Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 09:58

NEWS DALLA SEZIONE

La denuncia
Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

 
L'iniziativa
Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

 
Per stalking
Picchiata perché russava e minacciata con video osé da pubblicare online: barese fa arrestare l'ex marito

Picchiata perché russava e minacciata con video osé da diffondere: barese fa arrestare ex marito

 
lA POLEMICA
Bari: Piccolo Teatro chiude, blitz con gli attori sul palco

Bari: Piccolo Teatro chiude, blitz con gli attori sul palco

 
Il concorso di idee
Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni

Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni
Sisto (FI): bufala storica

 
Operazione Pandora
Mafia a Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

 
Alle urne
Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

 
Denunciati due fasanesi
Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

 
In scooter sulla Statale 100
Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

 
L'incidente
Bari, traffico in tilt per colpa di un camion: trancia cavi della vecchia Filobus

Bari, traffico in tilt per colpa di un camion: trancia cavi del vecchio Filobus

 
Dopo 6 anni
Bari, restituito agli Antro il patrimonio sequestrato

Bari, restituito agli Antro il patrimonio sequestrato

 

Dopo l'arresto di settembre

Bari, chiuse indagini su Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

Insieme all'ex patron del Bari, nei guai anche Malanga

Fc Bari, finita assemblea straordinaria: unico liquidatore Giancaspro

Il nodo principale resta la bancarotta fraudolenta, per aver svuotato la società Finpower utilizzando i soldi anche nella scalata al Bari calcio. Ma per l’ex patron biancorosso Cosimo Giancaspro ora spunta anche l’accusa di estorsione, quella che avrebbe compiuto insieme a Orlando Malanga, ritenuto vicino ai clan baresi, per convincere un imprenditore a ritirare un decreto ingiuntivo. La novità emerge dall’avviso di chiusura delle indagini che la Procura di Bari ha fatto notificare l’altroieri a quattro persone, tra cui appunto Giancaspro, ai domiciliari da settembre per questa vicenda, in attesa che il Tribunale fallimentare si pronunci sulla richiesta di concordato preventivo della sua Fc Bari.


Il tema dell’indagine è noto. Il pm Giuseppe Dentamaro, con il procuratore aggiunto Roberto Rossi, ritiene infatti che Giancaspro, 56 anni, abbia fatto fallire la Finpower per appropriarsi di circa 30 milioni di euro. Anche Francesco Izzo (liquidatore della Finpower, definito «testa di paglia» dagli inquirenti) e Giovanni Ferrara (legale rappresentante della Finpower) risultano indagati per bancarotta fraudolenta insieme all’imprenditore molfettese che pure Ferrara aveva denunciato accusandolo di truffa: a dicembre 2013 la Kreare Impresa aveva acquistato da Finpower «ad un prezzo notevolmente inferiore a quello reale e a condizioni di favore per l’acquirente (il versamento entro l’anno successivo), condizioni del tutto ingiustificate» la Finpower Wind, che possedeva un importante parco eolico poi rivenduto nel 2015 a 17,8 milioni, determinando «una minusvalenza patrimoniale per Finpower di 2.4 milioni», e «nonostante la sussistenza di un palese conflitto di interessi», perché Kreare era proprietaria di Finpower. Stesso gioco fatto, ritiene la Procura, con altri sei campi fotovoltaici riconducibili a Finpower.


C’è poi il caso dell’estorsione compiuta con Orlando Malanga (anche lui indagato). Malanga agli atti dell’indagine è ritenuto «elemento di raccordo tra il Giancaspro e la tifoseria del Bari Calcio», che tramite lui avrebbe ottenuto biglietti e gadget e che avrebbe «convinto» un creditore a rinunciare a due decreti ingiuntivi. L’episodio è documentato da intercettazioni: la Tds, una cooperativa di Bari che si era occupata dei parcheggi, aveva ottenuto due decreti ingiuntivi, uno da 29mila euro nei confronti della Fc Bari e uno da 16mila euro nei confronti di Magnolia, un’altra società di Giancaspro, salvo poi rinunciare dopo l’incontro tra Malanga e il vicepresidente Sabino De Vito in un bar del quartiere Mungivacca: «Dissi all’Orlando - ha messo a verbale De Vito con la Finanza - che avrei voluto un po’ di tempo per pensarci, aggiungevo però che il seguito della trattativa doveva essere curato dai rispettivi avvocati. In quell’occasione mi rappresentò che aveva strettissimi rapporti di amicizia con Giancaspro. Nei giorni successivi mi sono incontrato nuovamente con Orlando il quale mi chiedeva copia della rinuncia perché così gli era stato chiesto dal Giancaspro». Secondo l’accusa, De Vito rinunciò per paura di ritorsioni da parte di Malanga, cui è riconducibile la gestione dei bar delle spiagge baresi di Pane&Pomodoro e Torre Quetta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400