Lunedì 27 Gennaio 2020 | 04:13

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato. Alle 15 la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatESERCITO
Barletta, tutti di corsa per la "Toro Ten"1.300 partecipano alla gara con le stellette

Barletta, tutti di corsa per la «Toro Ten»
1.300 partecipano alla gara con le stellette

 
HomeLa tragedia
San Severo, muore travolto da auto sulla statale 16

San Severo, muore travolto da auto sulla statale 16

 
HomeAggressione
Bari, autista Amtab picchiato: aveva chiesto a due ragazzi di non fumare sull'autobus

Bari, autista Amtab picchiato: aveva chiesto a due ragazzi di non fumare sull'autobus

 
TarantoL'inchiesta
Taranto, falsi steward allo stadio: chiesto giudizio per 68

Taranto, falsi steward allo stadio: chiesto giudizio per 68

 
BrindisiIn piazza
Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

 
PotenzaCittà europea dello sport 2021
Potenza, quando Donato Sabia ci portò alle Olimpiadi: il video saluto

Potenza, quando Donato Sabia ci portò alle Olimpiadi: il video saluto

 
LecceIl video
San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

 
MateraSolidarietà
«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

 

i più letti

LETTERE ALLA GAZZETTA

Quelle cicale nelle campagne di Andria e Corato

Cicale di Puglia. Ce le ricordiamo tutti le cicale che, nella nostra infanzia, accompagnavano le passeggiate in bicicletta sui sentieri polverosi, quando le vacanze si passavano nelle assolate campagne pugliesi, ed allietavano la siesta pomeridiana. Chi l’avrebbe mai detto che, oggi, avrebbero fatto da sottofondo alla disperazione dei parenti delle vittime o ai lamenti dei sopravvissuti! Quelle cicale nelle campagne tra Andria e Corato, quegli ulivi, quel sole feroce ci riportano alla comune appartenenza a questa terra arsa, quel sangue è il nostro sangue, quei lutti sono il nostro lutto. Quelle cicale, perenni testimoni delle nostre gioie e dei nostri dolori, continuano a frinire sul crudele destino di chi viaggiava su quei treni che, dal 1882, su quella tratta, hanno trasportato intere generazioni, milioni di persone, senza che mai fosse successo niente.

Francesco Berardino, Foggia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie