Lunedì 06 Luglio 2020 | 15:43

NEWS DALLA SEZIONE

dalla guardia costiera
Bari, pesce lavorato illegalmente: sequestrato stabilimento e un quintale e mezzo di prodotto

Bari, pesce lavorato illegalmente: sequestrato stabilimento e un quintale e mezzo di prodotto

 
la novità
Sanità: a Bari il ticket per gli esami si paga anche dal tabaccaio

Sanità: a Bari il ticket per gli esami si paga anche dal tabaccaio

 
ambiente
Costa Ripagnola, la perizia: «Non ci sono irregolarità, area non modificata»

Costa Ripagnola, la perizia: «Non ci sono irregolarità, area non modificata»

 
l'operazione
Gli ordini ai sodali arrivavano anche dal carcere: 6 arresti a Castellana

Gli ordini ai sodali arrivavano anche dal carcere: 6 arresti a Castellana

 
Il caso
Bari, «Salviamo l’alianto». Petizioni e comitati in difesa dell’albero

Bari, «Salviamo l’alianto». Petizioni e comitati in difesa dell’albero

 
Nel Barese
Castellana Grotte: droga, armi e un deposito di auto rubate, 6 arresti

Castellana Grotte: droga, armi e un deposito di auto rubate, 6 arresti VD

 
Pet terapy
Bari, a grande riscossa degli asini

Bari, la grande riscossa degli asini di Lama Balice

 
L’impegno civico
Giuseppe, primo da sinistra

Giuseppe, volontario precoce, sogna una Terlizzi superpulita

 
Michele Abbaticchio
Bitonto, il riscatto della mia città quando con la cultura cancellammo la mafia

Bitonto, il ricordo più bello del sindaco: il riscatto della mia città quando con la cultura cancellammo la mafia

 
L'appello
Bari, Decaro con i cuccioli del canile: «Adottate e non abbandonateli»

Bari, Decaro con i cuccioli del canile: «Adottate e non abbandonateli»

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari, che bel mix a centrocampo con il trio di senatori e rampanti

Bari, che bel mix a centrocampo con il trio di senatori e rampanti

 

NEWS DALLE PROVINCE

Brindisinel brindisino
Ostuni, carabiniere fuori servizio salva ragazzina picchiata dal fidanzato: 19enne arrestato

Ostuni, carabiniere fuori servizio salva ragazzina picchiata dal fidanzato: 19enne arrestato

 
Baridalla guardia costiera
Bari, pesce lavorato illegalmente: sequestrato stabilimento e un quintale e mezzo di prodotto

Bari, pesce lavorato illegalmente: sequestrato stabilimento e un quintale e mezzo di prodotto

 
Tarantonel Tarantino
Martina Franca, picchia infermiere del pronto soccorso: arrestato 50enne

Martina Franca, picchia infermiere del pronto soccorso: arrestato 50enne

 
Foggianel foggiano
Manfredonia, vendono pesce in cattivo stato di conservazione: due denunce

Manfredonia, vendono pesce in cattivo stato di conservazione: due denunce

 
PotenzaL'intervista
Basilicata, strutture ricettive lucane a giugno occupate al 50%

Basilicata, strutture ricettive lucane a giugno occupate al 50%

 
LecceIl caso
ri

Nardò, ritrovata a Ostia la mamma sparita il 30 giugno: allontanamento volontario

 
MateraIl fenomeno
Marina di Pisticci, chiazze sullo Jonio, già scomparse. Al via gli accertamenti

Marina di Pisticci, chiazze sullo Jonio, già scomparse: al via gli accertamenti

 

i più letti

Il giallo

Bari, sparita dal decreto «Salva-Ilva» la mobilità per gli ex Om

Niente ammortizzatori sociali: c’erano nella prima stesura

vertenza Om carrelli

Il mistero del decreto scomparso. Mancava solo il giallo a condire gli otto anni di sofferenza nella lunga vertenza ex Om Carrelli. Un giorno si crede di aver ottenuto un minimo di ossigeno, con altri 12 mesi di ammortizzatori sociali per i 156 lavoratori ancora in mezzo al guado, e il giorno dopo si scopre che l'articolo 12 del decreto legge 101/2019 invece non c’è e di conseguenza non c’è nessun sostegno. Proprio come nei thriller al cardiopalma, quando si pensa di essere ormai al sicuro, ecco che il mostro riemerge dalle tenebre.

A questo punto serve un riassunto perché in questa storia così intricata è difficile perdersi. La sera del 3 settembre il presidente della Repubblica Mattarella firma uno degli ultimi decreti messi in piedi dal vecchio governo: «Disposizioni urgenti per la tutela del lavoro e per la risoluzione di crisi aziendali».

Conosciuto ai più come «Salva Ilva», nel secondo capo del decreto, approvato in consiglio dei ministri, si fa riferimento alla situazione pugliese vissuta dagli ex Om. Con precisione all'articolo 12, scritto quasi manualmente da Leo Caroli e il suo staff della task force regionale per il lavoro, e dove si dettaglia a norma di legge come «a costo zero per lo Stato» e grazie a fondi specifici regionali, era possibile concedere in deroga per altri 12 mesi gli ammortizzatori sociali ai lavoratori ex Om.

L'articolo aveva ricevuto l'appoggio sia dell'allora ministro per il Sud, Barbara Lezzi, sia dello stesso ex ministro per il lavoro, Luigi di Maio.

«Quando la sera del 3 settembre ho sentito al telegiornale che il presidente Mattarella aveva firmato il decreto mi sono messo a piangere per l'emozione e la felicità – racconta Domenico De Santis, uno dei più stretti collaboratori del presidente Emiliano -. Ecco perché sulla mia pagina facebook ho pubblicato un post che dava a tutti la notizia: “Ci saranno gli ammortizzatori sociali per i lavoratori Selectika - ex Om nel 2019. Il Presidente della Repubblica ha appena firmato il decreto e domani verrà pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Grazie al lavoro del Presidente Michele Emiliano, Leo Caroli, alle confederazioni e alle categorie dei metalmeccanici di Cgil Puglia, UIL Puglia, Cisl Puglia, Antonio Decaro”, era il mio grazie corale a tutti, mi è partito dal cuore».

Una emozione che ha contagiato i lavoratori per primi, che senza fare troppi salti di gioia hanno però tirato un sospiro di sollievo: per un altro anno potevano contare su un sussidio che per quanto piccolo (si calcola mediamente attorno alle 500 euro mensili) poteva garantire un qualcosa in più.

«Noi puntiamo a quando potremo riprendere a lavorare – spiegavano i lavoratori il giorno dopo l'annuncio della notizia -. Dopo tanti anni siamo stanchi di sussidi che sanno più di elemosine che altro. Abbiamo dovuto ingoiare umiliazioni su umiliazioni, chiediamo di poter riavere la nostra dignità. Grazie ad ogni modo a tutte le Istituzioni che non ci hanno mai abbandonato».

E invece no. Perché controllando il decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, l'articolo 12 non fa alcun cenno agli ex Om, anzi in tutto il decreto non se ne fa menzione.

«Io ho avuto il decreto firmato – spiega Leo Caroli –, ma conoscendolo a menadito non sono stato a controllare il documento che mi era stato consegnato. Mi sono fatto prendere dalla felicità e basta. Quando me ne sono accorto sono rimasto sbalordito.

Mai vissuto una storia simile. Tra i 16 articoli che compongono il decreto è stato aggiunto il 5, “Misure urgenti in materia di personale INPS”, che non era nel testo approvato in consiglio dei ministri ed è stato fatto sparire quello che riguardava la situazione ex Om. Mi viene da pensare che una ignota “manina” abbia fatto il colpo, approfittando della confusione tra crisi di governo e cambio di guardia. È sicuramente uno scandalo che umilia ulteriormente i lavoratori e tutti quelli che si sono impegnati per rendere possibile questa continuazione degli ammortizzatori. Ho sentito personalmente il ministro Francesco Boccia, che da pugliese conosce benissimo la situazione, e che si è immediatamente messo a disposizione, inoltre ho scritto di mio pugno una lettera a lui e alla presidenza della Giunta regionale, per chiedere con urgenza che si trovi una soluzione. Questa saga dell'ex Om sembra non finire mai».

Come canta Venditti: «E quando pensi che sia finita, è proprio allora che comincia la salita», anche se ormai di salite e discese stile montagne russe gli Om ne stanno vivendo un po' troppe e tutte per responsabilità non loro.

«Sembra di vivere una sorta di “maledizione” - sottolinea De Santis -. Stiamo cercando di capire cosa sia successo, ma ora è più importante trovare una soluzione. Il Governo, che abbiamo immediatamente investito della questione, si è mostrato disponibile, spero che entro la prossima settimana si possa inserire l'articolo scomparso in un nuovo decreto, ma a questo punto vorrei evitare di mostrarmi troppo fiducioso».

E se da una parte si lavora per trovare una soluzione, ancora non si sa bene chi sia l'assassino. Finchè non si trova un responsabile, il giallo non si può dire veramente risolto. Chi ha modificato il testo all'ultimo minuto e senza che nessuno se ne accorgesse? «Abbiamo presente la famosa frase di Trapattoni: “Non dire gatto se non ce l'hai nel sacco”? - chiosa De Santis – Ecco qui è sparito proprio il sacco».

LE PAROLE DEL MINISTRO BOCCIA - «La Regione Puglia mi ha tempestivamente avvertito e stiamo valutando con Palazzo Chigi cosa possa essere successo». Così il ministro degli Affari regionali, Francesco Boccia (Pd), ha risposto ai giornalisti a Bisceglie sul decreto imprese che contiene la norma Salva Ilva ma che, contrariamente al previsto, non comprende la proroga degli ammortizzatori sociali per i 156 lavoratore della ex OM Carrelli di Modugno (Bari).

«Il testo che era stato licenziato e che era oggetto di trasformazione in norma - ha aggiunto Boccia, a Bisceglie per la maratona digitale Digithon - prevedeva quella disposizione e in queste ore stiamo verificando, sicuramente interverremo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie