Giovedì 27 Giugno 2019 | 12:08

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Giù le mani dall’unità ma serve più luce a Mezzogiorno

Giù le mani dall’unità ma serve più luce a Mezzogiorno

 
L'analisi
Dalle scosse nel governo alle crepe nei due partiti

Dalle scosse nel governo alle crepe nei due partiti

 
L'analisi
La sfida della manovra e il gioco del risiko

La sfida della manovra e il gioco del risiko

 
L'analisi
Il baluardo del Quirinale e la questione giustizia

Il baluardo del Quirinale e la questione giustizia

 
L'analisi
Ma l'eccessivo euro-castigo «sovranizza» il belpaese

Ma l'eccessivo euro-castigo «sovranizza» il belpaese

 
La riflessione
Ma il Nord l’autonomia l’ha già presa (con i soldi)

Ma il Nord l’autonomia l’ha già presa (con i soldi)

 
L'analisi
Sud avanti in letteratura indietro in economia

Sud avanti in letteratura indietro in economia

 
L'analisi
Tra spifferi e correnti terzo potere senza bussola

Tra spifferi e correnti terzo potere senza bussola

 
L'analisi
Se l’Italia si smarca da Bruxelles a Washington

Se l’Italia si smarca da Bruxelles a Washington

 
La riflessione
Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

 
Il punto
Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Machach, talento francese del Napoliè l'ultima idea intrigante del Bari

Machach, talento francese del Napoli è l'ultima idea intrigante del Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeIl caso
Bari, indagine su Emiliano e Stefanazzi: la finanza torna in Regione

Bari, indagine su Emiliano e Stefanazzi, la Finanza torna in Regione

 
FoggiaLaurea magistrale
Foggia, arriva la laurea in Scienze Giuridiche della Sicurezza: prima in Italia

Foggia, arriva laurea in Scienze Giuridiche della Sicurezza: è la prima in Italia

 
TarantoIl caso
Taranto, aggredisce poliziotti in stazione: arrestato 22enne

Taranto, aggredisce poliziotti in stazione: arrestato 22enne

 
PotenzaIl processo
Potenza, quando la stalker è la cugina gelosa: fiumi di offese e telefonate

Potenza, quando la stalker è la cugina gelosa: fiumi di offese e telefonate

 
MateraSanità
Matera, chiude il reparto di Psichiatria: il sit in tra i Sassi

Matera, chiude il reparto di Psichiatria: il sit in tra i Sassi

 
LecceIl provvedimento
Lecce, 8 autisti con i «super poteri»: multeranno chi intralcia la circolazione

Lecce, 8 autisti con i «super poteri»: multeranno chi intralcia la circolazione

 
Batomicidio griner
Sparatoria ad Andria, trovata bruciata l’auto dei sicari

Sparatoria ad Andria, trovata bruciata l’auto dei sicari

 
GdM.TVIl rogo
Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva:  interviene il Canadair

Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva: distrutti tre ettari

 

i più letti

L'analisi

Finisce il panico a Bruxelles, non ci sarà più l'ora legale

«Non ci resta che attendere il 28 ottobre per capire se, insieme con lo spostamento all’indietro delle lancette, dovremo recitare anche il de profundis»

ora legale

Se non lo sapevate, fino a oggi avete condiviso la vostra esistenza con un killer pericolosissimo per la vostra salute. Altro che fumo, alcol o inquinamento atmosferico: a mettere a serio rischio di infarto, ictus e quant’altro è stata, reggetevi forte cari Lettori, nientemeno che l’ora legale. Perché quell’ora di luce in più che nella bella stagione avete (abbiamo) pagato dormendo un’ora in meno, sarebbe capace di produrre effetti nefasti e inimmaginabili sul nostro organismo. Lo hanno decretato alcuni studiosi svedesi e con loro anche dei colleghi statunitensi svolgendo delle ricerche sugli effetti che lo spostamento delle lancette produrrebbe sul nostro orologio biologico, che è cosa ben diversa da quello che avete ricevuto il giorno della laurea o del fidanzamento.

Ma come se non bastasse, al di là degli eventuali rischi per la salute, a occuparsi dell’ora legale è anche l’Unione europea, quella stessa che obbliga un abitante di Gualdo Tadino (Umbria per intenderci) a montare la stessa presa di corrente che si usa a Helsinki e che ora, sulla scorta di una consultazione pubblica promossa dai paesi del Nord, immagina di abolire una volta per tutte il cambio di orario. E, cosa ancor più assurda, ipotizza di lasciare ogni singolo stato libero di scegliere se restare nel regime della vecchia ora solare o invece saltare la staccionata per sposare definitivamente quello legale.
Insomma, una deregulation abbastanza contraddittoria, specie se promossa da un’Unione che, sin dalla sua nascita, ha invece cercato di uniformare il più possibile le regole degli stati membri. Qualcosa di simile, per la verità, era già accaduta al di fuori dell’Europa quando la Turchia di Erdogan aveva abbandonato il fuso orario che condivideva con la vicina Grecia, per spostarsi di un’ora in avanti su quello degli altri paesi musulmani confinanti. Lì però, per quanto opinabile, si trattava di una scelta ideologica, mentre in questo caso sembra in tutta sincerità di trovarsi davanti a un vero e proprio capriccio. A rigor di logica, i Paesi dell’Europa settentrionale dovrebbero essere più interessati a sfruttare al massimo quella luce che, specie d’inverno, dalle loro parti scarseggia, ma è ancora presto per capire che piega prenderà la vicenda. Certo è che, in un’epoca di governi sovranisti, il rischio che basti una manciata di chilometri per dover cambiare l’ora diventa apprezzabile, oltre che potenzialmente comico. E viene legittimamente da chiedersi se in Europa non vi siano problemi di più vitale importanza, considerato che la questione è stata sposata nientemeno che dal presidente Juncker che ha annunciato «aboliremo l’ora legale». Non a caso, il ministro dell’Interno e leader leghista Matteo Salvini, che non se ne lascia scappare una, ha prontamente osservato che l’Europa «lavora tanto per eliminare l’ora legale, ma se ne frega di lavorare per ottenere un’immigrazione legale».
Non ci resta che attendere il 28 ottobre per capire se, insieme con lo spostamento all’indietro delle lancette, dovremo recitare anche il de profundis e, soprattutto, se resteremo per il resto della nostra esistenza - irrimediabilmente compromessa da questa pratica insana - con un’ora di sonno in meno o in più. Nel frattempo, noi che ancora possiamo, consoliamoci con un sorriso ricordando Cuore, l’indimenticata rivista satirica ideata da Michele Serra e il suo titolo «Scatta l’ora legale, panico tra i socialisti»: le future generazioni potrebbero aver bisogno di farsela spiegare. E non solo per i socialisti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie