Venerdì 30 Luglio 2021 | 08:42

NEWS DALLA SEZIONE

il punto
Le strategie dei partiti con la galassia dei no vax

Le strategie dei partiti con la galassia dei no vax

 
Il punto
La giustizia si riforma «solo» con l’armonia draghiana

La giustizia si riforma «solo» con l’armonia draghiana

 
Esperti a confronto
Bari, in città il futuro si chiama «mare»

Bari, in città il futuro si chiama «mare»

 
la riflessione
A che serve davvero il lasciapassare sanitario

A che serve davvero il lasciapassare sanitario

 
la riflessione
Quei cari banditori, altro che fake news

Quei cari banditori, altro che fake news

 
il punto
Se il vaccino diventa una questione politica

Se il vaccino diventa una questione politica

 
L'analisi
Mattarella, i suoi primi 80 anni e la partita quirinale

Mattarella, i suoi primi 80 anni e la partita quirinale

 
Il commento
Le notti magiche seduti sul divano di casa

Le notti magiche seduti sul divano di casa

 
La riflessione
Lo Stato dice ai giovani del Sud «Dovete emigrare»

Lo Stato dice ai giovani del Sud «Dovete emigrare»

 
il punto
Quell’inferno cantieri sulla via delle vacanze

Quell’inferno cantieri sulla via delle vacanze

 
l'approfondimento
Dobbiamo attrezzarci per una vita da precari

Dobbiamo attrezzarci per una vita da precari

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariPunto di riferimento per turisti
Monopoli, attivo nuovo presidio della Polizia

Monopoli, attivo nuovo presidio della Polizia

 
TarantoDerattizzazione
Taranto, installate ecotrappole per i topi

Taranto, installate ecotrappole per i topi

 
Batcontrolli sul litorale
Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

 
MateraL'allarme
Incendi: fiamme in pineta nel Materano, evacuato campeggio

Incendi: fiamme in pineta nel Materano, evacuato campeggio

 
FoggiaL'Irccs di San Giovanni Rotondo
Firmato a Roma il nuovo Protocollo Regione Puglia - Casa Sollievo

Firmato a Roma il nuovo Protocollo Regione Puglia - Casa Sollievo

 
BrindisiTokyo 2020
Dell'Aquila a Brindisi abbraccia famiglia: «Non vedevo l'ora»

Dell'Aquila a Brindisi abbraccia famiglia: «Non vedevo l'ora»

 
Potenzal'emergenza
Covid: da domani in Basilicata iter per vaccinare i ragazzi

Covid: da domani in Basilicata iter per vaccinare i ragazzi

 
LecceSerie B
Lecce Calcio, arriva anche il  francese Valentin Gendrey

Lecce Calcio, arriva anche il  francese Valentin Gendrey

 

i più letti

L'analisi

Torniamo a «stare» in piazza ma senza monopattini

La barbarie stiracchiata di oziosità alcoliste della «movida» tornata in auge dopo il terrore dell’epidemia

Bari, stretta sugli orari della movida, si chiude entro le 2.30

foto Luca Turi

La barbarie stiracchiata di oziosità alcoliste della «movida» tornata in auge dopo il terrore dell’epidemia e l’invasiva tirannide della piazza mediatica nelle sue varianti di piazzette elettroniche, atri informatici, portinerie, ballatoi e cortili digitali rischiano di farci disabituare alla piazza vera, quella che offre alla vita pubblica dei cittadini lo spazio arioso e racchiuso dal confine dei palazzi istituzionali, quell’agorà preziosa e analcolica che ospitava la dignità urbana e non ammetteva dispotismi invadenti. Lì, in piazza, si andava a «stare».

Nell’Italiano dialettale che usiamo a Bari, il verbo «stare» svolge mansioni impegnative nella sintassi della poetica semplicità dialettale: si usa per definire una condizione, uno stato, una modalità. In risposta alla domanda «Che facciamo stasera?», buttata là tra uno sbadiglio e un borborigmo vernacolare, m’è capitato di registrare la locuzione «Andiamo a stare». Proprio così. «A stare» e basta.
In quel caso indicava una attività-non attività che consiste, lo sappiamo bene, nell’essere non bighelloni scansafatiche, ma affaccendati oziosi che occupano un luogo scelto.

In genere lo spazio antistante un Caffè, per disporsi a crocchio, un simulacro spicciativo di agorà rimpicciolita sulla misura della «comitiva». In Inghilterra quegli astanti prendono il nome di corner people. In quelle contrade, però, si tratta di gente che si presta a far da pubblico ad oratori muniti di sgabello e loquela non priva di burbera eleganza. Il più delle volte praticano le allocuzioni in aiuole dei pubblici, immacolati giardini inglesi.

Noi no, noi andiamo «a stare», delimitando lo spazio necessario con i corpi dondolanti e il piccolo passeggiare fermi sul posto. Con quel febbrile affaccendarsi che comporta l’ozio faticoso della chiacchiera lenta, della conversazione vaga e ampia e la pratica della contemplazione del passeggio, si capisce che il tempo scorra lento e placido non senza saggezze individuabili nella grave compiacenza dell’uditorio. Tutto questo e altro ancora è «stare» nel Meridione d’Italia.

Ma esiste, a Bari, una particolarità linguistica. Infatti: c’è un modo curioso d’esprimere la condizione di chi è sprovvisto di qualcosa: si privilegia, rispetto al verbo avere, il verbo stare, considerato variante del verbo essere. Si dice infatti, anche troppo spesso, «Sto senza soldi», «sto senza mangiare da ieri», «sono stato senza far niente», eccetera. Invece di «non ho soldi», «non ho mangiato da ieri», «non ho fatto niente», eccetera. Per non parlare dell’incitazione ai pigri o renitenti all’impegno del lavoro o tardivi nel dar di piglio alle imprese: «E stàmc». Lo sentii urlare durante un comizio all’indirizzo dell’oratore che si prodigava in promesse.

Quando, da ragazzi, si stentava a tirar serata, non potendo «stare» indefinitamente, si progettavano passeggiate automobilistiche e, quindi, si aspettava ansiosamente l’unico amico dotato di padre generoso che largheggiava in prestiti di auto. La delusione arrivava frequentemente e l’amico arrivava tristemente appiedato. Agli sguardi ansiosi rispondeva: «Sto senza macchina». A pensarci, quella locuzione era perfetta ed eloquente: infatti indicava una condizione transitoria, altrettanto di quando annunciava trionfante «Sto con la macchina», aspettandosi, da parte degli altri, contraccambi maliziosi di presentazioni di amiche altrettanto appiedate e attratte irresistibilmente dalla comodità discreta della vettura. Per non «stare senza femmina».

Soprattutto se si trattava di andare a ballare. A proposito, è curioso da ricordare come quello che «stava con la macchina», in genere, «stava senza ragazza». Ma che sciocco che sono: solo adesso, dopo tanti anni, capisco che se quello fosse stato con la macchina e con «la femmina», come brutalmente si diceva, certo, non sarebbe stato con gli amici a stare all’angolo del caffè.

In questa piccola scheggia di privata rechèrche, sono certo che molti miei concittadini si ritroveranno, i miei cari Baresi che, oggi, stanno tutti con la macchina. E non la mollano per alcun motivo.
Peccato. Peccato perché si privano di molti piaceri oltre che del diritto di respirare, di quello di camminare, di non rischiare la pelle ad ogni attraversamento di strade. Strade? Diciamo, piuttosto, percorsi di guerra dove devi stare (queste volte è proprio stare) in guardia per evitare di entrare in un camion e non nel negozio di biancheria o di restare prigioniero del fuoristrada parcheggiato metà nel sottano e metà sul cassonetto dell’immondizia.

Oggi ci sono, e aggiungono terrore al timore del traffico quelli che «stanno col monopattino». Questo arnese nasce dalla trasformazione di un giocattolo innocente, costruito dall’ingegnosità dei ragazzi che siamo stati, con legno di risulta e ruotine di cuscinetti a sfere, in micidiali arnesi in grado di uccidere (è successo) in caso di collisione, chi si accontenterebbe di «stare» pacificamente sui marciapiedi. I sindaci di tutta Italia che hanno legittimato l’uso di queste micidiali istigazioni a delinquere, non si rendono conto che hanno legalizzato un mezzo che costituisce, in sé, la tentazione irresistibile a trasgredire ogni legge e ogni norma di educazione stradale: dal limite di velocità (possono viaggiare a 45 all’ora) all’invasione dei marciapiedi, dalla scorribanda in senso vietato, al sovraccarico dell’arnese con più viaggiatori.
Com’era bella, la piazza. La piazza con le sue regole. La piazza di pietra e case, senza monopattini! E non la piazza catodica dove è consentito qualsiasi eccesso.

Chi in piazza strafaceva o parlava troppo o imponeva in eccesso la sua presenza passava subito per «stangachiazz», ovvero sfaccendato, bighellone, fannullone, povero di spirito e fastidioso chiacchierone (oggi a Bari, con impagabile locuzione, si dice «carico a chiacchiere»). Nella piazza mediatica, in tivvù, insomma, certe invasioni, certe ubiquità, certi personaggi ridotti, ormai, al ruolo di salvaschermo, mi fanno rimpiangere, oltre alle vecchie, care, tribune politiche, anche lo «stare» in piazza libero e innocente. Civile. E senza monopattini. Con una signora.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie