dottor Pesce, «medico dei poveri»

Mola di Bari, ambulatorio infermieristico intitolato al dottor Pesce, «medico dei poveri»

 
dalla Procura
Soldi per estrarre petrolio in Africa e America, truffato avvocato barese: indagato ingegnere

Soldi per estrarre petrolio all'estero, truffato avvocato barese: indagato ingegnere

 
nel Barese
Altamura, appartamento trasformato in bazar di droga e ordigni artigianali: 3 arresti

Altamura, appartamento trasformato in bazar di droga e ordigni artigianali: 3 arresti

 
cibo
Allarme da Gravina: «Il fungo cardoncello è a rischio estinzione»

Allarme da Gravina: «Il fungo cardoncello è a rischio estinzione»

 
l'inchiesta
Bari, «Se spacci guadagni fino a 800 euro a settimana»: i clan assoldano intere famiglie

Bari, «Se spacci guadagni fino a 800 euro a settimana»: i clan assoldano intere famiglie

 
l'operazione
Bari, GdF sequestra al porto 196 carte d'identità in bianco, destinate alla criminalità albanese

Bari, GdF sequestra al porto 196 carte d'identità in bianco, destinate a criminalità albanese

 
nel Barese
Valenzano ha un nuovo sindaco: Romanazzi eletto al primo turno

Valenzano ha un nuovo sindaco: Romanazzi eletto al primo turno

 
nel Barese
Monopoli, Polizia Locale scopre auto di un imprenditore con pass disabili falso

Monopoli, Polizia Locale scopre auto di un imprenditore con pass disabili falso

 
i dati
Bari, uccisi 9 pedoni da gennaio, 600 multe per i telefoni alla guida

Bari, uccisi 6 pedoni da gennaio, 600 multe per i telefoni alla guida

 
le orme
Dinosauri? Passarono anche da Gravina

Dinosauri? Passarono anche da Gravina

 

Il Biancorosso

dopo il derby
Vivarini guarda la classifica: «Dobbiamo alzare il passo»

Vivarini guarda la classifica: «Dobbiamo alzare il passo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariPuglia
Influenza, primi due casi a Bari: colpiti due bambini. Il ceppo è quello dei vaccini in uso

Influenza, primi due casi a Bari: colpiti due bambini. Il ceppo è quello dei vaccini in uso

 
MateraAllerta meteo
Maltempo, sindaco Matera ordina chiusura scuole martedì

Maltempo, sindaco Matera ordina chiusura scuole martedì

 
Tarantonel Tarantino
Grottaglie, in aeroporto trovato ordigno bellico inesploso

Grottaglie, in aeroporto trovato ordigno bellico inesploso

 
Lecceidee in cucina
Solidarietà a Balotelli: a Lecce nasce il «pasticciotto nero»

Solidarietà a Balotelli: a Lecce nasce il «pasticciotto nero»

 
BatLa denuncia
Andria, è allarme furti in ospedale

Andria, è allarme furti in ospedale

 
Brindisiil cantiere
Brindisi, ordigno bellico durante lavori al multisala: piano evacuazione per 50mila persone

Brindisi, ordigno bellico durante lavori al multisala: piano evacuazione per 50mila persone

 
Potenzail rapporto
Fabbisogni standard: Basilicata tra gli ultimi

Fabbisogni standard: Basilicata tra gli ultimi

 

i più letti

Il personaggio

Picci, il CR7 di Japigia che ha bucato la Rete sotto il castello di Trani

Il 34enne barese attaccante del Trani che milita in Eccellenza protagonista di un gol in sforbiciata. La sua intervista ha fatto il giro del web

Picci, il CR7 di Japigia che ha bucato la Rete sotto il castello di Trani

La sua rovesciata sotto il Castello di Trani è di quelle che finiscono nelle cineteche abitate dai Ronaldo, Messi, Maradona. Ma non avrebbe mai immaginato che il gola e l’intervista del dopo-partita avrebbe perforato i muri del web con migliaia di clic. E invece è accaduto.

Antonio Picci si sente un po’ Cristiano Ronaldo?
«Segnare un gol in rovesciata, al 90’, con due avversari che ti stringono e spingono non è facile. E in qualsiasi campionato fai un gol del genere la felicità è incontenibile».

E poi l’intervista di Luca Guerra a «Telesveva» che è diventata virale. Lo immaginava?
«Ma no. Per uno che gioca nel Trani, squadra di una città straordinaria, ma pur sempre di Eccellenza, non capita tutti i giorni. Mi dicono che sono molte migliaia le visualizzazioni. Sapete che vi dico: sono contento».

È stata contattata anche da calciatori famosi?
«Sì, mi hanno scritto su Instagram Petagna della Spal e Ardemagni dell’Ascoli. Non so se siete d’accordo, ma sono soddisfazioni»

E domenica sarà in Rai. Il Trani gioca d’anticipo e quindi sarà la consacrazione mediatica.
«Mi hanno chiamato da Quelli che il calcio... ».

Torniamo all’impresa.
«Io sono fatto così, qualche sassolino lo dovevo togliere: pensavo fosse l’occasione buona».

Un po’ fumantiino, lei, Picci, lo è. La stagione scorsa a Bitonto, lei lanciò la maglietta contro la panchina: aveva segnato dopo essere subentrato.
«La panchina non fa piacere a nessuno, figuriamoci a chi ha 34 anni e una certa carriera alle spalle. Ma, giuro, non l’avevo lanciata contro mister Pizzulli, con il quale avevo ed ho un buon rapporto. Era solo un gesto di rabbia».

A proposito di carriera. Dove si è spezzata? A Brescia, in B, sembrava fosse l’inizio dell’ascesa.
«Lì ho giocato con gente come Caracciolo, Corvia, Mitrovic. Ventisette presenze e due gol. Ero soddisfatto. Poi dovetti fare una scelta che mi portò a Matera e quello forse è stato l’errore che mi cambiò la vita. Ma dirlo ora è facile. All’epoca sembrava la scelta migliore».

Il rapporto con papà Pasquale, calciatore anche lui?
«Fatto di amore e calcio. Lui ha sempre preteso molto. Io ho fatto in modo di dargli grandi soddisfazioni. In qualsiasi campionato».

E mamma Lucia, invece?
«Ah, lei è speciale. Come tutte le mamme, penso».
Ma nell’intervista famosa ha detto qualcosa di poco lusinghiero: “ad agosto non mi voleva nemmeno mia madre...

«Ma era una battuta».

Il piatto preferito?
«La parmigiana di melanzane. Quelle poche domeniche che vado a pranza dai miei, la chiedo sempre. A meno che non c’è anche Michele, mio fratello: in quel caso, comanda lui, anche per il menù».

Il gol più bello, rovesciata a parte?
«Quello al Bari, in Coppa Italia, al San Nicola, per la vittoria del Bitonto, l’anno scorso. Per me barese di Jiapigia, gioia e dolore. E tutti e 24 quelli di Martina, quando vincemmo il campionato. Stagione meravigliosa».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie