Martedì 23 Aprile 2019 | 22:27

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

 
le proposte dell’anas
Tangenziale da «liberare» tre opzioni da Bari a Mola

Tangenziale da «liberare» tre opzioni da Bari a Mola

 
Nuovi collegamenti
Bari più vicina ad Atene: da giugno voli diretti per la capitale greca

Bari più vicina ad Atene: da giugno voli diretti per la capitale greca

 
Lotta alla droga
Monopoli, nascondeva nel giardino di casa cocaina e olio di hashish: in manette 33enne

Monopoli, nascondeva nel giardino di casa droga e olio di hashish: in manette 33enne

 
Tutta colpa dello Scirocco
Conversano, vento forte: volano le tegole dalla Cattedrale

Conversano, vento forte: volano le tegole dalla Cattedrale

 
La raccolta differenziata
Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

 
Degrado in città
Bari, cassonetti strapieni in C.so Vittorio Emanuele: denunciati 2 commercianti

Bari, cassonetti strapieni in C.so Vittorio Emanuele: denunciati 2 commercianti

 
Gli eventi in città
Bari, domenica c'è il Gran Premio: occhio ai divieti anche per il Bif&st

Bari, domenica c'è il Gran Premio: occhio ai divieti anche per il Bif&st

 
Il video
Pasquetta a Bari, gita fuori porta anche per i cinghiali: il pic nic tra i rifiuti

Pasquetta a Bari, gita fuori porta anche per i cinghiali: il pic nic tra i rifiuti

 
La tragedia
Monopoli, si soffoca con un boccone di carne: morto 26enne

Monopoli, si soffoca con un boccone di carne: morto 26enne

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLa strage
Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

 
LecceL'inchiesta
Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

 
PotenzaLe indagini
Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

 
BariL'intervista
Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

 
MateraOperazione della Polizia
Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

 
BatIl furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
BrindisiVento forte
Brindisi, maltempo blocca nel porto traghetto per Valona

Brindisi, traghetto bloccato dal vento nel porto: era diretto a Valona

 
TarantoL'operazione dei cc
Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

 

L'intervista

Fratoianni: «occhio alle imprese quando finanziano un politico»

Inchiesta su Emiliano, l’affondo del segretario della Sinistra

Fratoianni: «occhio alle imprese quando finanziano un politico»

BARI - Una opposizione al neoliberismo e all’austerity in Europa, e una alterità programmatica rispetto al governo regionale di Michele Emiliano: queste le coordinate che segna Nicola Fratoianni, segretario nazionale di Sinistra Italiana, e promotore del cartello elettorale per Bruxelles sotto le insegne de La Sinistra.

Fratoianni, quale obiettivo per la nuova lista europea che tiene insieme simbolicamente Tsipras e Montalbano?
«Vogliamo rafforzare il gruppo della Sinistra Europea, il quarto nel parlamento continentale. Puntiamo al terzo spazio tra l’austerità generata dalle politiche liberiste e l’onda nera, nazionalista e neofascista che avanza nell’Ue. Consideriamo un fronte unico alla Calenda inefficace e per questo abbiamo costituito una lista con coordinate differenti».

Al Sud contate di riportare a sinistra gli elettori progressisti che hanno scelto i grillini alle politiche?
«Vogliamo convincere chi a sinistra ha cercato nel M5S una risposta e ci rivolgiamo ai tanti astensionisti, con proposte chiare, battendoci contro il Tap non in modo intermittente, ricordando che per intaccare le ragioni che producono disuguaglianza e povertà bisogna mettere mani sui meccanismi che le hanno prodotte: ci vuole la patrimoniale sulle grandissime ricchezze, non sulla casetta che si lascia dopo una vita di lavoro al figlio».

Sul lavoro…
«Abbiamo presentato una proposta di legge per la riduzione dell’orario a parità di salario. In Francia e Germania, con l’accordo tra il sindacato dei metalmeccanici e le imprese del settore, si riduce l’orario a 28 ore con un aumento del salario».

Zingaretti vi insidia assorbendo Futura e candidando per Bruxelles l’ex Sel Smeriglio.
«Sentiremmo maggiore concorrenza a sinistra dal Pd se al tentativo di aggiungere pedine sulle liste, ci fossero segnali di differente proposta politica. Zingaretti invita al Nazareno la Cgil di Landini ma, il giorno dopo, quando Landini propone la patrimoniale si affretta a dire che questa non è una proposta dal Pd. Zingaretti ha rivendicato la linea Minniti sulla gestione dei flussi migratori...».

Chi candida Si dalla Puglia alle Europee nella circoscrizione Sud?
«Abbiamo Paola Natalicchio, giovane donna con esperienze amministrative e tanta energia. In lista ci saranno anche Nicola Capuano, Ivana Palieri e Livia Dell’Anna. Si distinguono per la capacità di misurarsi con la realtà, senza rassegnarsi ma con il coraggio della politica».

Cosa cambia in vista delle regionali 2020 dopo la recente inchiesta giudiziaria che vede Michele Emiliano indagato?
«Ho massimo rispetto per la magistratura e ho da sempre un profilo garantista. Il dato delle indagini non cambia la prospettiva delle nostre critiche a Emiliano che sono note e di natura politica. Questa vicenda inoltre coglie una stortura del sistema paese: noi abbiamo presentato una legge ad hoc che riguarda la commistione tra il sistema imprese e la politica. Per noi è un errore drammatico quando una impresa che si occupa di energia e ha rapporti legittimi con la pubblica amministrazione possa poi finanziare, anche nella più trasparente la politica, o le fondazioni, o una personalità politica».

Tornando al centrosinistra pugliese…

«Al governo della Puglia non c’è la destra, ma sentiamo distante la giunta Emiliano sui contenuti. Chiediamo discontinuità che può esserci sul terreno delle persone o delle scelte concrete, e qui con il nostro segretario Nico Bavaro abbiamo posto tanti elementi di critica. Dalle liste d’attesa al silenzio sull’autonomia differenziato ci sono più segnali di qualcosa che non va».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400