Martedì 11 Agosto 2020 | 11:46

NEWS DALLA SEZIONE

LA TRAGEDIA
Ruvo, malore fatale in spiaggia per un 82enne

Specchiarica, malore fatale in spiaggia per un 82enne di Ruvo di Puglia

 
LA FASE 3

Bari, ai dipendenti comunali il telelavoro fa bene: crollati i giorni di malattia

 
polizia locale
Bari, passa col rosso e si schianta contro distributore benzina: nei guai un 22enne

Bari, passa col rosso e si schianta contro distributore benzina: nei guai un 22enne

 
La decisione
Asl Bari recluta 50 psicologi: plauso dell'Ordine pugliese

Asl Bari recluta 50 psicologi: plauso dell'Ordine pugliese

 
Il lungomare di Bari Vecchia
I moli Sant'Antonio e San Nicola a Bari si rifanno il look: ok al progetto per la riqualificazione

I moli Sant'Antonio e San Nicola a Bari si rifanno il look: ok al progetto per la riqualificazione

 
SANITÀ
Da Gravina a Castellana: ecco 40mila euro per la ricerca

Da Gravina a Castellana: ecco 40mila euro per la ricerca

 
L'appello
Sei casi positivi di Covid 19 da rientro a Giovinazzo, il sindaco: «Restiamo in Puglia»

Covid 19, sei casi positivi da rientro a Giovinazzo, il sindaco: «Restiamo in Puglia»

 
Il caso
Porti Bari e Brindisi, accordo con Cdp per infrastrutture

Porti Bari e Brindisi, accordo con Cdp per infrastrutture

 
Il video
L'ultima cena del Continental a Bari: i clienti cantano «Senza te» e lo chef si commuove

L'ultima cena del Continental a Bari: i clienti cantano «Senza te» e lo chef si commuove

 
L'INTERVISTA
Michielin: il mio show «distanziato», ma come se fossimo allo stadio

Parola di Francesca Michielin: «il mio show «distanziato», ma come se fossimo allo stadio»

 
Criminalità
Bitonto, armati di pitsola rapinano auto a 3 donne che fanno benzina

Bitonto, armati di pistola rapinano auto a 3 donne che fanno rifornimento di benzina

 

Il Biancorosso

LEGA PRO
Fatti il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

Fatto il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIL RACCONTO
Nella Murgia di notte fino all'alba con Federico

Nella Murgia di notte fino all'alba con Federico

 
Leccetragedia nel Salento
Marina di Alliste, 79enne muore in mare: corpo trovato dai bagnanti

Marina di Alliste, 79enne muore in mare: corpo trovato dai bagnanti

 
PotenzaPOLITICA
Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

 
Tarantonel Tarantino
«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

 
FoggiaRIQUALIFICAZIONE
San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

 
BariLA TRAGEDIA
Ruvo, malore fatale in spiaggia per un 82enne

Specchiarica, malore fatale in spiaggia per un 82enne di Ruvo di Puglia

 
MateraCovid 19
Coronavirus, altri 2 migranti positivi dal Materano a Roma

Coronavirus, altri 2 migranti positivi dal Materano a Roma

 

i più letti

La lettera

Vlora, 28 anni dopo lo sbarco: «Grazie ai baresi per l'accoglienza»

L'8 agosto 1991 approdava a Bari la motonave con 18mila profughi albanesi

vlora

Gentile signor sindaco Antonio Decaro, vorrei ringraziarla per le iniziative organizzate nella memoria del drammatico sbarco di migliaia di albanesi nel porto di Bari 18 anni fa. E vorrei ringraziare Bari e Puglia per la straordinaria accoglienza, per l‘aiuto e la fratellanza di quell’agosto 1991 ad oggi non è mai venuta meno. Due popoli separati ma uniti dal mare Adriatico: questo siamo noi albanesi e voi italiani.

Grazie anche per questa iniziativa, una mostra che racconta l’esodo, l’arte che racconta il dolore e la speranza anche attraverso le storiche fotografie di Luca Turi, testimone di quei giorni e nostro cittadino onorario di Durazzo.Un appuntamento, quello di oggi, che si arricchisce della trasmissione in alfabeto morse di una frase dedicata ai profughi di tutto il mondo, un argomento che per noi albanesi non ha mai smesso di suscitare grande emozione.

Con queste parole, caro sindaco, le rinnovo l’invito a visitare Durazzo e tramite lei estendo questo invito a tutti i baresi e ai pugliesi, a venire nella mia citta per continuare ad abbracciarci e a conoscerci, a scambiarci i buoni sentimenti dei popoli del Mediterraneo.

L'ARTE RICORDA LA VLORA (di Pietro Marino) - Stasera, 8 agosto alle 19, Antonio Decaro sindaco di Bari trasmetterà nel mondo un radiomessaggio in alfabeto Morse da una postazione allestita nell’ex teatro Margherita: «Sono persone, persone disperate. Non possono essere rispedite indietro, noi siamo la loro unica speranza». Ma il Comandante Salvini non deve agitarsi: non c’è alcun barcone di migranti in arrivo a Bari. De Caro farà sue le storiche parole pronunciate l’8 agosto del 1991 da Nicola Dalfino, il grande sindaco scomparso, per giustificare la decisione di accogliere i 20 mila albanesi ammassati in porto sulla nave Vlora. E il messaggio di stasera non sarà una commemorazione, ma l’estensione vocale e performativa del monumento visivo eretto dal maggio scorso dall’artista Jasmine Pignatelli su un palazzo popolare al fronte mare di San Girolamo: con le parole «Sono solo persone» tradotte in struttura ritmica di tratti e punti in acciaio inox. Operazione di arte pubblica (segnalai allora) che qui si completa con un apparato installativo curato per Misia da Stefano Straziota e Anna Gambatesa che comprende un video di Francesco Castellani e una fotografia di Stefano De Marco.

È il contributo a più alto tasso di intensità emotiva e «politica» alla rassegna «On Board» allestita nel foyer dell’ex teatro per iniziativa dell’associazione Phest che organizza a Monopoli un affermato festival di «fotografia, arte, musica e contaminazione del Mediterraneo». La quarta edizione si terrà lì fra settembre e novembre; questa mostra appare come contributo anticipato e in trasferta al cartellone della Festa del Mare promossa dalla Regione Puglia e organizzata dal Teatro Pubblico Pugliese.
Oltre a Jasmine Pignatelli, intervengono altri 3 artisti. il pugliese Dario Agrimi allinea una serie di bacinelle bianche ripiene di olio nero dal quale emergono disperati frammenti anatomici umani. Il dramma dei migranti evocato in versione macabra, quasi la dissezione horror dell’annegato in olio nero che l’artista espose per la prima volta a Polignano nel Museo Pascali. Il centro del foyer è occupato da stampe sospese di immagini di porti del mondo, riprese da Google Earth in perfetta verticalità ortogonale, che ruotano intorno alla veduta circolare del porto di Bari fissata a terra. L’autore, l’argentino Federico Winer reinventa così la fascinazione di molta arte concettuale per le Mappe come paesaggi mentali, icone da land art celeste. Con effetti visionari già predisposti dai nuovi porti degli sceicchi (a forma di palma a Dubai, come drago a Doha). Alle pareti pannelli fantasmatici virati in violetto cianografico dell’americana Noelle Mason denunciano le procedure di rilevazione a raggi x degli interni di camion che tentano di trasportare clandestini dal Messico in Usa. Altro che Festa del Mare. Quel mare che dalla balconata esterna del teatro cinque cannocchiali gialli invitano a scrutare, ma non hanno le lenti. Anche la vista è interdetta nel tempo dei decreti sicurezza.

«On Board» è da visitare sino al 31 agosto. Ingresso libero, ore 10.30- 13 e 16-21.

EMILIANO: SE LA VLORA ARRIVASSE OGGI, 20MILA PERSONE IN MARE - «Se la nave Vlora fosse arrivata oggi, l’8 agosto 2019, invece che nel 1991, a due giorni dall’approvazione del Decreto Sicurezza bis, cosa sarebbe successo? Per motivi di sicurezza nazionale lo Stato italiano avrebbe lasciato 20mila migranti in mare». Così il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, nel 28simo anniversario dello sbarco a Bari della nave Vlora che aveva a bordo migliaia di cittadini albanesi.
«I baresi - dice Emiliano - non avrebbero potuto alleviare nemmeno con un piccolo gesto la sofferenza di quei bambini, di quelle donne e di quegli uomini assiepati sulla nave. Li avremmo lasciati lì, alla deriva, al loro destino.

Avremmo tolto loro quell'unica speranza nella illusione di tutelare i nostri confini e i nostri interessi, senza sapere che così facendo avremmo tolto a noi stessi un’occasione di crescita». Il governatore pugliese ricorda con «emozione e orgoglio» la "catena di solidarietà messa in moto il giorno dello sbarco» che ha poi «segnato gli avvenimenti successivi: quando abbiamo debellato il mercimonio delle traversate, ripristinato la legalità dei flussi e gli albanesi hanno potuto andare e tornare, qualcuno è rimasto, qualcuno è ripartito. E adesso - sottolinea Emiliano - a Tirana l’economia cresce insieme alla democrazia. E l’Albania è diventato un partner importante per la Puglia, che contribuisce anche alla nostra ricchezza, un partner legato al nostro popolo da fraterna amicizia e riconoscenza. Di cosa potremmo essere fieri, oggi, come italiani, se arrivasse quella nave?».

«Esiste una energia umana straordinaria, che la gente del Sud conosce bene, che spesso risiede nei luoghi del dolore, della rabbia, del disprezzo, e quella è un’energia che può cambiare il mondo. È per questo - conclude il governatore della Puglia - che ci sentiamo così vicini a chi vive situazioni certamente peggiori delle nostre e siamo pronti nonostante tutto, come popolo, ad aprire i nostri porti e le nostre porte oggi come allora. È la Storia che ce lo insegna».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • martonix

    09 Agosto 2019 - 08:24

    Dopo 28 anni mi suonano ancora indigeribili le parole offensive dell'allora presidente della Repubblica cossiga nei confronti dell'amato sindaco Dalfino. Mi piacerebbe che si parlasse anche di questo.

    Rispondi

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie