Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 21:48

NEWS DALLA SEZIONE

La mobilitazione
Welfare, in 2mila protestano per servizi socio-sanitari davanti la Regione

Diritto cure, protesta dei sindacati alla Regione: in 2mila al sit in

 
Il rimborso
Da Milano a Bari con cinque ore di ritardo: Ryanair risarcirà 9 passeggeri

Da Milano a Bari con cinque ore di ritardo: Ryanair risarcirà 9 passeggeri

 
Il gesto estremo
Bari, uomo minaccia di buttarsi giù dal palazzo dell'Acquedotto

Bari, uomo minaccia di buttarsi giù dal palazzo dell'Acquedotto

 
L'operazione della Gdf
Porto di Bari, sequestrate oltre 4500 paia di scarpe contraffatte

Porto di Bari, sequestrate quasi 4800 paia di scarpe contraffatte

 
L'omaggio
Un violino per San Nicola: ecco il dono del liutaio barese Fortunato

Un violino per San Nicola: ecco il dono del liutaio barese Fortunato

 
Le tasse
Bari, Imu: entro lunedì sera il pagamento del saldo

Bari, Imu: entro lunedì sera il pagamento del saldo

 
Il consiglio e il «buco» di 11 milioni
Bari, la Cassa prestanza infiamma il Comune. I dipendenti: ridateci i nostri soldi

Bari, bagarre sulla Cassa prestanza in Comune. I dipendenti: ridateci i nostri soldi. Decaro ai sindacati: dite la verità

 
Cinema
Red Carpet, a Monopoli arriva la multisala ipertecnologica

Red Carpet, a Monopoli arriva la multisala ipertecnologica

 
L'iniziativa
Bari riparte dai quartieri: nascono le reti civiche

Bari riparte dai quartieri: nascono le reti civiche

 
Per il pm è stato riorganizzato il partito fascista
Aggressione al corteo antirazzista: sequestrata sede Casapound Bari

Aggressione al corteo antirazzista: sequestrata sede Casapound Bari VD

 
Gruppo gestiva il porto
Mafia, Dda Bari chiede 24 condanne per clan Capriati

Mafia, Dda Bari chiede 24 condanne per clan Capriati

 

Le dichiarazioni

Giornalisti, FNSI: «Di Maio e M5S scimmiottano Trump, sono contro eliminazione precari»

Ne ha parlato Raffaele Lorusso, presidente della Federazione Nazionale della Stampa Italiana

Giornalisti, FNSI: «Di Maio e M5S scimmiottano Trump, sono contro eliminazione precari»

«Ci sono tanti modi per colpire l'informazione, anche promettendo a parole il contrasto al lavoro precario ma poi facendo esattamente il contrario. Perché vorrei segnalare che il ministro Di Maio, il quale negli ultimi giorni si è nascosto dietro la bandiera dei precari, è stato colui che in occasione del cosiddetto decreto Dignità ha bocciato l’emendamento dei parlamentari di minoranza con cui si puntava al superamento della figura del co.co.co, che ad oggi rappresenta la forma più diffusa di sfruttamento del lavoro giornalistico». Lo ha detto il segretario della Federazione nazionale della stampa (Fnsi), Raffaele Lorusso, parlando con i cronisti oggi a Bari, in occasione di un evento sulla libertà di informazione.
«Di Maio - ha proseguito Lorusso - ha impedito l’approvazione di quell'emendamento anche nei giorni scorsi quando è stato ripresentato alla Camera dagli stessi parlamentari come emendamento alla legge di Stabilità, ed è stato nuovamente bocciato su richiesta del governo».

«In Italia i Cinquestelle non si sono inventati nulla. Questa è una linea di pensiero che sta cercando di affermarsi a livello mondiale. Vediamo quello che combina ogni giorno negli Stati Uniti il presidente Trump. Io credo che Di Maio in Italia, con qualche suo amico del M5s, non faccia altro che scimmiottare Trump». Lo ha detto il segretario della Federazione nazionale della stampa (Fnsi), Raffaele Lorusso, sottolineando che «se il modello è quello di creare una desertificazione non soltanto sotto il profilo dei sostegni pubblici ma anche sotto il profilo delle eventuali agevolazioni che sul mercato possono trovare coloro che investono nel settore dell’informazione, è chiaro che il modello è quello di togliere di mezzo l’informazione intesa come mediazione tra i fatti che non sono ancora notizia e i cittadini, per consentire al capo di parlare alla folla attraverso il suo balcone mediatico».


Parlando a Bari con i giornalisti a margine di un evento sulla libertà di informazione, Lorusso ha evidenziato che "bisogna tenere conto del fatto che la democrazia si alimenta di buona informazione che possono fare soltanto i giornalisti, quindi coloro che esercitano la professione. A condizione che questa professione venga garantita anche sotto il profilo materiale».
«La grande illusione della 'rete' - per Lorusso - è che sia sufficiente aprire un profilo su un social network piuttosto che un blog per essere giornalisti». «Questo non è vero - ha rilevato - perché quella del giornalista è una professione che risponde a determinate regole». «I giornalisti - ha concluso - hanno doveri a differenza di chi sui social network o sul proprio blog va a sfogare i propri istinti più bassi piuttosto che a insultare qualcuno».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400