Lunedì 18 Febbraio 2019 | 09:35

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa protesta
A Trani un sit-in dei cittadini contro la chiusura dell’ospedale

A Trani un sit-in dei cittadini contro la chiusura dell’ospedale

 
BrindisiIl caso
Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

 
BariI retroscena
Bari, lo spacciatore di Madonnella ucciso per un affare sbagliato

Bari, lo spacciatore di Madonnella ucciso per un affare sbagliato

 
TarantoSi è impiccato
Taranto, si uccide in carcere 78ene che massacrò a coltellate la moglie a Trepuzzi

Taranto, si uccide in carcere 78enne che massacrò a coltellate la moglie a Trepuzzi

 
FoggiaLite sulle elezioni
San Severo, scazzottata nella sede della Lega per il candidato sindaco. Due espulsi, arriva il commissario

San Severo, rissa nella sede della Lega per il candidato sindaco. Il partito li caccia

 
LecceNel Leccese
Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 

LETTERE ALLA GAZZETTA

L'incredibile rinascimento del tatuaggio

Nella società globalizzante e totalizzante in cui viviamo, l’uomo cerca in tutti i modi di rincorrere la visibilità agli altri. Ecco perché diventa sempre più di moda il tatuaggio, praticato già nell’antichità per scopi differenti nelle diverse civiltà. I greci usavano tatuaggi per comunicare nel mondo dello spionaggio, i romani li usavano per segnare criminali e schiavi.
Per gli studiosi di psicologia, sociologia e antropologia, il tatuaggio è una specie di atto del pensiero che viene impresso sulla pelle e che rispecchia l’ansietà dell’uomo contemporaneo. Intorno a noi, è tutto un mondo di braccia, gambe, collo, volto decorati con le più strane figure.
Se è vero che si è di fronte al «rinascimento del tatuaggio», come afferma Fulvio Tassi nel libro omonimo, e che stilisti di fama mondiale abbinano le loro creazioni a modelle anoressiche tatuate, non facciamoci prendere dallo sconcerto, come fanno alcuni, di fronte al dilagare di un tale fenomeno, segno dei tempi! Ma, nel contempo, pur comprendendone le ragioni, non lasciamoci trascinare dai conseguenti prodotti consumistici immessi sul mercato!

Mario Conforti, Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400