Mercoledì 18 Settembre 2019 | 13:10

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Bari, licenziato e reintegrato: torna in carica il direttore Feltrinelli

Bari, licenziato e reintegrato: torna in carica il direttore Feltrinelli

 
Dopo la nostra denuncia
Bari, negato fitto a studentessa disabile. L'Adisu le «trova» casa

Bari, negato fitto a studentessa disabile. L'Adisu le «trova» casa

 
La sentenza
Valenzano, il Consiglio di Stato: «Gravi rapporti con i clan nel Comune»

Valenzano, il Consiglio di Stato: «Gravi rapporti con i clan nel Comune»

 
Polis-Deloitte
toghe, avvocati

Bari, Finanza e diritto penale: alleanza tra studi legali barese e milanese

 
Diritti negati
Bari, negato accesso a studentessa disabile: «Niente stanza in fitto»

Bari, negato accesso a studentessa disabile: «Niente stanza in fitto»

 
Zona Cecilia
Modugno, dopo 50 anni sarà abbattuto lo storico «bubbone»

Modugno, dopo 50 anni sarà abbattuto lo storico «bubbone»

 
La ricerca
Grasso sul cuore, studio UniBa: rischio scompenso solo in obesi

Grasso sul cuore, studio UniBa: rischio scompenso solo in obesi

 
Commissariato
Monopoli, Polizia ritrova due valigie rubate a turisti olandese

Monopoli, Polizia ritrova due valigie rubate a turisti olandese

 
Ambiente

Polignano, in stallo il progetto del resort a Costa Ripagnola

 
Il bando
Servizio civile all'Università di Bari: 118 posti per giovani volontari

Servizio civile all'Università di Bari: 118 posti per giovani volontari

 
L'arresto
Bari, in due svaligiano appartamento di un'aziana: bloccati dai cc

Bari, in due svaligiano appartamento di un'aziana: bloccati dai cc

 

Il Biancorosso

Dopo Bari Reggina
Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa sentenza
Bari, licenziato e reintegrato: torna in carica il direttore Feltrinelli

Bari, licenziato e reintegrato: torna in carica il direttore Feltrinelli

 
LeccePresi dai Cc
Lecce, in giro con eroina e materiale da taglio: in manette due 30enni

Lecce, in giro con eroina e materiale da taglio: in manette due 30enni

 
MateraPreso dai Cc
Tito, ai domiciliari ma spacciava: n cella un 49enne

Tito, ai domiciliari ma spacciava: in cella un 49enne

 
BrindisiIn cella un 58enne
Latiano, minaccia di morte la moglie che lo fa arrestare: «Ha una pistola»

Latiano, minaccia di morte la moglie che lo fa arrestare: «Ha una pistola»

 
BatIn centro
Andria, sorpreso a spacciare da finanziere in bici: in cella 46enne

Andria, sorpreso a spacciare da finanziere in bici: in cella 46enne

 
TarantoDalla Gdf
Evasione fiscale, sequestrati beni a ditte abbigliamento Martina Franca

Evasione fiscale, sequestrati beni a ditte abbigliamento Martina Franca

 
Foggia
Mafia, interdette due società a Foggia: parentela con il boss

Mafia, interdette due società a Foggia: parentela con il boss

 
PotenzaA Sant'Arcangelo
Piante di marijuana sul terrazzo, arrestato 46enne

Piante di marijuana sul terrazzo, arrestato 46enne

 

i più letti

Il punto

Bari, l'assessore: «Anch'io in bici per tutelare i riders»

Parla Paola Romano, assessore alle Politiche del Lavoro: «L'amministrazione deve intervenire sulle condizioni dei fattorini»

Bari, l'assessore: «Anch'io in bici per tutelare i riders»

Il Primo Maggio è una giornata importante, carica di significato, che in Italia ha un valore in più. Questo perché il lavoro è uno dei principi su cui si fonda la nostra Costituzione. Perché il lavoro non è solo la forma attraverso cui ognuno di noi percepisce un reddito utile a poter vivere, a costruirsi una famiglia, a sostenere dei figli, è lo strumento che ci permette di avere un ruolo all’interno della società e partecipare alla vita della propria comunità. In questi anni a Bari abbiamo cercato di dare una risposta sul fronte del lavoro attraverso diversi progetti rivolti ai giovani e ai meno giovani. Tutti caratterizzati da due elementi: da una parte un’attività di formazione al lavoro che permettesse alle persone di acquisire maggiori competenze e tornare a credere in se stessi, anche attraverso un’azione specifica volta a preparali ai colloqui di lavoro, dall’altra favorendo l’incontro tra la domanda e l’offerta di lavoro, attraverso il coinvolgimento di realtà imprenditoriali presenti a livello locale e nazionale.

Progetti come «Cantieri di cittadinanza», «Ba29» e «Cantieri di cittadinanza 2.0» rappresentano il tentativo concreto di un’amministrazione comunale di affrontare un tema complesso, su cui i Comuni non hanno molto margine di manovra, partendo dal presupposto che per permettere alle persone di guadagnare o riguadagnare un posto all’interno della società e consentire loro di compiere un giusto e dignitoso percorso di autonomia la risposta non può essere solo un sostegno al reddito. Credo vadano create le condizioni per favorire un inserimento attivo nel mondo del lavoro. Quando parliamo di lavoro, quindi, parliamo di un diritto fondamentale delle persone e dobbiamo sempre ricordarci che questo diritto deve viaggiare insieme alla tutela di tutta un’altra serie di diritti, che comprendono un giusto compenso, delle condizioni di lavoro sane, sicure e dignitose, che non possono mai venire meno.


Proprio sul versante della tutela dei diritti associati al lavoro, negli ultimi anni a livello nazionale i governi non sono riusciti a cogliere per tempo i cambiamenti prodotti dall’innovazione tecnologica che, da una parte, ha permesso la nascita e lo sviluppo di nuovi modelli imprenditoriali, che oggi caratterizzano l’economia digitale, dall’altra ha portato a una modifica strutturale del mercato del lavoro e delle forme di lavoro tradizionali. A questo però non è seguito un preciso inquadramento normativo e oggi ci troviamo di fronte a una grande zona grigia all’interno della quale ci sono migliaia di lavoratori che non vedono adeguatamente riconosciuti pari dignità e diritti. La categoria che sicuramente esemplifica al meglio la situazione attuale è quella dei riders, i ciclofattorini che effettuano consegne a domicilio gestite dalle numerose piattaforme digitali che sono nate in questi anni.


Per la maggior parte delle persone quello del rider è il primo lavoro, svolto anche per pagarsi gli studi all’università, per altri un modo per tornare ad averne uno dopo essere stati licenziati. Tutti però hanno in comune il fatto di avere spesso contratti poco chiari, con una remunerazione molto bassa e dover rispettare, e subire, una serie di parametri e vincoli legati alla loro attività che inevitabilmente incidono sulle condizioni di sicurezza del lavoro e sulla tutela dei loro diritti. Io sono convinta che lo sviluppo di nuove forme di impresa sia fondamentale per la crescita economica delle nostre città ma che al tempo stesso debbano sempre essere garantiti e tutelati i diritti delle persone. L’attuale governo ha dichiarato che presto approverà una legge per regolarizzare la situazione dei riders, e spero che questo accada il prima possibile.


Nel frattempo però, credo che un’amministrazione locale, nell’ambito delle proprie competenze, debba cercare di intervenire e dare delle risposte. Un mese fa proprio sui riders, seguendo il buon esempio del Comune di Bologna, ho lanciato la proposta di adottare una carta dei diritti da far sottoscrivere alle imprese, per tutelare i diritti e le condizioni di lavoro delle persone. La proposta ha portato a un importante confronto con i sindacati e adesso stiamo lavorando per coinvolgere le aziende e sottoporre la carta da firmare. L’occasione del Primo Maggio sarà un momento importante anche per richiamare l’attenzione sul tema dei riders. E per farlo saremo in sella a una bici, per le strade di Bari. Per ricordare a tutti che il lavoro non può mai essere sfruttamento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie