Martedì 26 Marzo 2019 | 02:57

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

 
L'analisi
Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

 
L'analisi
Il circolo vizioso che frena la Basilicata

Il circolo vizioso che frena la Basilicata

 
La riflessione
La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

 
L'analisi
Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

 
La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 
La riflessione
Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaQuote rosa
Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

 
TarantoInquinamento ex Ilva
Il Comune di Taranto discute di ambiente: presente Emiliano

Il Comune di Taranto discute dell'aumento della diossina: presente Emiliano

 
LecceLa protesta
Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

 
HomeIl caso
Bari, acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

Gioia del Colle, beve al bar acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

 
HomeL'inchiesta
La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

 
BrindisiI funerali
L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

 

La riflessione

Non servono più soldatini alla Fantozzi

La proposta avanzata dal ministro dell'Interno Salvini di ripristinare il servizio di leva obbligatorio è, ovviamente, poco più di una battuta da ombrellone

Non servono più soldatini alla Fantozzi

Il ministro dell'Interno, Salvini

La «romantica idea» lanciata dal vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, di istituire nuovamente il servizio di leva obbligatorio è, ovviamente, poco più di una battuta da ombrellone, per quanto spunti periodicamente nelle parole del leader leghista e attiri anche qualche simpatico nostalgico.

Sulla concreta possibilità di poter riportare in vita il servizio militare obbligatorio, per fortuna, non ci sono dubbi: è assolutamente impossibile, oltre che inutile e pure dannoso. Siamo certi che di ciò sia convinto anche lo stesso Salvini che, immaginiamo, utilizzi questo refrain solo come suggestione d’antan e non come reale intento.

L’esercito di popolo è superato dalla storia, dalla sempre più sofisticata tecnologia militare e dalle altrettanto complesse strategie sul campo che richiedono pochi uomini superaddestrati e in grado di utilizzare sistemi d’arma e tattiche d’assalto e difesa estremamente specialistiche. «La carne da cannone», come veniva cinicamente etichettata, non serve più. E comunque le strutture di servizio per forze armate numerose e ramificate come quelle di leva non ci sono più. Gran parte delle caserme italiane di un tempo sono state dismesse e, per lo più, giacciono abbandonate a se stesse, simulacro di un tempo naturalmente trapassato.

Cosa fosse diventato il servizio di leva obbligatorio negli ultimi tempi della sua esistenza lo sappiamo tutti. Una pachidermica «sovrastruttura» di assoluta inutilità e di assoluta inefficienza. Fare il militare di leva è toccato quasi a tutti, anche a chi scrive.

Non basterebbero diverse edizioni del giornale per raccontare la disastrosa inutilità di quel periodo. È sufficiente ricordare le fantozziane esercitazioni di tiro, solo due in un intero anno, con fucili («Garand» preistorici) consegnati già caricati ai poveri e maldestri soldatini: peccato si inceppassero tre volte su quattro. Per non parlare di taluni militari di carriera che avrebbero fatto sfigurare il colonnello Buttiglione di arboriana memoria e capaci di dar l’assalto solo a una lattina di birra. E poi le sale mensa dove venivano propinati, fra l’altro, tonno in scatola di dubbia marca per giunta scaduto da innumerevoli anni e pezzi di carne talmente datati da far rimpiangere una bistecca di dinosauro. Il tutto mentre i cofani delle auto di alcuni ufficiali e sottufficiali si riempivano di ogni ben di dio, alimentare e non solo.

Ovviamente, anche nelle caserme di quei tempi c’era la gente per bene e c’era chi, nell’ambito del limitatissimo possibile, cercava di svolgere il proprio lavoro con impegno e correttezza. Ma inutile negare l’innegabile: il malvezzo era diffuso. Per non parlare della frustrazione, non solo dei militari di leva catapultati nel mare magnum dell’inerzia, ma anche dei militari di professione, almeno di quelli coscienziosi: si rendevano amaramente conto di essere in un meccanismo che rendeva i loro sforzi purtroppo vani.

Per fortuna, anche allora, c’erano reparti d’eccellenza, e lì le cose funzionavano decisamente meglio. Ma si trattava di unità d’élite, le più vicine all’idea di un esercito professionistico.
Quando tutto il carrozzone è venuto giù non si è potuto che tirare un sospiro di sollievo. I rimpianti, pochini, per lo più, sono venuti da parte di chi con lo stop aveva perso qualche utile.

Resta il «romanticismo» della proposta, ma un esercito, per sua stessa essenza, di romantico può avere ben poco e, quindi, ben contenti che resti una suggestione.

Resta l’altra proposta, quella della Regione Veneto che vorrebbe istituire un servizio civile obbligatorio. Qui il discorso è più aperto e apparentemente più suscettibile di condivisione. Però, c’è un però. Siamo davvero certi che si senta la necessità di rendere obbligatorio un servizio che per sua natura non può che essere ispirato da un principio di volontarietà e di solidarietà?

È necessario un obbligo per aiutare il prossimo? Ovviamente no. Chi vuol farlo non ha bisogno di imposizioni e chi non vuol farlo è bene che resti a casa sua, dove fa sicuramente meno danno. Certo, l’appeal economico è notevole. Gestirlo porterebbe molte risorse. Ma a chi? A chi ha bisogno di aiuto? Pensiamo proprio di no. Meglio non creare un’altra «sovrastruttura», apparentemente solidaristica, ma che rischia di favorire solo i soliti noti. Il volontariato non ha bisogno di obblighi e di prosperose «organizzazioni». Non foraggiamo lo sperpero, ce ne è già abbastanza. Che almeno questo ci sia risparmiato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400