Domenica 23 Settembre 2018 | 22:10

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Quella figlia di nome «Blu»

neonata

Era il 1910 e il parroco di Carpignano si rifiutava di battezzare la creatura. Nerina. I genitori l'avevano chiamata Nerina. «Giammai! Richiama Nerone, l'imperatore che bruciò i cristiani», disse il prete. «Ce uei la battezzi, se no me la porto arretu», intimò il padre. E la trattativa in qualche modo si chiuse.

Ma che la Chiesa abbia sempre avuto qualcosa da ridire su nomi diversi da santi, salvatori e madonne, è noto a tutti, singolare che sia un Tribunale a sindacare sui nomi scelti dai genitori per i propri figli. Eppure accade. A Milano. Con un giudice a cui non piace che una bambina si possa chiamare Blu. O magari il nome gli piace, ma in quanto giudice è chiamato ad applicare la legge, l’articolo 35 del Dpr 396/2000, in particolare, che recita : «Il nome imposto al bambino deve corrispondere al sesso». Parentesi: in Italia non contenti della legiferazione ipertrofica ci mettiamo anche a scrivere decreti sull'onomastica. Chiusa parentesi.

Blu. I genitori lo hanno scelto per personalissime suggestioni: i chakra, l’armonia, l’infinito. E più d'uno, mentre il caso divampa, si sta ripetendo: sarò anche libero di chiamare i miei figli come diavolo mi garba. Ma l’Italia è il Paese dove la burocrazia può assumere tinte surreali ed ecco che i poveri genitori di Blu vengono convocati per indicare un nome esplicitamente femminile da anteporre a quello che nel frattempo è stato stampato sull’atto di nascita e sul passaporto della piccolina. «Se non ci presenteremo con un’alternativa sarà il giudice a decidere per noi il nome di nostra figlia», ha fatto sapere la coppia. E metti che il magistrato è devotissimo e la piccola Blu si trasforma in Addolorata, Sterpeta, Crocifissa o Trofimena! Oppure amante delle tragedie greche pronto a infliggere a una bimba nomi pesantissimi come Medea, Diotima e Antigone.

La legge sull’anagrafe in ogni caso è categorica: il nome deve indicare chiaramente il sesso. Quindi potete chiamare un figlio maschio Diegoarmandomaradona e una femminuccia Jenniferlopez e nessuno avrà niente da dire (forse soltanto i suddetti figli che una volta cresciuti avranno legittimamente la facoltà di mandarvi a quel paese).

Al di là dell’ironia c’è, in questa vicenda, un’eco hobbesiana di un sovrano (lo Stato?) che ha un potere illimitato sui diritti naturali di tutti i cittadini. Presumibilmente, l’innocua scelta di un nome potrebbe risolversi in un braccio di ferro giurisprudenziale come a suo tempo il caso di «Andrea», che più di un Tribunale provò a bocciare come nome femminile fino a quando a sdoganarlo fu addirittura la Corte di Cassazione. Sempre perché ingolfare ulteriormente la macchina della giustizia è un esercizio che ci riesce molto bene.

Ma, attenzione, l’Italia non è l’unico Paese a invadere la sfera familiare: in Francia è vietato dare a un figlio nomi quali Nutella, Fragola, Demonio, Principe William, Mini Cooper; in Germania è ovvio che non si possa chiamare un neonato Adolfhitler ma è sorprendente che non si possano usare nemmeno Kohl e Merkel. In Islanda quasi la metà dei nomi presentati viene rifiutata, il Portogallo ha un elenco di nomi di 82 pagine che indica preventivamente quali sono accettati e quali no e in Svezia non si può chiamare la propria bambina Ikea. E ora ci siamo anche noi, alla faccia di Modugno e del suo blu dipinto di blu.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Le partite incrociate aspettando le europee

Le partite incrociate aspettando le europee

 
Buon governo tra allegoria, realtà e finzione

Buon governo tra allegoria, realtà e finzione

 
Ultimo valzer in libreria per Inge Feltrinelli

Ultimo valzer in libreria per Inge Feltrinelli

 
Guardare oltre il 2019 è la vera sfida di Matera

Guardare oltre il 2019 è la vera sfida di Matera

 
«Vogliamo lavoro, non assistenza»

Frenano il lavoro, danno assistenza

 
Acquisti centralizzatiqui i soldi che servono

Acquisti centralizzati
qui i soldi che servono

 
La connessione sentimentale con l’attrazione assistenziale

La connessione sentimentale con l’attrazione assistenziale

 
Un nuovo patto tra cittadini

Un nuovo patto tra cittadini

 

GDM.TV

Bari, il coro dei 10mila che cantano: «Bari grande amore»

Stadio San Nicola, il coro dei 10mila canta: «Bari grande amore»

 
Bari, viale Traiano: è cominciata la demolizione del ponte

Viale Traiano a Bari: al via la demolizione del ponte

 
La Sancataldese in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

La Sancataldese (illusa) in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

 
Corteo anrtisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

Corteo antisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

 
Acquaviva, rapinatore di marketincastrato dalla ruggine dell'auto

Acquaviva, rapinatore di market incastrato dalla ruggine dell'auto

 
Razzismo, mazze e cinghie in scontri corteo: ferita eurodeputata

Razzismo, mazze e cinghie in scontri a corteo: ferita eurodeputata

 
Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale VD

 
Bari, arsenale d'armi sepolto nel terreno :sequestrate 6 pistole e 100 munizioni

Bari, scoperto arsenale sepolto in un terreno sulla statale 100 VIDEO

 

PHOTONEWS