Venerdì 14 Maggio 2021 | 06:27

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Il ruolo degli (ex) Populisti nel «Romanzo Quirinale»

Il ruolo degli (ex) Populisti nel «Romanzo Quirinale»

 
La riflessione
Dal Covid l’ultima beffa alle donne

Dal Covid l’ultima beffa alle donne

 
Il punto
Ambiente ferito, la lezione di Papa Wojtyla

Ambiente ferito, la lezione di Papa Wojtyla

 
il dibattito
Giustizia sotto i riflettori: i partiti affilano le armi

Giustizia sotto i riflettori: i partiti affilano le armi

 
La riflessione
Metà giugno, è questa la nuova data da segnare

Metà giugno, è questa la nuova data da segnare

 
L'analisi
La tentazione del «Liberi tutti» e il senso di responsabilità

La tentazione del «Liberi tutti» e il senso di responsabilità

 
Verso l'estate
Ora il turismo riscopra l'antica legge dell'ospitalità

Ora il turismo riscopra l'antica legge dell'ospitalità

 
L'editoriale
La festa dell'Europa per una nuova Europa

La festa dell'Europa per una nuova Europa

 
L'editoriale
Il primo beato fra i magistrati nel momento più difficile

Il primo beato fra i magistrati nel momento più difficile

 
Il punto
Stellantis, su Melfi equivoci e silenzi

Stellantis, su Melfi equivoci e silenzi

 
L'analisi
Le leggi non si fanno dal palco dei concerti

Le leggi non si fanno dal palco dei concerti

 

Il Biancorosso

Verso il derby
Bari, si punta a ritrovare tra i disponibili il difensore esterno Celiento

Bari, si punta a ritrovare tra i disponibili il difensore esterno Celiento

 

NEWS DALLE PROVINCE

Covid news h 24Lotta al virus
Vaccini in Puglia, trasferite a Bari dalla Sicilia 50mila dosi AstraZeneca

Vaccini in Puglia, trasferite a Bari dalla Sicilia 50mila dosi AstraZeneca

 
FoggiaIl caso
Sdegno a Foggia, rubano tandem dell’Unione Ciechi e Ipovedenti: «Così ci tolgono la libertà»

Sdegno a Foggia, rubano tandem dell’Unione Ciechi e Ipovedenti: «Così ci tolgono la libertà»

 
PotenzaOccupazione
Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

 
HomeEmergenza migranti
Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo 13 migranti

Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo di 13 migranti

 
BatLa curiosità
Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

 
MateraLa novità
Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

 
TarantoSicurezza sul lavoro
Taranto, fuga di gas questa mattina nell’area Altiforni dell'ex Ilva

Taranto, fuga di gas questa mattina nell’area Altiforni dell'ex Ilva

 
BrindisiCarabinieri
Francavilla, le molestie corrono sul filo del telefono

Francavilla, le molestie corrono sul filo del telefono

 

i più letti

Il punto

Recovery Plan, forse è l’ultimo treno: guai a perderlo

Il vero rischio è che il Recovery diventi un mero elenco della spesa dove fare entrare tutto ciò che le risorse pubbliche ordinarie non hanno saputo attuare negli ultimi decenni

Investire nelle aree deboli è giusto e conveniente

Ciò che colpisce del Recovery Plan (o Piano nazionale di ripresa e resilienza) è che, a dispetto del nome anglofono o della forse anche peggiore barocca trasposizione italiana, in realtà non contiene nulla di davvero eccezionale. Per essere un piano di interventi straordinari, si pone in realtà gli obiettivi «normali» di una amministrazione pubblica. Adeguare l’offerta di asili nido e scuole dell’infanzia, riformare la burocrazia, eco-ammodernare le infrastrutture energetiche, rafforzare la rete ferroviaria nazionale - giusto per fermarsi ai titoli più qualificanti - dovrebbero essere scopi programmatici di qualunque governo, con il sostegno di qualunque amministrazione locale degna di questo nome.

Dovrebbe fare riflettere il fatto che l’Italia debba approfittare di uno stanziamento europeo straordinario e forse irripetibile per porsi finalmente il problema - ad esempio - di collegare il Paese in maniera decente dall’Adriatico al Tirreno, e non solo da Nord a Sud. Una progettualità scomparsa con l’avvento dei Savoia e mai più riproposta. Ci sono voluti 150 anni per ragionare seriamente sulla linea ferroviaria Bari-Napoli.

Il vero rischio, dunque, è che il Recovery Plan diventi un mero elenco della spesa dove fare entrare tutto ciò che le risorse pubbliche ordinarie non hanno saputo attuare negli ultimi decenni, a fronte di risorse che rischiano di rivelarsi addirittura modeste se paragonate alle aspettative (anche se all’Italia tocca la fetta più grande della torta europea).
Su tutto aleggia lo spettro della burocrazia. L’Italia è stata capace di non spendere decine di miliardi dei fondi pluriennali europei, tornati a Bruxelles negli scorsi anni o assegnati a progetti che procedono con una lentezza esasperante. Mario Draghi lo sa bene e per questo sta dedicando sforzi supplementari proprio alla semplificazione delle regole amministrative, cogliendo al balzo l’occasione. Ma è giusto evidenziare che il problema non è solo italiano.

Anche il sistema burocratico europeo non scherza in quanto a complessità, come sta emergendo nella gestione dell’emergenza sanitaria, con gli inevitabili riflessi nella genesi e nelle regole del Recovery Fund. Basti prendere il pasticcio dei vaccini e comparare la goffaggine dell’Ue con la rapidità degli Usa e la risolutezza della Gran Bretagna post Brexit, giusto per fare paragoni omogenei tra sistemi politici democratici con pari capacità economiche.
La Ue deve concertare il calvinismo diffidente dei Paesi nordici con le esigenze economiche di quelli meridionali e contemperare le varie sensibilità nazionali ancora restìe a cedere il passo agli interessi generali europei. È inaccettabile che in piena pandemia chi governa 500 milioni di cittadini debba farsi venire il dubbio se spendere qualche miliardo in più per avere nel più breve tempo possibile tutti i vaccini che servono.

L’atteggiamento dove la forma prevale sulla sostanza rischia di sgonfiare il Recovery Fund prima ancora che diventi un polmone supplementare per un’economia e una società sofferenti.

Il piano è triennale e prevede lo stanziamento di 750 miliardi di euro; gli Usa di Biden hanno avviato investimenti per 3mila miliardi di dollari, il quadruplo dell’Europa. L’Italia potrà contare su circa 200 miliardi, ma di questi soldi si cominceranno a vedere le disponibilità non prima di luglio, con l’emissione del primo debito europeo comune per il 13% del programma. Ci voleva una pandemia per convincere i tedeschi (ma non è detta l’ultima parola, visto che c’è un giudizio in corso in Germania).
Va bene, visti i tempi non c’è da andare molto per il sottile. Se per avere un asilo in più o un binario nuovo bisogna «ringraziare» un virus assassino, così sia. Abbiamo imparato ad accontentarci. Ma guai ad abbassare la guardia, perché questa potrebbe davvero essere l’ultima occasione da sfruttare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie