Lunedì 21 Giugno 2021 | 06:32

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
La burocrazia non muore mai anche ai tempi della «SPID»

La burocrazia non muore mai anche ai tempi della «SPID»

 
La riflessione
Occorre seminare oggi per il turismo di domani

Occorre seminare oggi per il turismo di domani

 
L'analisi
Il messaggio dell’Europa normalizzata da Mario

Il messaggio dell’Europa normalizzata da Mario

 
L'editoriale
Con o senza mascherina, il tempo libero è tornato

Con o senza mascherina, il tempo libero è tornato

 
La curiosità
Se i candidati alla maturità sbagliano... mascherina

Se i candidati alla maturità sbagliano... mascherina

 
il punto
Il ritorno del tricolore per gli azzurri e per tutti noi

Il ritorno del tricolore per gli azzurri e per tutti noi

 
L'analisi
Guelfi bianchi e guelfi neri quella lezione dimenticata

Guelfi bianchi e guelfi neri quella lezione dimenticata

 
L'analisi
Coprifuoco finito, riecco tutti i mali del sabato sera

Coprifuoco finito, riecco tutti i mali del sabato sera

 
il punto
Il patriottismo «dolce» e l’amara odissea di due pugliesi

Il patriottismo «dolce» e l’amara odissea di due pugliesi

 
L'analisi
Gigi Riva, l’omaggio

Gigi Riva, l’omaggio

 
la riflessione
Se l’Italia chiude il corridoio della Cina verso l’Europa

Se l’Italia chiude il corridoio della Cina verso l’Europa

 

Il Biancorosso

Calcio
Michele Mignani

Il Bari si affida a Mignani: è lui il nuovo allenatore

 

NEWS DALLE PROVINCE

Homelutto
Bari, scomparso l'imprenditore Onofrio Bonerba

Bari, scomparso l'imprenditore Onofrio Bonerba

 
Foggial'incidente
Foggia, divampa rogo vicino a ghetto migranti: due intossicati

Foggia, divampa rogo vicino a ghetto migranti: due intossicati

 
Batla curiosità
Barletta,  le campane suonano l'inno d'Italia per gli azzurri in campo

Barletta, le campane suonano l'inno d'Italia per gli azzurri in campo

 
HomeCovid
Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi i

Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi - Stabile al 3% occupazione terapie intensive

 
Materatradizioni e pandemia
Matera, il carro della «Bruna» resta ai box

Matera, il carro della «Bruna» resta ai box

 
Potenzabasilicata
Vulture, campi senz’acqua: un crac da tre milioni di euro

Vulture, campi senz’acqua: un crac da tre milioni di euro

 
TarantoIl caso
Ex Ilva, dopo blackout fumi e fiamme nello stabilimento, i Verdi: «Bisogna avvisare i tarantini»

Ex Ilva, dopo blackout fumi e fiamme nello stabilimento, i Verdi: «Bisogna avvisare i tarantini»

 

i più letti

Lotta al Covid

Se il vaccino ti fa male ti cura l'avvocato

Da dicembre al 26 aprile sono state segnalate all’Agenzia italiana del farmaco 56mila possibili reazioni avverse

Se il vaccino ti fa male ti cura l'avvocato

Tre casi di reazioni avverse su 18 milioni di somministrazioni effettuate in Italia sono potenzialmente correlabili al vaccino. Il che non significa, naturalmente, che siano dipese dal vaccino. La campagna in corso in questi mesi è il più grande test medico di massa della storia dell’umanità, che dirà qualcosa sul piano scientifico a proposito dei rischi reali connessi all’utilizzo di un «farmaco preventivo». Ma qualcosa già si può dire, oggi, sul rapporto tra italiani e vaccini.
Da dicembre al 26 aprile sono state segnalate all’Agenzia italiana del farmaco 56mila possibili reazioni avverse. Poco più di 9 su dieci sono effetti blandi tipo mal di testa, dolore al punto di iniezione, febbre lieve, stanchezza.

Il resto è definibile come reazione grave: scopo del sistema di farmacovigilanza è capire se esista un rapporto di causa-effetto con la vaccinazione. Ma, appunto, siamo nel dominio della scienza.
Se scendiamo a livello terreno, quello che emerge dall’analisi delle segnalazioni è che solo una minoranza dei casi «sospetti» proviene da persone di età superiore ai 60 anni, cioè gli anziani che in base a una certa vulgata avrebbero avuto più da temere dal vaccino. Anzi, per essere precisi: quelli che hanno segnalato il maggior numero di (presunte) reazioni avverse sono stati i ventenni, che in questa fase della campagna dovrebbero appartenere a categorie particolari (personale sanitario, studenti di medicina, e solo in minima parte soggetti fragili). Ma è ancora più significativo che il 42% di tutte le segnalazioni sia stata effettuata attraverso un avvocato.

Proviamo a immaginare come è andata, per 20mila volte, da dicembre ad aprile. Un cittadino fa la sua brava fila al centro vaccinale e – dopo essere tornato a casa – scopre di avere dolore al braccio o mal di testa. Chiama il medico, giusto? E quello gli risponderà: stai tranquillo, non ti preoccupare, domani mattina ti passerà tutto. Ma il cittadino si agita, pensa a quello che ha letto su Facebook, immagina scenari catastrofici. E a quel punto cerca la consolazione dell’anima. Invoca la giustizia degli uomini. Corre nello studio dell’avvocato.

Intendiamoci. L’avvocato che segnala una reazione avversa a vaccino si limita a fare il proprio lavoro, l’interfaccia tra cittadino e resto del mondo: lo chiamano, e lui interviene. Ma è interessante il paradigma psicologico di quei ventimila signor Rossi che, con il capogiro o qualche linea di febbre, invece di prendere un’aspirina e buttarsi nel letto, cercano di andare oltre. Pensando magari di poterci guadagnare qualcosa: una bella causa, che in Italia non si nega a nessuno, e qualche soldino per il fastidio.
È interessante anche notare che l’85% delle segnalazioni (anche delle presunte reazioni gravi) ha come esito «risoluzione completa» o «miglioramento» già al momento dell’invio. Cioè qualcosa che più o meno dice: guarda che ieri mi è venuto mal di testa, ma nel frattempo mi è passato tutto. Anche sui casi seri, cioè sulle 223 segnalazioni di decesso dopo il vaccino, bisogna essere estremamente attenti. Intanto, la frequenza di queste segnalazioni è uguale in tutto il mondo, e non sono mai stati segnalati decessi dopo shock anafilattico o reazioni allergiche importanti: questo farebbe pensare, appunto, che anche i possibili effetti gravi del vaccino si risolvono dopo uno o più giorni. In più, 191 dei 223 ipotetici decessi da vaccino riguardano persone fragili con altre malattie (spesso importanti). Finora in Italia sono risultati «correlabili» alla vaccinazione tre decessi per trombosi. Gli scienziati diranno se esiste un rapporto di causa-effetto tra il vaccino e il decesso di queste tre persone. Nel frattempo deve essere chiaro che di trombosi si moriva prima del covid e, presumibilmente, si continuerà a morire anche dopo. Non sarebbe male ricordarselo, prima di correre dall’avvocato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie