Lunedì 18 Novembre 2019 | 00:12

NEWS DALLA SEZIONE

la storia
Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

 
maltempo
Bari, allo Stadio San Nicola il vento fa volare via un altro «petalo»

Bari, allo Stadio San Nicola il vento fa volare via un altro «petalo»

 
trasporti
Treno Napoli-Bari, stop al tunnel sotto l'Irpinia

Treno Napoli-Bari, stop al tunnel sotto l'Irpinia, bocciato dal Ministero

 
fermato a bari        
Bari, a folle velocità sul lungomare ha un tasso alcolemico 3 volte più alto del consentito: denunciato

A folle velocità sul lungomare, ha un tasso alcolemico 3 volte più alto del consentito: denunciato

 
La curiosità
Ama talmente tanto Bari da tatuarsi la Gazzetta

Si tatua la Gazzetta sul polpaccio: l'inno alla baresità di un 22enne

 
Il caso
Bari, venditore abusivo aggredisce agenti: arrestato

Bari, venditore abusivo aggredisce agenti: arrestato

 
riqualificazione
Bari, ospedale pediatrico inaugura nuovo accesso riservato ai mezzi di soccorso

Bari, al Pediatrico nuovo accesso riservato ai mezzi di soccorso

 
viabilità
SS16, il Ministero chiude la partita: la variante partirà da Mungivacca

SS16, il Ministero chiude la partita: la variante partirà da Mungivacca

 

Il Biancorosso

serie c
Antenucci e una partita speciale: «Incrocio fra passato e presente»

Bari batte Paganese 1-0. Decide la rete di Antenucci. Rivedi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa protesta
Mittal, a Taranto sindacati sul piede di guerra: nessuno spegnerà la fabbrica

Mittal, a Taranto sindacati sul piede di guerra: nessuno spegnerà la fabbrica
Voci su blocco uscita dei camion

 
Leccemusica
«Bases», a Lecce la presentazione dell'album del sassofonista Giovanni Chirico

«Bases», a Lecce la presentazione dell'album del sassofonista Giovanni Chirico

 
Barila storia
Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

 
Materail personaggio
Da «Imma Tataranni» al cinema con «Gli uomini d'oro»: il materano Giuseppe Ragone si racconta

Da «Imma Tataranni» al cinema con «Gli uomini d'oro»: il materano Giuseppe Ragone si racconta

 
Foggiadai carabinieri
Cerignola, non si ferma all'alt e fugge con 2 figli piccoli a bordo, arrestata mamma 30enne

Cerignola, non si ferma all'alt e fugge con 2 figli piccoli a bordo, arrestata mamma 30enne

 
Brindisiin via Longobardo
Brindisi, cemento e calcinacci si abbattono al suolo: tragedia sfiorata al Casale

Brindisi, cemento e calcinacci si abbattono al suolo: tragedia sfiorata al Casale

 
Batnel nordbarese
Canosa, nuova discarica in Contrada Tufarelle, appello all'Arpa Puglia: «Decidano solo i tecnici»

Canosa, nuova discarica in Contrada Tufarelle, appello all'Arpa Puglia: «Decidano solo i tecnici»

 
Potenzail personaggio
Potenza, il Capodanno Rai ha cambiato la vita a Peppone, mito dello street food

Potenza, il Capodanno Rai ha cambiato la vita a Peppone, mito dello street food

 

i più letti

Omicidio Sifanno

Bari, falciato a raffiche di kalashinkov: 16 anni alla nipote del boss

Donato Sifanno fu ucciso a colpi il 15 febbraio 2014 al quartiere San Paolo di Bari con 28 colpi

Omicidio Sifanno a Barisei arresti della Polizia

La Corte di Assise di Appello di Bari ha confermato la condanna a 16 anni di reclusione per Maria Misceo, nipote del boss Giuseppe, detto 'il fantasmà, imputata per l’omicidio di Donato Sifanno, ucciso a colpi di kalashnikov il 15 febbraio 2014 al quartiere San Paolo di Bari. Con la stessa sentenza, i giudici hanno inoltre ridotto da 10 a 7 anni la condanna nei confronti di Domenico Mercurio (collaboratore di giustizia), da 9 a 1 anno quella per Michele Fasano e hanno assolto «per non aver commesso il fatto» Giuseppe De Lauro (condannato in primo grado a 10 anni di reclusione), che è subito tornato in libertà.

Questo processo, celebrato con il rito abbreviato, costituisce uno dei tre procedimenti aperti sul delitto dalla Dda di Bari e riguarda coloro che erano accusati di aver fornito supporto logistico, controllato e segnalato i movimenti della vittima, procurato e conservato le armi tra cui quella utilizzata per compiere l’agguato mafioso.

Nei mesi scorsi sono stati condannati in primo grado i presunti esecutori materiali dell’omicidio, Francesco Pace e Domenico Miceli, rispettivamente a 19 e a 20 anni di reclusione. Sono invece diventate definitive le condanne nei confronti del mandante del delitto, il boss Giuseppe Misceo e di un altro degli esecutori materiali, il pluripregiudicato Arcangelo Telegrafo (entrambi a 30 anni di reclusione).

Stando alle indagini della Polizia, coordinate dal procuratore aggiunto Roberto Rossi, Sifanno, nipote del boss Giuseppe Mercante e già sfuggito a due precedenti agguati, fu raggiunto da 18 colpi di kalashnikov mentre era a bordo della sua auto. Movente dell’omicidio sarebbero stati contrasti interni alla criminalità organizzata per il predominio del clan Misceo nel quartiere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie