Lunedì 22 Aprile 2019 | 22:34

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa raccolta differenziata
Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

 
TarantoIl caso
Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

 
BrindisiMolestie in famiglia
Turturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

Tuturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

 
LecceA Ugento
Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

 
BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 

da oggi il film di virzì Due donne difficili che amano alla follia

da oggi il film di virzì Due donne difficili che amano alla follia

LA PAZZA GIOIA di Paolo Virzì. Interpreti e personaggi principali: Valeria Bruni Tedeschi (Beatrice Morandini Valdirana), Micaela Ramazzotti (Donatella Morelli) Valentina Carnelutti (Fiamma Zappa), Anna Galiena (madre di Donatella Morelli), Marco Messeri (Floriano Morelli), Marisa Borini (madre di Beatrice Morandini Valdirana). Commedia, Italia-Francia, 2016. Durata: 118 minuti

Oscar Iarussi

Chi dice che la commedia all’italiana è finita per sempre? Eccone un esempio da oggi nelle sale dopo gli applausi ricevuti a Cannes nella sezione «Quinzaine des Réalisateurs». È La pazza gioia di Paolo Virzì, che lo ha sceneggiato con Francesca Archibugi. I due autori, ritrovandosi a scrivere insieme, debbono aver rievocato con gratitudine e affetto le lezioni del grande Furio Scarpelli, che entrambi ebbero quale maestro al Centro Sperimentale di Cinematografia. Perché l’anima della storia - ambientata ai giorni nostri - è felicemente «d’annata» più che «dannata». Sul lungomare di Viareggio immortalato da Una vita difficile di Dino Risi o lungo le strade della Versilia di Il sorpasso (del quale v’è più di una risonanza), una coppia di donne infuria contro il mondo per tentare, invano, di sublimare l’autolesionismo delle rispettive patologie mentali.

La gioia è «pazza» come loro, Donatella Morelli e Beatrice Morandini Valdirana, interpretate da Micaela Ramazzotti e Valeria Bruni Tedeschi. È pazza come la ferita insostenibile della prima, una madre allontanata dal suo bambino dopo un gesto insano, che si lascia intendere nel prologo marittimo del film. Lo stesso mare che nel finale diluisce quel dolore acutissimo, senza placarlo. D’altronde, Donatella è una ex cubista dalla «vita difficile», una collezionista di errori e di tatuaggi, una pantera impaurita, smagrita, depressa, psicotica.

Nella dimora delle verdi colline pistoiesi sede di un centro di degenza psichiatrica, Donatella incontra Beatrice Morandini Valdirana, doppio cognome nobiliare, sposata con un avvocato molto amico del presidente (Berlusconi) e proprietario di una superba villa all’Argentario dove vive ormai con un’altra donna. Beatrice incarna una sorta di variazione/degenerazione della protagonista di Il capitale umano, il precedente film di Virzì (2014), la moglie in crisi di uno speculatore finanziario, cui dette vita la stessa Bruni Tedeschi. Stavolta l’attrice esula dai tormenti cui è «abbonata» sullo schermo per un ruolo deliziosamente sopra le righe da contessa svampita e (in parte) mitomane, affamata di vita, istrionica nello spacciarsi per psichiatra, pericolosa sì, ma soprattutto per sé.

Le due fuggono insieme, ne combinano di tutti colori, cercano soccorso negli incontri con le madri (Marisa Borini è la vera madre di Valeria Bruni Tedeschi), con il padre di Donatella o con il marito di Beatrice. Sono belle e perdute, come l’Italia «minore» che fa da sfondo alle loro disavventure. E sono due perdenti che danzano in bilico sull’abisso della follia, a un passo, solo a un passo dalla presunta «normalità».
La pazza gioia è una commedia su un dramma, quindi appunto «all’italiana», capace di squarciare il sipario dell’«igiene mentale» a quasi quarant’anni dalla legge Basaglia che chiuse i manicomi e un anno dopo l’abolizione degli OPG, gli Ospedali psichiatrici giudiziari, cui si fa riferimento nel film (Virzì si è avvalso della consulenza di Luigi Manconi fra gli altri).

Nel cast spiccano Valentina Carnelutti, Anna Galiena, Marco Messeri, Tommaso Ragno. Ma il film è tutto sulle spalle e sui volti della proletaria Micaela Ramazzotti (moglie del regista) e dell’aristocratica Valeria Bruni Tedeschi, bravissime anche quando il film «rallenta» poco prima dell’epilogo.

Ps.

Ah, Thelma & Louise c’entrano poco o niente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Pasquetta a Bari, gita fuori porta anche per i cinghiali: il pic nic tra i rifiuti

Pasquetta a Bari, gita fuori porta anche per i cinghiali: il pic nic tra i rifiuti

 
Cinquanta giovani atlete pugliesidi fronte ai tecnici del settore nazionali

Cinquanta giovani atlete pugliesi
di fronte ai tecnici del settore nazionali

 
Nazionale seniores maschiletutto gira attorno a Bari

Nazionale seniores maschile
tutto gira attorno a Bari

 
Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

 
Sommergibili, 24 nuovi "delfini"consegnati a Taranto i brevetti

Sommergibili, 24 nuovi "delfini"
consegnati a Taranto i brevetti

 
Abusivismo commerciale: GdF sequestra in Puglia 3,4 milioni di prodotti contraffatti

Abusivismo commerciale: GdF sequestra in Puglia 3,4 milioni di prodotti contraffatti

 
Bari in Serie C, i tifosi accolgono i galletti in aeroporto

Bari in Serie C, i tifosi accolgono i galletti in aeroporto

 
Settimana Santa, la processione del Sabato Santo a Molfetta

Settimana Santa, la processione del Sabato Santo a Molfetta

 
Porto Brindisi, GdF sequestra 57mila paia di infradito Havaianas false

Porto Brindisi, GdF sequestra 57mila paia di infradito Havaianas false