Martedì 28 Giugno 2022 | 05:37

In Puglia e Basilicata

Polizia locale

Bari, deposito abusivo di vecchi elettrodomestici e rifiuti pericolosi in zona Stanic: 5 denunce e sequestri

Le indagini sono scattate quando una pattuglia ha notato due uomini intenti a caricare su un vecchio furgone elettrodomestici nuovi ed imballati, tra cui frigoriferi e lavatrici

06 Giugno 2022

Redazione online

BARI - Gli agenti della polizia locale sono stati impegnati in una maxi operazione nella lotta alla gestione abusiva di rifiuti pericolosi e RAEE. Denunciate 5 persone e sequestrato un veicolo, insieme ad aree e depositi in zona Stanic a Bari.

Le indagini sono scattate quando una pattuglia ha notato due uomini intenti a caricare su un vecchio furgone elettrodomestici nuovi ed imballati, tra cui frigoriferi e lavatrici. Il veicolo era immatricolato ad uso proprio ed il proprietario del mezzo non risultava essere iscritto nell’Albo dei gestori Ambientali, requisito necessario. Quindi sono cominciati gli appostamenti e sono stati notati più volte gli stessi due soggetti intenti a caricare elettrodomestici nuovi (frigoriferi e lavatrici) sul medesimo autocarro ed eseguire consegne in diversi quartieri cittadini ritirando contestualmente gli apparecchi in disuso. Ogni giorno al termine delle consegne il veicolo si dirigeva all’interno di un suolo recintato nel quartiere Stanic e scaricava parte della merce trasportata.

A quel punto la polizia ha eseguito un'ispezione all'interno dell'area utilizzata come luogo di scarico: i due erano vicino a un box metallico dove stavano scaricando gli elettrodomestici vecchi. Il mezzo è stato sequestrato; i due sono risultati privi dell’autorizzazione per il trasporto per conto terzi, oltre che del contratto stipulato con la ditta committente la consegna e recupero dei vecchi elettrodomestici da smaltire, e senza iscrizione all’Albo Gestori Ambientali per la categoria prevista e documenti di trasporto dei RAEE.

Al conducente e proprietario del veicolo sono state contestate violazioni amministrative:

- perché trasportava altri rifiuti non pericolosi, costituiti da RAEE (lavatrici e cucine) senza i prescrittivi documenti di trasporto

- perché utilizzava un veicolo adibito ad uso proprio, per un uso diverso

- perché esercitava abusivamente l’attività di autotrasporto per conto terzi

Nell’area di scarico, gli agenti hanno identificato anche un uomo ed una donna di nazionalità straniera, titolari di una ditta di commercio all’ingrosso di prodotti non alimentari e locatari dell'intero complesso immobiliare, costituito da un piazzale di circa 3000 mq, da due locali deposito delle dimensioni complessive di mq 1.000 circa con 12 box.

All’interno del deposito venivano trovate ingenti quantità di rifiuti, anche pericolosi, costituiti da decine di balle incellophanate, contenenti stracci ed indumenti usati, pronti per la spedizione senza alcun trattamento preliminare, oltre un centinaio di RAEE, frigoriferi, lavatrici, condizionatori e televisori, numerosi rotoloni di moquette, materassi, il tutto ammassato in promiscuità, oltre che abbandonato in maniera incontrollata, pneumatici usati, decine di traversine ferroviarie in legno, pezzi di carrozzeria e parti di motori di veicoli. Tutto è stato sequestrato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725