Martedì 13 Novembre 2018 | 22:56

NEWS DALLA SEZIONE

Cade l'accusa di mafia
Traffico e spaccio di droga nel Barese: condannati in 9 affiliati al clan Palermiti

Traffico e spaccio di droga nel Barese: condannati 9 affiliati al clan Palermiti

 
Elezioni
Bari, riecco i socialisti Tedesco: «Lista giovane per puntare al 5%»l

Bari, riecco i socialisti Tedesco: «Lista giovane per puntare al 5%»

 
Il furto
Bari, ruba un portafoglio dal camerino del Petruzzelli: arrestato vigilante

Bari, ruba un portafoglio dal camerino del Petruzzelli: arrestato vigilante

 
All'unanimità
Giornalisti, Consiglio Puglia approva mozione a difesa

Giornalisti, Consiglio Puglia approva mozione a difesa

 
A Bari il flash mob
Emiliano al flash mob per libertà di stampa: «Giornalisti fondamentali in controllo democrazia»

Emiliano difende libertà di stampa: «Giornalisti necessari in controllo democrazia»

 
L'operazione a Bari
Nichel e cromo 100 volte più alti del limite: GdF Bari sequestra 1 milione di ombretti e fard

Nichel e cromo 100 volte più alti del limite: GdF sequestra 1 milione di cosmetici cinesi

 
a Mola di Bari
Palazzo Roberti, la proposta è un polo delle 7 arti

Palazzo Roberti, la proposta è un polo delle 7 arti

 
Continua l'indagine
Bari, morbillo scambiato per mononucleosi: coinvolte 3 famiglie no-vax

Morbillo scambiato per mononucleosi: a Bari coinvolte 3 famiglie no-vax

 
Trasporti
Bari, aeroporto chiuso per nebbia: 5 voli cancellati, 4 dirottati

Bari, aeroporto chiuso per nebbia: 5 voli cancellati, 4 dirottati a Napoli e Pescara

 
Protagonisti due pregiudicati
Molfetta, lite tra padre e figlio finisce a pistolettate in strada

Molfetta, lite tra padre e figlio finisce a pistolettate in strada

 
Il forum
Bari, paradosso Zona industrialeLe eccellenze e i suoli «bloccati»

Bari, paradosso Zona industriale: le eccellenze e i suoli «bloccati»

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Verso le amministrative

Comunali a Bari, il Rettore
si smarca: non faccio politica

Uricchio smentisce un suo coinvolgimento nelle prossime elezioni: sarebbe stato individuato dal centrodestra

rettore dell’Università di Bari, Antonio Uricchio

Non faccio politica, io mi occupo di Università, faccio il rettore e continuerò a farlo». Così, ai microfoni di Radionorba, il rettore dell’Università di Bari, Antonio Uricchio, in merito alle indiscrezioni pubblicate su alcuni giornali locali secondo cui la coalizione di centrodestra vorrebbe candidarlo a sindaco di Bari nella prossima competizione elettorale in programma nel 2019.

Intanto, è settembre il termine ultimo per sciogliere il nodo principale del centrodestra pugliese: puntare su un candidato unico per le comunali baresi o, invece, «virare» sulle primarie. Il tavolo di coalizione che ieri, in casa di Fratelli d’Italia, ha visto confrontarsi i coordinatori regionali dei quattro partiti principali (FI, Lega, Fdi, NcI), il movimento Idea, Puglia Popolare di Massimo Cassano e la new entry Udc, rappresentata dal coordinatore provinciale di Brindisi e delegato regionale Giovanni Barletta, ha infatti partorito la «linea rossa».

A confermarlo è il coordinatore regionale di Forza Italia, Gino Vitali: «L’identikit del candidato ormai è chiaro: una personalità riconosciuta, riconoscibile e stimata proveniente dal mondo della cultura, delle professioni o dell’impresa. Se entro settembre - prosegue - o per nostra incapacità o per indisponibilità del candidato non riusciremo a individuare la figura più adatta, allora si andrà alle primarie». Seguendo il ritmo settimanale degli incontri, mancherebbero dunque due soli tavoli prima della decisione finale.

Per la prima volta, al ragionamento sul futuro della coalizione ha concorso anche l’Udc. «La nostra è stata una prima esperienza d’ascolto - chiarisce Barletta - ma non tarderemo ad avanzare le nostre proposte. E, su Bari, non bisogna sottovalutare nemmeno la possibilità di individuare una figura interna che possa dare slancio all’azione amministrativa». Sul nome, però, ancora silenzio: «Nelle prossime ore sarò più chiaro. Al momento non posso bruciare nessuno: niente fughe in avanti e nemmeno autogol». Sulla posizione del partito, legato al centrosinistra di Emiliano in Regione, Barletta chiarisce: «Nel 2015 ci sedemmo a quel tavolo perché con il centrodestra non trovammo la quadratura. Sottoscrivemmo un accordo di governo e di programma che portiamo avanti. Non c’è nessuna confusione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400