Lunedì 24 Febbraio 2020 | 10:11

Il Biancorosso

Calcio
Cavese-Bari: la diretta della partita

Bari, solo un punto con la Cavese

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLa decisione
Covid-19, da ospedale di San Giovanni Rotondo stop alle visite dei pellegrini

Covid-19, da ospedale di San Giovanni Rotondo stop alle visite dei pellegrini

 
BatI dati
Turismo culturale: la Bat sul podio pugliese

Turismo culturale: la Bat sul podio pugliese

 
BariCoronavirus
Bari, psicosi da contagio, dott.ssa Caselli: «Niente panico, i bimbi sono meno colpiti dai virus»

Bari, psicosi da contagio, dott.ssa Caselli: «Niente panico, i bimbi sono meno colpiti dai virus»

 
LecceI controlli
Dal Lodigiano ad Andrano: sospetto contagio da Coronavirus a pranzo nuziale per famiglia salentina

Dal Lodigiano ad Andrano: sospetto contagio da Coronavirus a pranzo nuziale per famiglia salentina

 
PotenzaIl caso
Mafia, blitz dei carabinieri contro traffico di droga in Basilicata: 16 fermi

Mafia, blitz dei carabinieri contro traffico di droga in Basilicata: 16 fermi

 
Materale rassicurazioni
Nova Siri, sindaco: «Donna cinese in quarantena volontaria, anche l'uomo di Francavilla è stato in isolamento da noi»

Nova Siri, sindaco: «Donna cinese in quarantena volontaria, anche l'uomo di Francavilla è stato in isolamento da noi»

 
Brindisil'isolamento
S.Pancrazio Salentino, famiglia tornata dalla Cina: «Ecco la nostra quarantena»

Coronavirus, S.Pancrazio Salentino, famiglia tornata dalla Cina: «Ecco la nostra quarantena»

 

i più letti

LETTERE ALLA GAZZETTA

Quelle cicale nelle campagne di Andria e Corato

Cicale di Puglia. Ce le ricordiamo tutti le cicale che, nella nostra infanzia, accompagnavano le passeggiate in bicicletta sui sentieri polverosi, quando le vacanze si passavano nelle assolate campagne pugliesi, ed allietavano la siesta pomeridiana. Chi l’avrebbe mai detto che, oggi, avrebbero fatto da sottofondo alla disperazione dei parenti delle vittime o ai lamenti dei sopravvissuti! Quelle cicale nelle campagne tra Andria e Corato, quegli ulivi, quel sole feroce ci riportano alla comune appartenenza a questa terra arsa, quel sangue è il nostro sangue, quei lutti sono il nostro lutto. Quelle cicale, perenni testimoni delle nostre gioie e dei nostri dolori, continuano a frinire sul crudele destino di chi viaggiava su quei treni che, dal 1882, su quella tratta, hanno trasportato intere generazioni, milioni di persone, senza che mai fosse successo niente.

Francesco Berardino, Foggia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie