Lunedì 26 Agosto 2019 | 04:03

NEWS DALLA SEZIONE

Il concerto
Tiromancino a Monopoli, sul palco Zampaglione canta con la figlia

Tiromancino a Monopoli, sul palco Zampaglione canta con la figlia

 
L'intervista
«La Notte della Taranta è un cesto di buone intenzioni che va custodito»: parla Giovanna Marini

«La Notte della Taranta è un cesto di buone intenzioni che va custodito»: parla Giovanna Marini

 
12 e 13 agosto
Crime Fest: Gallipoli per 2 notti capitale della club culture, grande attesa per Ellen Allien

Crime Fest: Gallipoli per 2 notti capitale della club culture, grande attesa per Ellen Allien

 
Musica
Carl Brave, Luché, Izi: il Sottosopra Fest nel Salento entra nel vivo

Carl Brave, Luché, Izi: il Sottosopra Fest nel Salento entra nel vivo

 
Il concerto
Yiruma incanta la Puglia, tra duetti e improvvisazioni. Il 9 agosto bis a Otranto

Yiruma incanta la Puglia, tra duetti e improvvisazioni. Il 9 agosto bis a Otranto

 
Il concerto
La «Stanza singola» di Franco126 approda in Puglia per il Sud Est Indipendente

La «Stanza singola» di Franco126 approda in Puglia per il Sud Est Indipendente

 
L'appuntamento
Meraviglioso Modugno: Premio Città di Polignano a Mare ad Al Bano

Meraviglioso Modugno: Premio Città di Polignano a Mare ad Al Bano

 
L'evento
Dopo il Jova Beach Party il soul di J.P. Bimeni arriva a Lecce per il SEI Festival

Dopo il Jova Beach Party il soul di J.P. Bimeni arriva a Lecce per il SEI Festival

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceTragedia nel Salento
Si sente male mentre fa pesca subacquea: muore 56enne a Casalabate

Malore mentre fa pesca subacquea: muore 56enne a Casalabate

 
FoggiaTragedia nel Foggiano
Cade in mare da barca condotta dal marito: donna muore al largo di Foce Varano

Cade da barca condotta dal marito: donna muore al largo di Foce Varano

 
BariL'appuntamento
Distorsioni sonore: creatività e fantasia si incontrano ad Acquaviva

Distorsioni sonore: creatività e fantasia si incontrano ad Acquaviva

 
BatL'idea
Barletta, un mosaico a Canne per non dimenticare la storia

Barletta, un mosaico a Canne per non dimenticare la storia

 
MateraIncidente stradale
Tricarico, auto finisce contro il guard rail: 4 feriti, 3 sono gravi

Tricarico, auto finisce contro il guard rail: 4 feriti, 3 sono in gravi

 
BrindisiLa furia di un 53enne
Brindisi, la moglie lo lascia e lui distrugge i mobili: allontanato da casa

Brindisi, la moglie lo lascia e lui distrugge i mobili: allontanato da casa

 
PotenzaSanità
Potenza, al S. Carlo carenza di medici: colpa delle «porte girevoli»

Potenza, al S. Carlo carenza di medici: colpa delle «porte girevoli»

 
TarantoSanità
Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

 

i più letti

L'intervista

I Canova in concerto a Bari: «Siamo noi stessi, lontani da dinamiche che potrebbero sporcarci»

La band milanese si esibirà sabato 30 marzo al Demodé di Modugno per presentare l'album Vivi per sempre

I Canova in concerto a Bari: «Siamo noi stessi, lontani da dinamiche che potrebbero sporcarci»

Sono una delle band più interessanti del panorama italiano degli ultimi tempi, si sono formati a Milano e arriveranno in concerto al Demodé di Modugno (Ba) sabato 30 marzo: sono i Canova (Matteo Mobrici - voce, chitarra elettrica, piano, Fabio Brando, chitarra elettrica, piano, Federico Laidlaw, basso, e Gabriele Prina, batteria). La band è in giro in tutta Italia per presentare i brani dell'ultimo album "Vivi per sempre", uscito il 1 marzo (Maciste Dischi). Li abbiamo intervistati per farci raccontare le loro emozioni legate a questo nuovo capitolo della carriera discografica.

Un bilancio di queste prime date del tour

«Per noi il tour è il momento migliore, è la fase finale dello sviluppo delle canzoni, che dal vivo prendono un'altra piega. Abbiamo un rapporto splendido con il pubblico, i concerti diventano una festa anche su pezzi tristi. Questa è la magia delle canzoni. Con Vivi per sempre abbiamo proseguito un discorso iniziato con il primo album, non è un concept album, abbiamo scelto 9 tracce, le più coerenti tra loro. Siamo stati totalmente liberi, non abbiamo seguito mode, ci siamo ispirati a noi stessi e alle nostre influenze»

Come vivete le due dimensioni dello stare sul palco e del registrare l'album in studio?

«Sono due situazioni diverse. Il palco è liberatorio: in studio sei attento perché ciò che vai a registrare dura per sempre, nel bene e nel male, c'è anche tanto rischio, non esistono risposte esatte. I concerti come dicevamo prima sono una sensazione di sintonia col pubblico eccezionale, noi poi siamo molto emotivi, ci piace suonare dal vivo»

Voi avete uno zoccolo duro di fan che vi seguono dall'inizio, ma ora state conoscendo il successo più ampio, più mainstream. Come state vivendo il bagno di folla?

«È strano, perché dal punto di vista interno è uguale a quando suonavamo nei locali vuoti dieci anni fa. Certo sentirsi in radio fa un certo effetto, fa piacere, noi però cerchiamo di non farci "disfare": la missione di tutti quelli che scrivono canzoni è quella di arrivare a più gente possibile. Noi vogliamo che ciò avvenga in modo naturale, senza forzare alcuna porta. Restiamo lontani da qualsiasi gossip»

La musica italiana vive un momento di grande riscoperta. Quali tra i vostri colleghi apprezzate di più?

«Siamo nati un po' tutti insieme, quello che ci accomuna non è la parola indie, ma indipendenza, siamo nati tutti in situazioni piccole, ora tutte queste realtà sono diventate grandi. Poi c'è stato un bel ricambio in ambito musicale, di manager, di label. Abbiamo un bel rapporto con tutti, ci vediamo spesso in tour»

Che programmi avete dopo la fine del tour?

«Già arrivare alla fine del tour sarà un'impresa! Al momento non sappiamo, è appena iniziato e dobbiamo ancora capire quando finirà. Siamo in "modalità concerti"»

Il vostro album si chiama Vivi per sempre. Cosa volete che dei Canova rimanga vivo per sempre?

«L'attitudine e l'approccio a questo tipo di mestiere. È molto naturale e lontano da tante dinamiche che potrebbero sporcare ciò che facciamo. Lo facciamo per noi, speriamo di riuscire a mantenere questo atteggiamento»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie