Mercoledì 12 Agosto 2020 | 11:39

NEWS DALLA SEZIONE

L'ANALISI
La scommessa delle elezioni

La scommessa delle elezioni

 
L'EDITORIALE
Dalle mani sulla città alle mani sullo Stato

Dalle mani sulla città alle mani sullo Stato

 
La riflessione
Se anche Sarah Scazzi finisce in una fiction

Se anche Sarah Scazzi finisce in una fiction

 
Il commento
L'importanza di chiamarsi Andrea Pirlo (nato maestro)

L'importanza di chiamarsi Andrea Pirlo (nato maestro)

 
L'ANALISI
L’insostenibile leggerezza dell’essere incoscienti

L’insostenibile leggerezza dell’essere incoscienti

 
Il lutto
Franca Valeri, un monumento: addio all’attrice che aveva appena compiuto 100 anni

Franca Valeri, un monumento: addio all’attrice che aveva appena compiuto 100 anni

 
L'ANALISI
La fame di sapere alimentò il miracolo economico

La fame di sapere alimentò il miracolo economico

 
Analisi
Zona pedonale, zona assediata a Santo Spirito

Zona pedonale, zona assediata a Santo Spirito

 
Editoriale
Tagliate, tagliate i rami bicamerali qualcosina (non) resterà

Tagliate, tagliate i rami bicamerali qualcosina (non) resterà

 
Il commento
Il passato che non passa non aiuta a battere la crisi

Il passato che non passa non aiuta a battere la crisi

 
L'ANALISI
La Spesa pubblica è questione di qualità non di quantità

La Spesa pubblica è questione di qualità non di quantità

 

Il Biancorosso

LEGA PRO
Fatti il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

Fatto il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceFASE 3
Porto Selvaggio, Ficodindia chiuso per altri 30 giorni

Porto Selvaggio, Ficodindia chiuso per altri 30 giorni

 
BrindisiTRAGEDIA
Brindisi, scontro auto-scoote: muore motociclista 51enne

Mesagne, scontro auto-scooter: muore motociclista 51enne

 
Foggiacarabinieri
Movida selvaggia sul Gargano: droga e armi, nei bar niente mascherine, denunce e multe

Movida selvaggia sul Gargano: droga e armi, nei bar niente mascherine, denunce e multe

 
BatNORDBARESE
Andria, Marmo: da rifare la gara ponte sulla raccolta dei rifiuti

Andria, gara ponte sui rifiuti: tutti i dubbi di Marmo

 
BariSERATA CHOC
Polignano, tragedia in piscina: 20enne barese si tuffa e poi muore

Polignano, tragedia in piscina: 20enne barese si tuffa e poi muore

 
TarantoLA NOMINA
L'ex ciclista Sardone tra gli esperti di Emiliano: si occuperà di Taranto 2026

L'ex ciclista Sardone tra gli esperti di Emiliano: si occuperà di Taranto 2026

 
PotenzaIL CASO

Aiuti alle imprese colpite da crisi: c'è un caso Viggiano, il sindaco prende i soldi del bando comunale

 
MateraNel Materano
Policoro, gasolio venduto illecitamente: 8 indagati

Policoro, gasolio venduto illecitamente in stazione di servizio «abusiva»: 8 indagati

 

i più letti

Le nuove quattro edizioni

Più giornalismo più democrazia

Tra le tipologie principali del Belpaese deve figurare, morettianamente parlando, un’insopprimibile vocazione a farsi del male. Solo, o anche, così si spiega il muro italico contro il Fondo salva-Stati predisposto dall’Unione Europea.

Più giornalismo più democrazia

Tra le tipologie  principali del Belpaese deve figurare, morettianamente parlando,  un’insopprimibile vocazione a farsi del male. Solo, o anche, così si spiega il muro italico contro il Fondo salva-Stati predisposto dall’Unione Europea. Fondo che, intendiamoci, non vuol dire riedizione del miracolo di Cana (moltiplicazione dei pani e dei pesci), ma rete di protezione per quei Paesi in difficoltà, epperò animati dalla buona volontà di ridurre il loro debito. E qui parte del governo romano ha innalzato le barricate, trascurando una verità chiara come il sole: più si insorge contro chi, nel rispetto dei Trattati europei, sollecita la riduzione del debito pubblico, più si dà l’impressione ai mercati di non voler bonificare la propria finanza pubblica nazionale. Il che, di conseguenza, non costituisce un incentivo a sottoscrivere i titoli italiani, semmai rappresenta un incentivo (a colpire) per gli speculatori in agguato. Per non dire del danno reputazionale, che a sua volta contribuisce ad allontanare gli investitori esteri (e interni) dal Belpaese.
 

Ma non è finita. Nelle tesi di coloro che si oppongono al Fondo salva-Stati va ravvisata una contraddizione grande come un grattacielo. In fondo, cosa dicono gli oppositori al Mes (Meccanismo europeo di stabilità)? Dicono che nessun organismo estero può minare la sovranità di uno Stato membro, neppure se lo Stato in questione è appesantito da una montagna di cambiali che non saprebbe come onorare. Ora. A parte il fatto che chi si indebita diviene oggettivamente meno libero, cioè meno sovrano, però non si capisce perché, su queste materie, ci debbano essere due pesi e due misure.
Spiegazione. Qual è la teoria di coloro che chiedono l’autonomia differenziata a beneficio delle Regioni del Nord Italia? Semplice: le tasse dei settentrionali non devono servire a pagare le spese del Sud, anche se la Costituzione italiana è un inno scritto al principio della solidarietà economica e della progressività fiscale. Di fatto, coloro che accusano la Germania di fare la voce grossa con l’Italia pretendendo il rispetto di norme rigorose per evitare l’exploit del debito pubblico sono gli stessi che difendono il Nord nella sua battaglia contro il trasferimento delle risorse al Sud.
I meccanismi (Fondo salva-Stati e autonomia regionale) che vorrebbero regolare i due casi (Europa-Italia, Nord-Sud) sono diversi, ma la loro filosofia è identica. Chi versa in cattive condizioni va aiutato in ossequio al principio di integrazione, solidarietà e mutualità. A patto però che si metta in regola con le esigenze della buona amministrazione.  Invece, i rigoristi del Nord che vorrebbero chiudere i rubinetti pubblici al Sud sono i primi a inveire contro Bruxelles che chiede una severa disciplina finanziaria per arginare l’indebitamento statale. Segno che ognuno, nel mondo, è sempre più a sud di qualcun altro.
   

Purtroppo, attorno alla questione del Fondo salva-Stati si sta giocando una partita politica che non ha nulla a che fare con il merito del problema. La Lega va avanti nella sua linea sostanzialmente anti-comunitaria, anche se di recente  Matteo Salvini ha escluso fuoriuscite dall’euro, e non si è detto contrario all’approdo di Mario Draghi (Mister euro) al Quirinale. I 5Stelle di Luigi Di Maio, nel timore di perdere consensi a tutto vantaggio dell’ex alleato leghista, stanno ostacolando l’ok definitivo italiano al Fondo salva-Stati. Nel cuore della questione non entra quasi nessuno. Tutto è politica, cioè comunicazione politica.
 

Il no al Mes potrebbe costare caro ai risparmiatori italiani, ma l’esigenza di assicurarsi un pingue consenso elettorale,  prevale, almeno per ora, su ogni altra considerazione collaterale. Ecco perché, anche  la contraddizione illustrata in precedenza sfugge ai radar dei controllori. Morale:  chi, in Italia, è rigorista contro il Sud, in Europa invoca indulgenza a beneficio dell’Italia, ossia del Nord. Non è un bell’esempio di coerenza. Diciamo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie