Venerdì 24 Settembre 2021 | 12:10

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Da giovedì

Tremate ladri di trulli
è arrivato il film
di Uccio De Santis

Nelle nostre sale il popolare comico barese affiancato dall'attrice siciliana Lorena Cacciatore e un ricco cast

Tremate ladri di trulli  è arrivato il film  di Uccio De Santis

Livio Costarella

Stavolta fa sul serio e ha deciso di rifarsi il trullo. Soprattutto dopo che quello stesso trullo gliel’hanno depredato: pietre e cono, le parti più pregiate. Uccio De Santis torna al cinema e si ripresenta con una commedia frizzante e spensierata: Mi rifaccio il trullo è il nuovo film diretto dal materano Vito Cea che uscirà in molte sale di Puglia e Basilicata da giovedì 3 marzo. Girato ad ottobre e novembre 2015 in diverse location (Cisternino, Fasano, San Vito dei Normanni, Martina Franca, Monopoli, Locorotondo e Bari), il film è prodotto dalla Adriatica Film di Mimmo Cavallo, con il supporto logistico di Apulia Film Commission: nel cast, Uccio De Santis, Lorena Cacciatore, Pietro Genuardi, Stefano Masciarelli, Umberto Sardella, Antonella Genga, Gianni Ciardo, Tiziana Schiavarelli, Claudio Insegno, Beppe Convertini, Giustina Bonomo, Franco Paltera, Brando Rossi, Giacinto Lucariello e Luciano Marinelli.

Ieri hanno presentato tutti insieme il film al Cineporto di Bari, in una conferenza stampa moderata da Nicola Morisco. Nel lungometraggio si narra la storia di Michele Modugno, un muratore pugliese con l’hobby della musica: vive in un grande trullo con la vecchia madre, la sorella Melania e il cognato Sebastiano, anche lui muratore e suo socio. Per ripianare un debito contratto con la banca, Michele affitta d’estate un piccolo trullo sul mare di sua proprietà. Il giorno prima di ospitare la turista Giada, riceve però, una brutta sorpresa: qualcuno ha rubato il trullo, con le sue pietre e il cono. Da qui si dipana una storia ricca di colpi di scena.

«Il film è all’insegna di storie vere – ha spiegato Uccio –, ancora oggi rubano le pietre di molti trulli. Abbiamo preso spunto da questo, nella storia sceneggiata da Antonio De Santis e Silvio Donà, per raccontare una storia divertente, con alcuni degli sfondi più belli di Puglia e Basilicata».

«Sono una turista milanese nel film (proprio io che sono palermitana!) - ha detto Lorena, che ieri ha presentato il film anche da Vespa a Porta a porta -, ed è stato bellissimo lavorare con questa squadra. Spero che tutto questo si rifletta anche nel film, augurandogli ogni fortuna». Beppe Convertini è uno dei due ladruncoli. «Appartengo a una strana coppia di ladri – spiega -, lo capirete vedendo il film. Per me che sono di Martina Franca è stato un piacere lavorare in un film così pieno di pugliesità».

E se il regista Vito Cea ha sottolineato il duro lavoro fatto nelle cinque settimane sul set, il produttore Mimmo Cavallo ha orgogliosamente espresso che rifarebbe tutto ciò che ha fatto per il bene di questo film, in cui tutti credono fermamente. «Il lungometraggio uscirà in 60 schermi di Puglia e Basilicata – ha detto la distributrice Patrizia Lonigro -, e ciò testimonia la spinta che vogliamo dare, soprattutto a partire dal nostro territorio».

Massimo Modugno (ufficio produzioni e progetti audiovisivi di AFC), infine, ha evidenziato la felice opportunità dell’ennesimo film «che regala bellissimi scorci della nostra Terra».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie