Giovedì 04 Giugno 2020 | 14:25

NEWS DALLA SEZIONE

Tecnologia
«Immuni, applicazione pericolosa e inutile»

«Immuni, applicazione pericolosa e inutile», il parere dell'avvocato

 
Il racconto
Francesca Mangiatordi e  Elena Pagliarini

«Vi racconto i 100 giorni dell’inferno a Cremona», la testimonianza di una dottoressa di Altamura

 
l'iniziativa
Turi, il Covid non ferma la Sagra della Ciliegia Ferrovia, che diventa itinerante e solidale

Turi, il Covid non ferma la Sagra della Ciliegia Ferrovia, che diventa itinerante e solidale

 
la storia
«La nostra odissea burocratica»: hanno compilato 15 autocertificazioni per tornare da Londra a Bari

«La nostra odissea burocratica»: 15 autocertificazioni per tornare da Londra a Bari

 
educazione
«Talenti fuor d'acqua»: l'evento online per valorizzare le eccellenze in ambito scolastico

«Talenti fuor d'acqua»: l'evento online per valorizzare le eccellenze in ambito scolastico

 
La ripresa
Bari, hotel e ristoranti ripartono a piccoli passi

Bari, hotel e ristoranti ripartono a piccoli passi: accoglienza riparte con i piedi di piombo

 
nel Barese
Molfetta, con auto rubate scippava donne per strada: arrestato

Molfetta, con auto rubate scippava donne per strada: arrestato

 
L'iniziativa
Bari, il San Nicola-Topolino consegnato dalla star dei tattoo a Decaro

Bari, il San Nicola-Topolino consegnato dalla star dei tattoo a Decaro

 

Il Biancorosso

serie C
C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materaripresa
Sindaco De Ruggieri: «A Matera non ci sono più casi di Coronavirus»

Sindaco De Ruggieri: «A Matera non ci sono più casi di Coronavirus»

 
Leccenel salento
Ugento, brucia auto maresciallo Polizia Locale: indagano i cc

Ugento, brucia auto maresciallo Polizia Locale: indagano i cc

 
Potenzalavoro
Truffa all'Inps nel Potentino: sedici denunciati

Truffa all'Inps nel Potentino: sedici denunciati

 
BariTecnologia
«Immuni, applicazione pericolosa e inutile»

«Immuni, applicazione pericolosa e inutile», il parere dell'avvocato

 
Tarantol'onorificenza
Beniamino Laterza

Taranto, un vigilante del «Moscati» ora è Cavaliere della Repubblica

 
Foggianel foggiano
San Severo, in casa eroina e cocaina: giovane pusher ai domiciliari

San Severo, in casa eroina e cocaina: giovane pusher ai domiciliari

 
BrindisiL'intimidazione
Ostuni, incendiata auto a ex sindaco

Ostuni, incendiata auto in pieno giorno: terzo attentato all' ex sindaco

 

i più letti

Omicidio Sifanno

Bari, falciato a raffiche di kalashinkov: 16 anni alla nipote del boss

Donato Sifanno fu ucciso a colpi il 15 febbraio 2014 al quartiere San Paolo di Bari con 28 colpi

Omicidio Sifanno a Barisei arresti della Polizia

La Corte di Assise di Appello di Bari ha confermato la condanna a 16 anni di reclusione per Maria Misceo, nipote del boss Giuseppe, detto 'il fantasmà, imputata per l’omicidio di Donato Sifanno, ucciso a colpi di kalashnikov il 15 febbraio 2014 al quartiere San Paolo di Bari. Con la stessa sentenza, i giudici hanno inoltre ridotto da 10 a 7 anni la condanna nei confronti di Domenico Mercurio (collaboratore di giustizia), da 9 a 1 anno quella per Michele Fasano e hanno assolto «per non aver commesso il fatto» Giuseppe De Lauro (condannato in primo grado a 10 anni di reclusione), che è subito tornato in libertà.

Questo processo, celebrato con il rito abbreviato, costituisce uno dei tre procedimenti aperti sul delitto dalla Dda di Bari e riguarda coloro che erano accusati di aver fornito supporto logistico, controllato e segnalato i movimenti della vittima, procurato e conservato le armi tra cui quella utilizzata per compiere l’agguato mafioso.

Nei mesi scorsi sono stati condannati in primo grado i presunti esecutori materiali dell’omicidio, Francesco Pace e Domenico Miceli, rispettivamente a 19 e a 20 anni di reclusione. Sono invece diventate definitive le condanne nei confronti del mandante del delitto, il boss Giuseppe Misceo e di un altro degli esecutori materiali, il pluripregiudicato Arcangelo Telegrafo (entrambi a 30 anni di reclusione).

Stando alle indagini della Polizia, coordinate dal procuratore aggiunto Roberto Rossi, Sifanno, nipote del boss Giuseppe Mercante e già sfuggito a due precedenti agguati, fu raggiunto da 18 colpi di kalashnikov mentre era a bordo della sua auto. Movente dell’omicidio sarebbero stati contrasti interni alla criminalità organizzata per il predominio del clan Misceo nel quartiere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie