Sabato 19 Gennaio 2019 | 11:15

LETTERE ALLA GAZZETTA

Nostalgia per il buon artigianato

Tra i mestieri non più praticati (seggiaro, ombrellaro, riammagliatrice di calze da donna, incollatore) v’è un poetico artigiano: l’arrotino.
Una persona competente nell’arrotare e modesto che si recava nei negozi commerciali delle macellerie e delle sartorie per affilare tutti i tipi di congegni dotati di lame.
In Matera, in una strada a ridosso del centro urbano, c’è una solenne scultura in bronzo alla sua arte dedicata.
Strada in cui vi sono altre sculture in bronzo intitolate alle Arti e mestieri di tempi andati, ormai in disuso.
Insomma una melancolia incurabile.

Vincenzo Ventrella, Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400