Venerdì 19 Aprile 2019 | 10:15

NEWS DALLA SEZIONE

Verso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 
Arte
Bari, inaugurata opera di Tremlett «Wall Surface», dedicata a gallerista Marilena Bonomo

Bari, inaugurata opera di Tremlett «Wall Surface», dedicata a gallerista Marilena Bonomo

 
La polemica
Palagiustizia Bari, i penalisti: «Il polo non è nel programma dei candidati sindaci»

Palagiustizia Bari, i penalisti: «Il polo non è nel programma dei candidati sindaci»

 
Letteratura
Il calcio femminile con ironia: a Bari la presentazione del libro di Christian Montanaro

Il calcio femminile con ironia: a Bari la presentazione del libro di Christian Montanaro

 
Sicurezza
Bari, controlli polizia vicino stazione e ateneo: 1 denuncia

Bari, controlli polizia vicino stazione e ateneo: 1 denuncia

 
In viale Einaudi
Bari, licenza falsa per far entrare il doppio delle persone: sospesa attività in un locale

Bari, licenza falsa per far entrare il doppio delle persone: sospesa attività in un locale

 
Nel Barese
Palo del Colle, incendio in masseria: distrutti 7 box con macchine agricole, un cavallo ustionato

Palo del Colle, incendio in masseria: distrutti 7 box con mezzi agricoli, cavallo ustionato

 
Corte di Appello
Bari, giudici si riservano altro maxi risarcimento da 30 milioni

Bari, su Punta Perotti giudici si riservano altro maxi risarcimento da 30 mln

 
Salute della donna
Tumore al seno, domani incontri alla Santa Maria su prevenzione e cura

Tumore al seno, incontri alla Santa Maria su prevenzione e cura

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiNel Brindisino
Fasano, GdF sequestra 570mila euro di beni a ex contrabbandiere

Fasano, GdF sequestra 570mila euro di beni a ex contrabbandiere

 
PotenzaLa curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto

 
LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

Dopo l'arresto di settembre

Bari, chiuse indagini su Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

Insieme all'ex patron del Bari, nei guai anche Malanga

Fc Bari, finita assemblea straordinaria: unico liquidatore Giancaspro

Il nodo principale resta la bancarotta fraudolenta, per aver svuotato la società Finpower utilizzando i soldi anche nella scalata al Bari calcio. Ma per l’ex patron biancorosso Cosimo Giancaspro ora spunta anche l’accusa di estorsione, quella che avrebbe compiuto insieme a Orlando Malanga, ritenuto vicino ai clan baresi, per convincere un imprenditore a ritirare un decreto ingiuntivo. La novità emerge dall’avviso di chiusura delle indagini che la Procura di Bari ha fatto notificare l’altroieri a quattro persone, tra cui appunto Giancaspro, ai domiciliari da settembre per questa vicenda, in attesa che il Tribunale fallimentare si pronunci sulla richiesta di concordato preventivo della sua Fc Bari.


Il tema dell’indagine è noto. Il pm Giuseppe Dentamaro, con il procuratore aggiunto Roberto Rossi, ritiene infatti che Giancaspro, 56 anni, abbia fatto fallire la Finpower per appropriarsi di circa 30 milioni di euro. Anche Francesco Izzo (liquidatore della Finpower, definito «testa di paglia» dagli inquirenti) e Giovanni Ferrara (legale rappresentante della Finpower) risultano indagati per bancarotta fraudolenta insieme all’imprenditore molfettese che pure Ferrara aveva denunciato accusandolo di truffa: a dicembre 2013 la Kreare Impresa aveva acquistato da Finpower «ad un prezzo notevolmente inferiore a quello reale e a condizioni di favore per l’acquirente (il versamento entro l’anno successivo), condizioni del tutto ingiustificate» la Finpower Wind, che possedeva un importante parco eolico poi rivenduto nel 2015 a 17,8 milioni, determinando «una minusvalenza patrimoniale per Finpower di 2.4 milioni», e «nonostante la sussistenza di un palese conflitto di interessi», perché Kreare era proprietaria di Finpower. Stesso gioco fatto, ritiene la Procura, con altri sei campi fotovoltaici riconducibili a Finpower.


C’è poi il caso dell’estorsione compiuta con Orlando Malanga (anche lui indagato). Malanga agli atti dell’indagine è ritenuto «elemento di raccordo tra il Giancaspro e la tifoseria del Bari Calcio», che tramite lui avrebbe ottenuto biglietti e gadget e che avrebbe «convinto» un creditore a rinunciare a due decreti ingiuntivi. L’episodio è documentato da intercettazioni: la Tds, una cooperativa di Bari che si era occupata dei parcheggi, aveva ottenuto due decreti ingiuntivi, uno da 29mila euro nei confronti della Fc Bari e uno da 16mila euro nei confronti di Magnolia, un’altra società di Giancaspro, salvo poi rinunciare dopo l’incontro tra Malanga e il vicepresidente Sabino De Vito in un bar del quartiere Mungivacca: «Dissi all’Orlando - ha messo a verbale De Vito con la Finanza - che avrei voluto un po’ di tempo per pensarci, aggiungevo però che il seguito della trattativa doveva essere curato dai rispettivi avvocati. In quell’occasione mi rappresentò che aveva strettissimi rapporti di amicizia con Giancaspro. Nei giorni successivi mi sono incontrato nuovamente con Orlando il quale mi chiedeva copia della rinuncia perché così gli era stato chiesto dal Giancaspro». Secondo l’accusa, De Vito rinunciò per paura di ritorsioni da parte di Malanga, cui è riconducibile la gestione dei bar delle spiagge baresi di Pane&Pomodoro e Torre Quetta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400