Sabato 21 Settembre 2019 | 06:31

NEWS DALLA SEZIONE

Il rapporto sanità
Umanizzazione ospedali, Bari sul podio con Santa Maria e San Paolo

Umanizzazione cure, Bari sul podio con Santa Maria e San Paolo

 
Negli ospedali
Monopoli e Molfetta, i furbetti del cartellino: in arrivo 20 licenziamenti

Monopoli e Molfetta, i furbetti del cartellino: in arrivo 20 licenziamenti

 
I controlli
Bari, controlli della Gdf: beccati 159 lavoratori in «nero»

Altamura, Gdf scopre 13 lavoratori in nero in azienda bibite: ora tutti assunti

 
Nella notte
Bari, furto in stazione di servizio con inseguimento: 2 arresti e 2 ricercati

Bari, furto in stazione di servizio con inseguimento: 2 arresti e 2 ricercati

 
Arte
Molfetta si trasforma in capitale della scultura

Molfetta si trasforma in capitale della scultura

 
L'inchiesta
Carbonara, medici in trincea. Lo sfogo del direttore: «Nessuna regola, tante aggressioni»

Carbonara, medici in trincea. Lo sfogo del direttore: «Nessuna regola, tante aggressioni»

 
La decisione
Ucciso per errore a Carbonara, Cassazione: «Si farà nuovo processo»

Ucciso per errore a Carbonara, Cassazione: «Si farà nuovo processo»

 
nel Barese
Polignano, non rispettano divieto di balneazione: multati due acquascooter

Polignano, non rispettano divieto di balneazione: multati due acquascooter

 
Il caso dress code
Bari, il Riesame anulla sequestro telefoni e pc all'ex giudice Bellomo

Bari, il Riesame anulla sequestro telefoni e pc all'ex giudice Bellomo

 

Il Biancorosso

Il match di domenica
Bari, Schiavone out per derby con Francavilla

Bari, Schiavone out per derby con Francavilla

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl rapporto sanità
Umanizzazione ospedali, Bari sul podio con Santa Maria e San Paolo

Umanizzazione cure, Bari sul podio con Santa Maria e San Paolo

 
PotenzaLe assunzioni
Concorsi Arpab, assessore ai sindacati: non abbandonate il tavolo

Concorsi Arpab, assessore ai sindacati: non abbandonate il tavolo

 
FoggiaFinanziato dal Miur
Sanità, il robot «Mario» in corsia a Casa Sollievo: progetto di Exprivia

Sanità, la robotica in corsia e a casa: progetto di Exprivia

 
LecceUN 45enne
Racale, maltrattava la madre: dal divieto di stare a casa passa al carcere

Racale, maltrattava la madre: dal divieto di stare a casa passa al carcere

 
BrindisiDenunciato un uomo
Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

 
MateraL'iniziativa
Matera 2019, un concerto fra i Sassi con il compositore della musica spettarla

Matera 2019, un concerto fra i Sassi con il compositore della musica spettarla

 
TarantoIl Riesame
Taranto, accolto ricorso ex Ilva: Altoforno 2 resterà acceso

Taranto, accolto ricorso ex Ilva: Altoforno 2 resterà acceso

 
BatL'inchiesta
Barletta, tangenti al carabinieri per l'appalto delle palazzina

Barletta, tangenti al carabinieri per l'appalto delle palazzine

 

i più letti

Dopo l'arresto di settembre

Bari, chiuse indagini su Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

Insieme all'ex patron del Bari, nei guai anche Malanga

Fc Bari, finita assemblea straordinaria: unico liquidatore Giancaspro

Il nodo principale resta la bancarotta fraudolenta, per aver svuotato la società Finpower utilizzando i soldi anche nella scalata al Bari calcio. Ma per l’ex patron biancorosso Cosimo Giancaspro ora spunta anche l’accusa di estorsione, quella che avrebbe compiuto insieme a Orlando Malanga, ritenuto vicino ai clan baresi, per convincere un imprenditore a ritirare un decreto ingiuntivo. La novità emerge dall’avviso di chiusura delle indagini che la Procura di Bari ha fatto notificare l’altroieri a quattro persone, tra cui appunto Giancaspro, ai domiciliari da settembre per questa vicenda, in attesa che il Tribunale fallimentare si pronunci sulla richiesta di concordato preventivo della sua Fc Bari.


Il tema dell’indagine è noto. Il pm Giuseppe Dentamaro, con il procuratore aggiunto Roberto Rossi, ritiene infatti che Giancaspro, 56 anni, abbia fatto fallire la Finpower per appropriarsi di circa 30 milioni di euro. Anche Francesco Izzo (liquidatore della Finpower, definito «testa di paglia» dagli inquirenti) e Giovanni Ferrara (legale rappresentante della Finpower) risultano indagati per bancarotta fraudolenta insieme all’imprenditore molfettese che pure Ferrara aveva denunciato accusandolo di truffa: a dicembre 2013 la Kreare Impresa aveva acquistato da Finpower «ad un prezzo notevolmente inferiore a quello reale e a condizioni di favore per l’acquirente (il versamento entro l’anno successivo), condizioni del tutto ingiustificate» la Finpower Wind, che possedeva un importante parco eolico poi rivenduto nel 2015 a 17,8 milioni, determinando «una minusvalenza patrimoniale per Finpower di 2.4 milioni», e «nonostante la sussistenza di un palese conflitto di interessi», perché Kreare era proprietaria di Finpower. Stesso gioco fatto, ritiene la Procura, con altri sei campi fotovoltaici riconducibili a Finpower.


C’è poi il caso dell’estorsione compiuta con Orlando Malanga (anche lui indagato). Malanga agli atti dell’indagine è ritenuto «elemento di raccordo tra il Giancaspro e la tifoseria del Bari Calcio», che tramite lui avrebbe ottenuto biglietti e gadget e che avrebbe «convinto» un creditore a rinunciare a due decreti ingiuntivi. L’episodio è documentato da intercettazioni: la Tds, una cooperativa di Bari che si era occupata dei parcheggi, aveva ottenuto due decreti ingiuntivi, uno da 29mila euro nei confronti della Fc Bari e uno da 16mila euro nei confronti di Magnolia, un’altra società di Giancaspro, salvo poi rinunciare dopo l’incontro tra Malanga e il vicepresidente Sabino De Vito in un bar del quartiere Mungivacca: «Dissi all’Orlando - ha messo a verbale De Vito con la Finanza - che avrei voluto un po’ di tempo per pensarci, aggiungevo però che il seguito della trattativa doveva essere curato dai rispettivi avvocati. In quell’occasione mi rappresentò che aveva strettissimi rapporti di amicizia con Giancaspro. Nei giorni successivi mi sono incontrato nuovamente con Orlando il quale mi chiedeva copia della rinuncia perché così gli era stato chiesto dal Giancaspro». Secondo l’accusa, De Vito rinunciò per paura di ritorsioni da parte di Malanga, cui è riconducibile la gestione dei bar delle spiagge baresi di Pane&Pomodoro e Torre Quetta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie