Giovedì 18 Agosto 2022 | 15:07

In Puglia e Basilicata

nel Barese

Molfetta, moria di gatti a Madonna della Rosa

Torna «Felina», a Bari in mostra i gatti più belli del mondo

Per i residenti si tratta di avvelenamento volontario, ma forse dipende dai topicidi

14 Ottobre 2019

Matteo Diamante

È allarme nel quartiere di nuova espansione di Molfetta, nei pressi della parrocchia della Madonna della Rosa.

È stato, infatti, l’omonimo comitato di quartiere a denunciare un’eccezionale moria di gatti. Attualmente le cause sono ancora in fase di accertamento, sebbene l’ipotesi dell’avvelenamento starebbe prendendo sempre più piede tra i residenti del rione.

«È da circa un mese che si stanno verificando delle morti insolite di gatti presenti nel nostro quartiere - recita la nota del comitato Madonna della Rosa, a firma del suo presidente Damiano Favuzzi -. Questi vengono avvelenati da ignoti e non sappiamo come fermare il vile gesto. Inoltre è da tener presente che nel quartiere non vive solo la colonia felina, legalmente protetta e censita dal Comune di Molfetta, ma vi è anche la presenza di bambini e di altri animali domestici. Chiediamo con forza che ci sia l’immediato intervento delle forze di polizia affinché i possibili responsabili siano assicurati alla giustizia», attacca Favuzzi.

Tuttavia il possibile avvelenamento dei felini potrebbe non essere un atto del tutto volontario. Tra le ipotesi che si stanno facendo largo in questi giorni ci sarebbe (oltre a una possibile epidemia da malattia infettiva) l’utilizzo, da parte di singole persone, di topicidi per contrastare quella che sempre di più rappresenta una problematica che affligge i residenti di un’area, situata a qualche centinaio di metri dalla statale 16 bis, fiancheggiata da molte aree incolte.

L’ipotesi dell’avvelenamento volontario dei gatti è insomma tutta da verificare. È di questo parere il consigliere comunale Leo Binetti, da sempre attento alla tutela degli amici a quattro zampe. «Non posso che confermare un fenomeno in crescita nel quartiere - ha commentato - ma ritengo che la situazione vada verificata e approfondita. Al momento nessuno dei gatti ritrovati morti è stato sottoposto a un attento esame, per verificarne effettivamente la causa del decesso. L’avvelenamento sarebbe qualcosa di molto grave, ma è necessario prima di tutto esserne certi per poi agire di conseguenza», evidenzia Binetti.

Nonostante Molfetta si sia sempre fatta trovare pronta e attenta alla tutela delle colonie feline, queste ultime, in diverse zone della città, sarebbero sempre più a rischio. Qualche anno fa fu avviato addirittura un censimento delle colonie feline presenti sul territorio. Quelle riconosciute da una delibera di giunta furono 35, per le quali furono individuati 26 referenti, con il compito di farsi carico delle esigenze dei gatti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725