Lunedì 14 Ottobre 2019 | 02:59

NEWS DALLA SEZIONE

Il punto
La nevrosi continua per la Grande Riforma

La nevrosi continua per la Grande Riforma

 
Il caso
Il Guastafeste: scusi, lei conosce più di 300 parole?

Il Guastafeste: scusi, lei conosce più di 300 parole?

 
L'analisi
Non assegnare il Nobel a Greta: un aiuto all’ambiente

Non assegnare il Nobel a Greta: un aiuto all’ambiente

 
Il punto
L'Europa all’Italia «Non trattate così il Sud»

L'Europa all’Italia «Non trattate così il Sud»

 
L'analisi
I nominati per elezione e i nominati per sovvenzione

I nominati per elezione e i nominati per sovvenzione

 
Il commento
Dal Gargano a Matera in bici il futuro sulle «strade bianche»

Dal Gargano a Matera in bici: il futuro sulle «strade bianche»

 
L'analisi
Risparmio di quattrini o risparmio di democrazia?

Risparmio di quattrini o risparmio di democrazia?

 
Il punto
Ma la cultura fa crescere il Pil

Ma la cultura fa crescere il Pil

 
L'analisi
Contro i dazi la storia siamo noi (meridionali)

Contro i dazi la storia siamo noi (meridionali)

 
Il punto
Il «Movimento» in movimento: dieci anni dopo è post-populista

Il «Movimento» in movimento: dieci anni dopo è post-populista

 
L'opinione
Se Matteo si paragona alla Rabbit: «Non sono cattivo, mi disegnano così»

Se Matteo Renzi si paragona alla Rabbit: «Non sono cattivo, mi disegnano così»

 

Il Biancorosso

Bari Ternana 2-0
Bari asfalta la Ternana al San Nicola: eurogol di Hamlili

Bari asfalta la Ternana al San Nicola: eurogol di Hamlili  Foto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Batnel Nordbarese
Trinitapoli, lampeggiano per segnalare posto di blocco: 5 automobilisti multati

Trinitapoli, lampeggiano per segnalare posto di blocco: 5 automobilisti multati

 
Foggiababy gang
Foggia, ragazzini aggrediscono passanti con calci e pugni

Foggia, ragazzini aggrediscono passanti con calci e pugni

 
Potenzanel Potentino
Latronico, sistema della «gabbie» per mettere un freno all'invasione dei cinghiali

Latronico, sistema della «gabbie» per mettere un freno all'invasione dei cinghiali

 
Lecceil caso
Salento, allieve molestate a scuola? Indagini sul prete prof

Salento, allieve molestate a scuola? Indagini sul prete prof

 
Brindisinel Brindisino
Ceglie Messapica: donne e bambine donano capelli per solidarietà

Ceglie Messapica: donne e bambine donano capelli per solidarietà

 
Tarantole polemiche
Medicina a Taranto, protesta degli studenti baresi: «Noi costretti a migrare per studiare»

Medicina a Taranto, protesta degli studenti baresi: «Noi costretti a migrare per studiare»

 
MateraIl caso
Sparatoria nella notte a Policoro, due feriti: scatta un fermo

Mafia: duplice tentato omicidio a Policoro, fermato 49enne

 

i più letti

Musica

Emma, torna presto, la tua Puglia ti aspetta

Preoccupazioni per la salute della cantante

Emma, torna presto, la tua Puglia ti aspetta

«Vi prometto che tornerò più forte di prima! Ci sono troppe cose belle da vivere insieme. Adesso chiudo i conti una volta per tutte con questa storia e poi torno da voi». C’è coraggio nelle parole con cui Emma Marrone si è congedata dai propri fan annunciando sui social di doversi fermare per un problema di salute. Un coraggio che va a braccetto con la stessa grinta che la trentacinquenne interprete di origini salentine (è nata a Firenze, ma le sue radici familiari sono ad Aradeo) ha saputo dimostrare sul palcoscenico, conquistando giorno dopo giorno un pubblico sempre più numeroso. Sebbene non lo abbia detto esplicitamente, sembra che il problema di salute possa essere messo in relazione con il tumore che già dieci anni fa l’aveva costretta ad operarsi ben due volte. Ma, appunto, Emma la tigre non si è data per sconfitta e in un’epoca in cui anche quelle fasi della vita che un tempo si volevano assolutamente riservate vengono rese note, si è rivolta direttamente ai suoi fan. Non è però il suo un annuncio - così non ci appare almeno - assimilabile a quelli delle cosiddette influencer, abituate a mettere in piazza - o sullo schermo - tutta la propria esistenza. Sembra piuttosto come un ideale guanto di sfida alla malattia, quasi un modo di esorcizzarla assimilabile a quella pizzica che nel suo Salento viene da sempre considerata come il più potente antidoto al morso della taranta. Un «outing» che l’accomuna a una cantante diventata famosa ben prima che Emma venisse al mondo, l’indimenticata Olivia Newton John, che della sua lotta al cancro ha fatto una bandiera.

Come era prevedibile, nel giro di poche ore la notizia ha provocato l’immediata reazione dei fan: decine di migliaia i like, mentre l’hashtag Forza Emma è balzato in testa ai trend di Twitter. E se la «sua» Aradeo si è stretta in un forte abbraccio augurale, moltissimi sono stati anche i messaggi giunti da amici e colleghi come Paola Turci, Giorgia, Laura Pausini, Giusy Ferreri, la conterranea Alessandra Amoroso, Nek e ancora Giovanni Caccamo, Isabella Ferrari, Giorgio Pasotti, Elena Santarelli, Valentina Lodovini e Syria.

Commovente anche la lettera aperta di Maria De Filippi pubblicata sul profilo di Amici, il programma televisivo che ha lanciato Emma nel mondo dello spettacolo. «Ti voglio un bene dell’anima - ha scritto De Filippi - davvero, non avere mai paura di nulla perché sei fortissima... Ci sei, ci sei stata e so che ci sarai sempre nella mia vita, me lo hai dimostrato ogni volta che avevo bisogno di te e ti chiamavo. So che lo sai, ma ripeterlo non è mai abbastanza e, come diceva mia madre, “verba volant scripta manent”, io se tu vorrai nella tua vita ci sarò sempre».

Come sempre accade, la vita ci ricorda che i nostri programmi sono ben poca cosa al cospetto della sua ineluttabilità e nel caso di Emma, questa pausa forzata giunge proprio in concomitanza con l’uscita dell’album che ne celebrava i dieci anni di attività. «Succede. Succede e basta. Questo non era proprio il momento giusto, ma in certi casi nessun momento lo sarebbe stato» ha commentato Emma. Ma proprio quell’album può e deve diventare un punto fermo dal quale rilanciare la propria carriera una volta superati - come tutti le auguriamo - i problemi di salute. Una delle canzoni del disco, a firma di Vasco Rossi e Gaetano Curreri, s’intitola Io sono bella. Interpretiamola come il più grande degli auguri, affinché torni a cantare per tutti noi e lo faccia essendo diventata bellissima.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie