Lunedì 27 Gennaio 2020 | 22:04

NEWS DALLA SEZIONE

Il giallo
Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio

Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio (FOTO)

 
L'operazione
Bari, trafficante di droga ingerisce 54 ovuli di eroina: arrestato dalla Gdf

Bari, trafficante di droga ingerisce 54 ovuli di eroina: arrestato dalla Gdf

 
Il caso
Bari, camionista elude additivo AdBlue con dispositivo illegale: fermato al porto

Bari, camionista elude additivo AdBlue con dispositivo illegale: fermato al porto

 
Il caso
Bitonto, cerca di vendere droga a un minorenne: arrestato 50enne

Bitonto, cerca di vendere droga a un minorenne: arrestato 50enne

 
La visita
Bari, delegata Onu dell'agricoltura ospite del Comune per diritti legati al cibo

Bari, delegata Onu dell'agricoltura ospite del Comune per diritti legati al cibo

 
Il furto
Putignano, topo d'appartamento in trappola: pizzicato mentre parla con il walkie talkie

Putignano, topo d'appartamento in trappola: pizzicato mentre parla con il walkie talkie

 
Lotta alla droga
Bitonto, gettano dal balcone 3 etti di cocaina: 4 arresti

Bitonto, gettano dal balcone 3 etti di cocaina: 4 arresti

 
Cervelli in fuga
Laura, 19 anni, da Bari a Londra e poi in Africa: «All'estero credono in me. Non penso di tornare»

Laura, 19 anni, da Bari a Londra e poi in Africa: «All'estero credono in me. Non penso di tornare»

 
La novità
Bari, al Museo «c'è un morto»: ecco il gioco virtuale di 5 giovani informatici

Bari, al Museo «c'è un morto»: ecco il gioco virtuale di 5 giovani informatici

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Perrotta salva il Bari al Granillo: 1-1 in casa della Reggina. La diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatL'accusa
«Mio fratello pestato in cella»: la denuncia della sorella dell'andriese Filippo Griner

«Mio fratello pestato in cella»: la denuncia della sorella dell'andriese Filippo Griner

 
Potenzaregione basilicata
Potenza, manca il numero legale, sciolta riunione del consiglio regionale

Potenza, manca il numero legale, sciolta riunione del consiglio regionale

 
FoggiaL'intervento
San Severo, riprende la raccolta rifuti dopo l'incendio dei mezzi della Buttol

San Severo, riprende la raccolta rifuti dopo l'incendio dei mezzi della Buttol

 
HomeIl giallo
Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio

Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio (FOTO)

 
TarantoIl caso
Omicidio in sala giochi: 3 condanne a 30 anni a Taranto

Omicidio in sala giochi: 3 condanne a 30 anni a Taranto

 
BrindisiIl salvataggio
Brindisi, cucciolo di foca spiaggiato a Torre San Gennaro: ha bisogno di cure

Brindisi, cucciolo di foca spiaggiato a Torre San Gennaro: ha bisogno di cure

 
MateraIl caso
Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

 
LecceNel centro storico
Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

 

i più letti

storica decisione

Villette abusive sul litorale, via alla demolizione della «Punta Perotti» di Mola di Bari

Giù 35 ville e 100 appartamenti. La demolizione disposta dalla Cassazione nel 2013

Villette abusive sul litorale, via alla demolizione della «Punta Perotti» di Mola di Bari

Un voto storico. Sei anni dopo la sentenza della Corte di Cassazione e 27 anni dopo l’approvazione della lottizzazione da parte della giunta Dc-Psi, il Consiglio comunale di Mola ha votato per l’abbattimento delle 35 ville e palazzine a mare abusive di via La Malfa.

La storia di quella lottizzazione, autorizzata su un’area di 20mila metri quadri in violazione della legge Galasso che impone una distanza di 350 metri dalla battigia, ha inizio nel 1992. I permessi sono stati considerati illegittimi dal Tribunale di Bari, fino alla sentenza della Terza sezione penale della Cassazione che nel 2013 ha disposto l’abbattimento degli immobili. Nel frattempo, è stata disposta anche la confisca dei suoli, transitati nel patrimonio comunale, confisca che i proprietari delle ville hanno impugnato davanti alla Cedu (Corte Europea per i Diritti dell’uomo) di Strasburgo per vedersi restituire le proprietà.

Una storia lunga e complicata, che assomiglia a quella di Punta Perotti e che ha visto alcuni amministratori finire davanti ai giudici per non aver custodito l’area delle villette trasformate con gli anni in un rifugio di malintenzionati.

Ora, la vicenda sembra destinata a conclusione: le villette verranno abbattute e l’area, se resterà di proprietà comunale, potrà essere trasformata in parco pubblico a due passi dal mare. «Mi hanno insegnato che non sempre le scelte giuste sono anche popolari - commenta il sindaco Giuseppe Colonna, dopo aver incassato il voto favorevole alle demolizioni (11 i favorevoli, contrario Delre di Forza Italia) - ma un pubblico amministratore deve avere il coraggio e la responsabilità di assumere posizioni per tutelare l’interesse esclusivo della collettività. La vicenda delle villette a mare ha segnato in senso negativo la storia della nostra città dagli inizi degli Anni ‘90 ad oggi. Una bruttissima situazione dalla quale tante imprese, professionisti, famiglie intere hanno pagato pesantemente le conseguenze. Si capisce bene quindi come non sia stato assolutamente facile portare in Consiglio il provvedimento di attuazione alla sentenza della Corte di Cassazione penale che dispone, in via definitiva, l’abbattimento degli immobili».

«Il provvedimento - spiega il primo cittadino - dà mandato al capo settore Urbanistica di predisporre l’ingiunzione di demolizione degli immobili avendo cura di concertarla preventivamente con Soprintendenza e di attivarsi per l’inserimento dell’area nella banca dati sull’abusivismo della Regione, passaggio indispensabile per accedere ad eventuali finanziamenti destinati a coprire le spese per l’abbattimento che in base alla legge ed alle sentenze spettano al momento ai lottizzanti e non al Comune». Rispetto alla proprietà dei suoli, Colonna assicura che il Comune «non produrrà alcun atto di disposizione dei suoli fino a quando resta pendente il giudizio davanti alla Cedu che riguarda esclusivamente la confisca dei suoli».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie