Sabato 25 Settembre 2021 | 03:01

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

La curiosità

Panzerotti e focaccia: a Bari festa in piazza per i 60 anni di Emiliano

Compleanno "pop" per il governatore della Puglia, che celebrerà il compleanno martedì a Bari Vecchia, in Largo Albicocca

Pd, Emiliano sbatte la porta: i suoi fuori dalla segreteria

Il compleanno - 60 anni - come tappa di una ridefinizione pop di Michele Emiliano, in vista delle regionali 2020, con una accezione nazionalpopolare che lo riconnette con l’opinione pubblica più trasversale e accentua la distanza da ogni rappresentazione snobistica del ceto politico. Il governatore festeggerà martedì in piazza, con panzerotti e scagliozze per un party «green» a Barivecchia, in Largo Albicocca. È già programmata una serata che coinvolgerà tutte le gastronomie della zona: ci saranno i panzerotti di Di Cosimo, i panini gourmet e il provolone della salumeria della piazza, le focacce del panificio Santa Rita, le popizze e la polenta fritta delle signore del borgo antico. Tutto accompagnato da birra gelata. L’organizzazione, che ha visto impegnati molti componenti della comunità politica che segue Emiliano da quasi tre lustri, avrà anche timbro ecologico: posate e bicchieri saranno in mais biocompostabile e l’Amiu - a spese del governatore - ha calendarizzato un servizio specifico per la pulizia dello spazio del borgo dopo la fine dei festeggiamenti.

Emiliano, nelle ultime settimane, bypassando ogni polemica legata ai “ribelli” del centrosinistra e ai problemi della giunta, ha scelto di ritrovare smalto ed energia tornando ad una dimensione più umana, più «normale» e meno istituzionale: ha partecipato a due matrimoni (venerdì è stato testimone delle nozze del suo stretto collaboratore Domenico De Santis, già vicepresidente dell’Assemblea nazionale del Pd, ieri era alla festa del figlio di Giovanni Procacci, Pasquale). Insomma il governatore riafferma il primato della dimensione comunitaria nel suo vissuto, dove anche il privato, e quindi anche una cerimonia davanti all’altare, diventa inevitabilmente politica.

In tempi di anticasta, Emiliano - che ha caratterizzato tutto il suo percorso per una ricerca costante della connessione sentimentale con il popolo barese prima e pugliese poi - tende così a identificarsi in liturgie che lo fanno emergere in uno spazio post-politico: gli incontri con collaboratori o interlocutori politici avvengono spesso nel bar del Petruzzelli in nome di un superamento dell’istituzionalità che viene intesa dai cittadini come distanza. Non è un caso che abbia anche proposto ai dissidenti di C-Entra il futuro un incontro-pranzo per appianare i dissensi, facendo inalberare il consigliere Sergio Blasi, che - cresciuto nella cultura della sobrietà comunista - ha respinto l’invito sdegnato.

Il compleanno di Emiliano, in conclusione, è una tappa della road map verso il 2020: il governatore occupa la scena con una festa insolita e originale nella quale avrà accanto i familiari e i collaboratori più stretti, ma soprattutto quel popolo genuino di Barivecchia che lo ha sostenuto, fin dai suoi primi passi in politica, sulle note del refrain «Mitt a Cassan, vot’ Emiliano».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie