Venerdì 26 Febbraio 2021 | 04:55

NEWS DALLA SEZIONE

Musica
«Tribù urbana», nuovo disco per Ermal Meta: «Nasce per essere cantato a squarciagola sotto il palco»

«Tribù urbana», nuovo disco per Ermal Meta: «Nasce per essere cantato a squarciagola sotto il palco»

 
fuori il 26 marzo
«Parasite», gli Shakalab tornano in feat con i salentini Sud Sound System e Inoki

«Parasite», gli Shakalab tornano in feat con i salentini Sud Sound System e Inoki

 
Nuove uscite
Conte e Petrella: «Un disco per fermare le 'quarantene' della nostra anima»

Conte e Petrella: «Un disco per fermare le 'quarantene' della nostra anima»

 
Musica
«on fiVe», il disco tra prog e jazz di Leonardo De Lorenzo realizzato dal vivo, col pubblico in studio

«on fiVe», il disco tra prog e jazz di Leonardo De Lorenzo realizzato dal vivo, col pubblico in studio

 
In uscita
«Notoriedad», il duo Bautista, con un pizzico di Puglia, canta gioie e dolori della fama

«Notoriedad», il duo Bautista, con un pizzico di Puglia, canta gioie e dolori della fama

 
Ha radici molfettesi
«Niente da dire», viaggio nel mondo visionario di Lemuri sull'incomunicabilità della vita

«Niente da dire», viaggio nel mondo di Lemuri Il Visionario sull'incomunicabilità della vita

 
Musica
«La Strega», il pugliese Mattia Pellicoro e il suo inno di ribellione contro le idee imposte dalla società

«La Strega», il pugliese Mattia Pellicoro e il suo inno di ribellione contro le idee imposte dalla società

 
Musica
«Mogi», da Lucera il nuovo album di Giuseppe Silvestri

«Mogi», da Lucera il nuovo album di Giuseppe Silvestri

 
Musica
Citando Godard i «2eleMenti» suonano il loro originale fantasy pop

Citando Godard i «2eleMenti» suonano il loro originale fantasy pop

 
Musica
«Mille cose», brano d'esordio del tarantino Edodacapo, «per infelice consapevoli»

«Mille cose», brano d'esordio del tarantino Edodacapo, «per infelici consapevoli»

 
Il brano
«Come i delfini», l'estro di Iravox anticipa la raccolta di tutti i suoi singoli

«Come i delfini», l'estro di Iravox anticipa la raccolta di tutti i suoi singoli

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIn via Crispi
Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

 
LecceNella notte
Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

 
FoggiaIl sindaco
San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

 
PotenzaL'incidente
San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

 
BariIl progetto
Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

 
BatNella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 

i più letti

MUSICA

L’anima della musica dalla Scala a Molfetta

Il concerto di Francesco Manara e Pietro Laera: sotto le stelle, la magia del ritorno alle esecuzioni dal vivo, pubblico estasiato

L’anima della musica dalla Scala a Molfetta

È proprio vero che il violino è il più umano degli strumenti musicali. L'altra sera a Molfetta sembrava di essere spettatori di una Traviata sotto le stelle, tra scenografie, voci e personaggi. L'immaginazione è stata trascinata dalla forza delle note del primo violino del teatro alla Scala, Francesco Manara, che, in perfetta simbiosi con il pianista Pietro Laera, ha letteralmente travolto il pubblico del concerto tenuto nell’anfiteatro della Madonna della Rosa, collegando come per miracolo Verdi alle auliche danze Viennesi di Kreisler e Beethon (Romanza in fa) al ritmo delle Danze popolari rumene (Bartok) e all'intensità del Capriccio di Saint-Saëns.

La Fondazione Valente ha scelto due grandi nomi della musica per riaprire la stagione dei concerti dopo la lunga pausa del Covid, una pausa durante la quale abbiamo ascoltato le esecuzioni in video, rimpiangendo sempre la magia del live, il vento piacevole delle note che ci giungono a due passi dai Maestri, con la loro voglia di comunicare bellezza.

Chiamato a soli 22 anni alla Scala dal Maestro Muti, Francesco Manara ha toccato tutti con le note di un violino perfetto, capace di contagiare il pubblico, che ha chiamato gli artisti per ben tre «bis», tra i quali un'intensa esecuzione di quel capolavoro che è La leggenda del pianista sull'oceano, scelta in segno di omaggio al grande Ennio Morricone. E non è stata l'unica dedica della serata, visto che l'avvocato Rocco Nanna, presidente della Fondazione Valente, ha voluto ricordare con commozione anche le vittime della terribile esplosione dei giorni scorsi a Beirut, dove - ha detto – un'anziana signora, ha trovato tra le macerie un pianoforte e ha cominciato a suonare per le tante persone colpite. «Abbiamo tutti bisogno di risorgere con la musica», ha sottolineato Nanna. Cerchiamo “una carezza per l'anima” come ha definito il concerto l'assessore alla Cultura del Comune di Molfetta Sara Allegretta, la quale si è complimentata perla «missione» artistica della Fondazione Valente.

Rilasciando un'intervista al termine del concerto, lo stesso Francesco Manara ha ricordato la «casuale meraviglia» con la quale è iniziata la sua carriera artistica. E il ruolo di Riccardo Muti, evocato proprio a Molfetta, ha dato ulteriore energia ad una serata piena di magia. «Ero giovanissimo – ha detto Manara – e nei miei sogni di musicista c'era forse un ruolo da solista e non pensavo nemmeno minimamente all'orchestra. Mentre svolgevo il servizio civile, mi presentai ad un'audizione che mi permise di farmi ascoltare da tanti grandi della musica e soprattutto dal Maestro Muti. Bene, fu lui stesso a chiamarmi in camerino e a dirmi che sarei diventato il primo violino della Scala. Ero talmente inesperto che al momento risposi anche che... non potevo, che dovevo completare il servizio civile, ma per fortuna lui mi fece tornare con i piedi per terra».

E così comincia la straordinaria avventura di Manara, fondatore del Trio Johannes, diventato primo violino dell'orchestra del Teatro alla Scala e della Filarmonica nel 1992 e poi dal 2001 primo violino del Quartetto d’Archi della Scala. «Mio padre ha riversato su di me il suo sogno – aggiunge – perché lui amava la musica e poi ha fatto l'avvocato».

Il piacere della musica dal vivo «è unico e insostituibile», ha sottolineato il pianista Pietro Laera, che l'altra sera ha colpito il pubblico, con l'intensità delle sue esecuzioni e con la duttilità del suono, quella che nel tempo gli ha permesso di vincere numerosi premi in concorsi pianistici nazionali ed internazionali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie