Giovedì 29 Ottobre 2020 | 09:55

NEWS DALLA SEZIONE

Il commento
Il rischio di indebitarsi pre-rovinando i nipoti

Il rischio di indebitarsi pre-rovinando i nipoti

 
L'ANALISI
La resistenza civile per battere il virus

La resistenza civile per battere il virus

 
L'editoriale
Il potere vero che si rafforza a ogni esigenza

Il potere vero che si rafforza a ogni esigenza

 
Il caso
Se la disobbedienza (non) fa spettacolo sfidando i divieti

Se la disobbedienza (non) fa spettacolo sfidando i divieti

 
Il commento
Cronaca di una seconda ondata annunciata

Cronaca di una seconda ondata annunciata

 
Il commento
I comandamenti: Papa Francesco e quelle parole sulle unioni civili

I comandamenti: Papa Francesco e quelle parole sulle unioni civili

 
L'editoriale
L’ossessione delle nomine più forte anche delle emergenze

L’ossessione delle nomine più forte anche delle emergenze

 
Il commento
Se con gli eroi si coprono gli errori della politica

Se con gli eroi si coprono gli errori della politica

 
Il commento
Nell’urna il morbo Usa e getta

Nell’urna il morbo Usa e getta

 
L'ANALISI
Sveglia Italia contro il virus che sfugge al controllo

Sveglia Italia contro il virus che sfugge al controllo

 
L'analisi
Incrocio di poteri senza una direzione

Incrocio di poteri senza una direzione

 

Il Biancorosso

Il match
Bari calcio, Marras: «Bella sfida il derby con il Foggia»

Bari calcio, Marras: «Bella sfida il derby con il Foggia»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoil siderurgico
ArcelorMittal, sindaco Melucci dopo incidente: «Fabbrica pericolosa, non può continuare»

ArcelorMittal, sindaco Melucci dopo incidente: «Fabbrica pericolosa, non può continuare»

 
LecceGiustizia e Covid
Lecce, l'avvocato Vergine: «Si sospendano le udienze»

Lecce, l'avvocato Vergine: «Si sospendano le udienze»

 
BrindisiCapitaneria
Porto Brindisi, maxisequestro di prodotti ittici surgelati

Porto Brindisi, maxisequestro di prodotti ittici surgelati

 
MateraNel Materano
Bernalda, è ai domiciliari ma spaccia cocaina: in carcere

Bernalda, è ai domiciliari ma spaccia cocaina: in carcere

 
Barinel Barese
Toritto, positivo al Covid va a lavorare nel negozio della moglie: denunciato

Toritto, positivo al Covid va a lavorare nel negozio della moglie: denunciato

 
PotenzaEmergenza contagi
Covid in Basilicata, presto completati gli ospedali da campo

Covid in Basilicata, presto completati gli ospedali da campo

 
Foggiala scomparsa
San Giovanni Rotondo, 85enne esce di casa per andare in campagna e svanisce nel nulla

San Giovanni Rotondo, 85enne esce di casa per andare in campagna e svanisce nel nulla

 
BatL'avvertimento
Canosa, esplode bomba in pieno centro: le telecamere riprendono il presunto attentatore

Canosa, esplode bomba in pieno centro: le telecamere riprendono il presunto attentatore

 

i più letti

L'analisi

Il gioco degli specchi della politica italiana

Dopo tante paure e polemiche il giorno del voto è arrivato

Il gioco degli specchi della politica italiana

Dopo tante paure e polemiche il giorno del voto è arrivato. Domani e lunedì gli italiani si esprimeranno sul taglio di 345 parlamentari e sceglieranno i presidenti di 7 Regioni, fra cui la Puglia. Le previsioni parlano di una vittoria dei Sì al referendum sulla legge che ridisegna Camera e Senato e di una conferma del trend di crescita del centrodestra alle Regionali. Ma si sa, l’urna spesso capovolge previsioni e strategie politiche, soprattutto in una fase come questa, anomala sotto molti punti di vista, a cominciare dalla campagna elettorale.

Il Covid ha silenziato soprattutto gli aspiranti governatori e consiglieri regionali impedendo confronti pubblici, dibattiti e folle oceaniche ai comizi. Un vulnus alla partecipazione democratica? Può darsi, di certo un assist ai candidati a non scapicollarsi più di tanto fra un comizio e un talk show, ma soprattutto a non fare sforzi eccessivi nella stesura di presunti «programmi».
Ad accendere l’ultima settimana di «campagna elettorale» è stata una questione tecnicamente estranea alle votazioni di domani e lunedì e cioè la tenuta della maggioranza.

Premesso che fino a oggi l’accordo Pd-5Stelle-Leu-Iv ha tratto stabilità dall’emergenza Covid, nessuno si è preoccupato degli effetti del voto sull’opposizione. Eppure è una compagine che scalpita, che non vede l’ora di tornare alle urne per legittimare una presunta supremazia nel Paese, che sente di avere il consenso di un gran numero di italiani quando parla di migranti, di Europa affamatrice, di lavoro che non c’è. Ma perché vi siano elezioni politiche è necessario che l’attuale maggioranza imploda.
E qui si innesca un paradosso, frutto forse di strategie un po’ miopi. Una conferma da parte degli italiani della legge costituzionale approvata da due diverse maggioranze (giallo-verde prima e giallo-rossa poi) sarebbe un ricostituente per il governo. Il premier Conte potrebbe così pensare anche a qualche rimpasto per allungare la propria esistenza fino all’inizio del semestre bianco (3 agosto 2021) e gestire in tranquillità l’elezione del successore di Mattarella. Proprio per questa ragione non è immaginabile che all’indomani dell’eventuale vittoria del Sì venga aperta una crisi per arrivare a sciogliere le camere ed eleggere il nuovo Parlamento light: sarebbe una prova di tafazzismo fuori da ogni logica e, soprattutto, da ogni attuale costume politico.

La vittoria del No, invece, non avrebbe conseguenze sui desideri di riconferma dei parlamentari in carica, sarebbe però una sconfitta tanto della linea del governo quanto dell’opposizione che non potrebbe insistere più di tanto con la richiesta di dimissioni. Il vero tallone d’Achille per Conte e soci è rappresentato dalle Regionali. Una vittoria del centrodestra in Puglia e Toscana darebbe nuovo vigore all’opposizione a trazione leghista, metterebbe in discussione la già fragile leadership di Zingaretti nel Pd e potrebbe portare davvero alla caduta del governo, soprattutto se sarà confermato anche il trend negativo dei 5Stelle.

Tutto questo sulla carta, naturalmente, perché la politica resta pur sempre l’arte del possibile maritata all’incognita dell’impossibile. Perché quando si parla di centrodestra si parla in realtà di Forza Italia, partito ormai minoritario legato indissolubilmente alla figura di Berlusconi, di Fratelli d’Italia e della Lega. Ora la rivalità fra i due leader di maggior peso, Meloni e Salvini, non è un segreto. Prima del «lasciapassare» alla candidatura di Fitto in Puglia, giusto per fare un esempio, Salvini ha tentennato a lungo, ben sapendo che una vittoria dell’europarlamentare avrebbe fatto alzare ancor più le quotazioni della Meloni. Di qui anche la scelta del leader leghista di avere una presenza costante in Puglia durante la campagna elettorale. Un modo come un altro per poter rivendicare che l’eventuale successo di Fitto è anche merito della Lega. Al contrario, se sarà riconfermato Emiliano, Salvini avrà tutte le ragioni per contestare alla sua alleata-rivale una scelta rivelatasi perdente.

Insomma la politica italiana e questa tornata elettorale in particolare assomigliano a uno di quei racconti di Camilleri in cui si è davanti a un gioco di specchi, dove ciò che appare è diverso da ciò che è. Solo che nella letteratura e nella fiction tv alla fine arriva sempre il commissario Montalbano a ristabilire il giusto confine tra realtà e apparenza. Nel Paese vero non è dato sapere se vi sia ancora qualcuno in grado di farlo e così domani e lunedì gli italiani andranno alle urne credendo di votare per referendum e regionali ma in realtà stanno decidendo le sorti del governo.
Michele Partipilo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie