Domenica 26 Maggio 2019 | 02:53

NEWS DALLA SEZIONE

L'inchiesta
Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

 
Verso il voto
Comunali, Decaro: «La nostra è una storia straordinaria: Bari è più moderna e europea»

Comunali, Decaro: «La nostra è una storia straordinaria: Bari è più moderna e europea»

 
Verso il voto
Comunali Bari, Melini: «Più bel regalo? Donarmi alla città»

Comunali Bari, Melini: «Più bel regalo? Donarmi alla città»

 
Verso il voto
Comunali, Pani (M5s): «Voglio amministrare Bari ripartendo dai cittadini»

Comunali, Pani (M5s): «Voglio amministrare Bari ripartendo dai cittadini»

 
A San Girolamo
Bari, l'arrivo della Vlora raccontato con una scultura in alfabeto morse

Bari, l'arrivo della Vlora raccontato con una scultura in alfabeto morse

 
Dopo il comizio
Bari, il pm: «Striscioni contro Salvini? No offese, ma critica politica»

Bari, «Striscioni contro Salvini? Non sono offese»: così il pm boccia il sequestro

 
Nel quartiere Libertà
Bari, a 15 e 16 anni assaltano un market con coltello: arrestati

Bari, a 15 e 16 anni assaltano un market con coltello: arrestati

 
Nel barese
Castellana, trasporta studenti in pulmino abusivamente: sanzionato

Castellana, trasporta studenti in pulmino abusivamente: sanzionato

 
Guerra fra clan
Mafia, donna ferita per errore: condannato a 6 anni il boss Conte

Mafia, donna ferita per errore: condannato a 6 anni il boss Conte

 
L’inchiesta
Elezioni a Bari, focus sul Municipio 5 un: porto di desideri

Elezioni a Bari, focus sul Municipio 5 un: porto di desideri

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

 
FoggiaIn largo Risorgimento
Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

 
LecceDopo un raid
Lecce, pestato e ferito da un colpo d'arma da fuoco: arrestato 53enne

Lecce, pestato e ferito da un colpo d'arma da fuoco: arrestato 53enne

 
BrindisiUn 48enne
Brindisi, stalker seriale perseguita la ex: finisce in cella

Brindisi, stalker seriale perseguita la ex: finisce in cella

 
MateraImpianto Intrec
Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

 
BariL'inchiesta
Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 
BatNella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 

i più letti

Sentenza ribaltata

Estetista uccisa a Mola, assolto compagno in cella dal 2014

Antonio Colamonico, compagno di Bruna Bovino, è stato assolto

video omicidio Bovino

Ribaltando la sentenza di primo grado, la Corte di assise di appello di Bari ha assolto «per non aver commesso il fatto» Antonio Colamonico, accusato dell’omicidio della 29enne italo-brasiliana Bruna Bovino, uccisa il 12 dicembre 2013 nel centro estetico che gestiva a Mola di Bari. Colamonico sarà scarcerato oggi stesso, dopo oltre quattro anni e mezzo di detenzione in carcere. Fu arrestato nell’aprile 2014. In primo grado era stato condannato a 25 anni per omicidio volontario e incendio doloso.

L’incendio doloso era stato appiccato dall’assassino - secondo l’accusa - per cancellare le prove del delitto appena compiuto. Il corpo della vittima, infatti, fu trovato semicarbonizzato sul pavimento del centro estetico, fra brandelli di indumenti e sangue, dopo essere stata uccisa con 20 colpi di forbici e strangolata.
Alla lettura della sentenza hanno assistito i familiari della vittima, che hanno subito lasciato l’aula in silenzio, e i parenti di Colamonico, moglie, genitori, fratelli e amici, che hanno urlato e applaudito dopo aver appreso dell’assoluzione. "Adesso è stata fatta davvero giustizia», hanno detto abbracciandosi uscendo dal Tribunale. «Lo sapevamo dall’inizio che era innocente, - ha detto il padre Matteo - sono cinque anni che lottiamo e la prima cosa che farò quando andrò a prenderlo dal carcere, sarà portarlo da suo figlio, che oggi ha 7 anni». In lacrime la moglie, Rossella, e il gemello Giovanni, che ha detto di volerlo «portare in Chiesa, nel luogo dove in questi anni ho tanto pregato».
Gli avvocati dell’imputato, Nicola Quaranta e Massimo Roberto Chiusolo, hanno spiegato di aver «trovato, grazie ad indagini difensive e un lungo lavoro con consulenti di parte, la prova dell’innocenza di Colamonico. Secondo la Procura - hanno spiegato - la ragazza era stata uccisa intorno alle 17, ma abbiamo trovato testimoni che l’hanno vista e salutata alle 18.20, quando Colamonico era in un altro luogo, come dimostrano le celle telefoniche».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400