Sabato 18 Gennaio 2020 | 01:52

Il Biancorosso

mercato
Ancora nessun botto: il Bari col freno tirato

Ancora nessun botto: il Bari col freno tirato

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiLa tragedia
Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

 
TarantoA Taranto
«ArcelorMittal», monta la protesta degli autotrasportatori

«ArcelorMittal», monta la protesta degli autotrasportatori

 
PotenzaLa relazione Dia
In Basilicata aumentano i tentativi di «infiltrare» l’economia legale

In Basilicata aumentano i tentativi di «infiltrare» l’economia legale

 
Leccenel Leccese
Infiltrazioni mafiose: in Salento sciolto comune di Scorrano

Infiltrazioni mafiose: in Salento sciolto comune di Scorrano

 
Barila procura
Bari, chiesto processo per ex giudice Bellomo: accusato anche di calunnia a Conte

Bari, chiesto processo per Bellomo: accusato anche di calunnia a Conte

 
Batnel nordbarese
Bisceglie, petardo esplode davanti farmacia ex europarlamentare Silvestris: si indaga

Bisceglie, petardo esplode davanti farmacia ex europarlamentare: si indaga

 
MateraIl caso
Metaponto, nel portafogli aveva 53 pasticche «da stupro»: denunciato

Metaponto, nel portafogli aveva 53 pasticche «da stupro»: denunciato

 

i più letti

LETTERE ALLA GAZZETTA

I responsabili delle difficoltà dei pugliesi

Dal 1970 ad oggi abbiamo avuto 16 presidenti regionali in Puglia. Dopo il grave disastro sulla ferrovia a binario unico Andria-Corato che, come ha scritto la Gazzetta, ha scatenato l’inferno con 23 morti e più di 50 feriti, viene spontaneo chiedersi che cosa hanno fatto in 46 anni le Regioni per migliorare la rete ferroviaria locale e la rete stradale. Cosa sono riusciti a realizzare?
Per non parlare poi della Matera-Altamura che non funziona nei giorni festivi e sulla quale si muovono a passo di lumaca i vecchi ed inquinatissimi Fiat diesel a due e quattro vagoni delle Fal, le Ferrovie Appulo Lucane, tra olivi, mandorli e campi di grano fino al capoluogo, su un binario a scartamento ridotto, uno dei pochi che non è stato smantellato dopo la Seconda guerra mondiale. Venne inaugurato nel 1915.
Una cosa è certa, che se si fosse realizzato il doppio binario come era ormai programmato da anni, non avremmo avuto tanti morti e tanti feriti.
In questi giorni poi in piena estate con i turisti che sono già arrivati, si parla di sistemare l’autostrada dei trulli.
Tra i presidenti regionali ce n’è uno che ha anche la responsabilità della situazione critica della Fiera del Levante.

Silvio Panaro, Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie