Martedì 11 Agosto 2020 | 12:01

NEWS DALLA SEZIONE

LA TRAGEDIA
Ruvo, malore fatale in spiaggia per un 82enne

Specchiarica, malore fatale in spiaggia per un 82enne di Ruvo di Puglia

 
LA FASE 3

Bari, ai dipendenti comunali il telelavoro fa bene: crollati i giorni di malattia

 
polizia locale
Bari, passa col rosso e si schianta contro distributore benzina: nei guai un 22enne

Bari, passa col rosso e si schianta contro distributore benzina: nei guai un 22enne

 
La decisione
Asl Bari recluta 50 psicologi: plauso dell'Ordine pugliese

Asl Bari recluta 50 psicologi: plauso dell'Ordine pugliese

 
Il lungomare di Bari Vecchia
I moli Sant'Antonio e San Nicola a Bari si rifanno il look: ok al progetto per la riqualificazione

I moli Sant'Antonio e San Nicola a Bari si rifanno il look: ok al progetto per la riqualificazione

 
SANITÀ
Da Gravina a Castellana: ecco 40mila euro per la ricerca

Da Gravina a Castellana: ecco 40mila euro per la ricerca

 
L'appello
Sei casi positivi di Covid 19 da rientro a Giovinazzo, il sindaco: «Restiamo in Puglia»

Covid 19, sei casi positivi da rientro a Giovinazzo, il sindaco: «Restiamo in Puglia»

 
Il caso
Porti Bari e Brindisi, accordo con Cdp per infrastrutture

Porti Bari e Brindisi, accordo con Cdp per infrastrutture

 
Il video
L'ultima cena del Continental a Bari: i clienti cantano «Senza te» e lo chef si commuove

L'ultima cena del Continental a Bari: i clienti cantano «Senza te» e lo chef si commuove

 
L'INTERVISTA
Michielin: il mio show «distanziato», ma come se fossimo allo stadio

Parola di Francesca Michielin: «il mio show «distanziato», ma come se fossimo allo stadio»

 
Criminalità
Bitonto, armati di pitsola rapinano auto a 3 donne che fanno benzina

Bitonto, armati di pistola rapinano auto a 3 donne che fanno rifornimento di benzina

 

Il Biancorosso

LEGA PRO
Fatti il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

Fatto il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccel'iniziativa
Benessere e fisioterapia, un «mare» di solidarietà

Benessere e fisioterapia, l'Ordine dei Medici supporta il progetto «Il mare di tutti»

 
BatIL RACCONTO
Nella Murgia di notte fino all'alba con Federico

Nella Murgia di notte fino all'alba con Federico

 
PotenzaPOLITICA
Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

 
Tarantonel Tarantino
«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

 
FoggiaRIQUALIFICAZIONE
San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

 
BariLA TRAGEDIA
Ruvo, malore fatale in spiaggia per un 82enne

Specchiarica, malore fatale in spiaggia per un 82enne di Ruvo di Puglia

 
MateraCovid 19
Coronavirus, altri 2 migranti positivi dal Materano a Roma

Coronavirus, altri 2 migranti positivi dal Materano a Roma

 

i più letti

Ambiente

Bari, in migliaia al corteo per salvare il pianeta: mezzi pubblici gratis

Tra i numerosi partecipanti anche La Giusta Causa e il Marco Polo

Bari, è il giorno del corteo per salvare il pianeta: mezzi pubblici gratis

foto Luca Turi

Grande successo a Bari per il corteo del 'Friday for future', il terzo sciopero globale in difesa del clima, al quale partecipano, secondo gli organizzatori, «alcune migliaia» di persone. «Sono davvero in tanti», sottolineano alcuni agenti della polizia locale che seguono l’evento, «e continuano ad arrivare da ogni parte». Il serpentone colorato, animato soprattutto da studenti ai quali si sono uniti sindacati e associazioni studentesche e ambientaliste, si è mosso dal teatro Petruzzelli e attraverserà le vie del centro passando anche dall’ex Fibronit, fabbrica che produceva materiali edilizi in amianto e che ora, dopo i lavori di bonifica, diventerà un parco urbano. Sui tanti cartelloni con messaggi sulla salvaguardia dell’ambiente, si legge «Il ghiaccio sciolto sì, ma solo nel mio mojito"; «Più panzerotti, meno gasdotti"; e «Life in plastic is not fantastic».

«Emergenza dichiarata, la città ora va cambiata» è però lo slogan scandito da tutti i manifestanti guidati da Giorgia Mira, giovane attivista di Friday for future Bari, che spiega: «Abbiamo voluto dare una impronta 'local' all’evento, perché avevamo bisogno di interfacciarci con la nostra realtà, cercando soluzioni semplici ma realizzabili».

«Per noi - evidenzia - è importante che il cittadino non dica 'eccoli quelli che parlano dell’orso polare e del ghiacciaio', ma capiscano che l’Ilva è a pochi chilometri da noi, e che la Xylella è molto vicina a noi». Per questo gli attivisti consegneranno oggi al sindaco di Bari, Antonio Decaro, un documento, nato dal confronto con esperti e con la cittadinanza nel corso di assemblee pubbliche, contenente proposte per migliorare la gestione dei rifiuti, dell’energia, del verde pubblico, e con l’introduzione dell’educazione ambientale nelle scuoleCon la lettura di un documento con proposte per l’ambiente che nel pomeriggio verranno consegnate al sindaco di Bari, e il lancio dell’hashtag in dialetto '#stacittàavacangià' (questa città deve cambiare), si è concluso in un parco cittadino il corteo per lo sciopero globale per il clima. «Siamo estremamente contenti di come è andata la manifestazione - commenta Francesca Acquaviva, attivista di Fridays for future Bari - e la partecipazione non solo degli studenti ma di tutta la cittadinanza è stata incredibile: non ce l'aspettavamo».

«Speriamo - aggiunge - che il percorso lanciato oggi con il documento che presenteremo al sindaco, sia un percorso di cittadinanza attiva, perché Fridays for future è un movimento di tutti». Il documento, sottolineano gli attivisti, è aperto ai suggerimenti. E per questo nel parco sono stati posizionati cinque cartoni, tanti quanto le macroaree del documento, in cui depositare le proprie idee, ad esempio, per una migliore gestione dei rifiuti, sul verde pubblico e per una mobilità sostenibile.

Da parte del Comune di Bari, che oggi ha consentito l’uso gratuito dei bus urbani fino alle ore 15, «abbiamo trovato una prima risposta - sottolinea Acquaviva - con la dichiarazione di emergenza climatica che noi avevamo avanzato nel corso dello scorso sciopero: ora dobbiamo continuare questo confronto e monitorare che si rispettino gli impegni presi non solo a Bari ma anche in tutti i Comuni della città Metropolitana».

La manifestazione è stata chiusa da due concerti mentre tanti giovani ballavano sotto il sole cocente che ha accompagnato tutto il corteo.

(foto Luca Turi)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie