Mercoledì 20 Marzo 2019 | 10:32

NEWS DALLA SEZIONE

La «Rendella»
Monopoli, la biblioteca è senza barriere grazie a una onlus

Monopoli, la biblioteca è senza barriere grazie a una onlus

 
Di Corrado Veneziani
Bari, per la giornate Fai apre la Banca d'Italia con mostra 500 anni di Leonardo

Bari, per le giornate Fai apre la Banca d'Italia con mostra 500 anni di Leonardo

 
Alla Casa del Popolo di Bari
Mister Ulivieri ricorda Maestrelli e si schiera: «Voterò la sinistra del noi»

Mister Ulivieri ricorda Maestrelli e si schiera: «Voterò la sinistra del noi»

 
L'operazione dei cc
Acquaviva, tenta di rapinare due farmacie con pistola giocattolo: arrestato

Acquaviva, tenta di rapinare due farmacie con pistola giocattolo: arrestato

 
Il caso
Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

 
L'iniziativa
Rifiuti, sindaco Modugno acquista app: mapperà la puzza

Rifiuti, sindaco Modugno acquista app: mapperà la puzza

 
Operazione dei Cc
Molfetta, «O mi paghi la droga o ti ammazzo»: in cella spacciatore-estorsore

Molfetta, «O mi paghi la droga o ti ammazzo»: in cella spacciatore-estorsore

 
Presi dai Cc
Putignano, fermati per controllo avevano coca e marijuana: in manette due incensurati

Putignano, fermati per controllo avevano coca e marijuana: in manette due incensurati

 
Violenze in famiglia
Terlizzi, maltratta genitori e convivente: in cella 31enne

Terlizzi, maltratta genitori e convivente: in cella 31enne

 
Dopo gli arresti
Bari, inchiesta scommesse: i Martiradonna verso il patteggiamento

Bari, inchiesta scommesse: i Martiradonna verso il patteggiamento

 
Udienza preliminare
Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

 

Il Biancorosso

Al San Nicola
Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni

Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni: il video

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceI dati
Unisalento, rettore: «Immatricolazioni cresciute del 7,5%»

Unisalento, rettore: «Immatricolazioni cresciute del 7,5%»

 
FoggiaDopo il restyling
Foggia, riapre il museo di storia naturale

Foggia, riapre il museo di storia naturale

 
BariLa «Rendella»
Monopoli, la biblioteca è senza barriere grazie a una onlus

Monopoli, la biblioteca è senza barriere grazie a una onlus

 
BatCasa Leopold
Un orfanotrofio per il Burundi: nel progetto una famiglia di Canosa

Un orfanotrofio per il Burundi: nel progetto una famiglia di Canosa

 
PotenzaLe previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 
MateraIl furto
Ferrandina: 2 leccesi rubano 2,5 quintali di cavi di rame

Ferrandina: 2 leccesi rubano 2,5 quintali di cavi di rame

 
TarantoL'operazione
Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

 
BrindisiL'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 

Nuova sede provvisoria

Trasloco al via: da lunedì la giustizia penale va a Poggiofranco

Tribunale inagibile, si va nell'ex palazzo Tim

Da qui, decimo piano della torre Telecom, nel futuro ufficio del procuratore della Repubblica di Bari Giuseppe Volpe, si riconoscono i piloni del ponte Adriatico. S’intravede quasi il vecchio Palazzo di Giustizia di via Nazariantz. Tempo due giorni e i primi scatoloni viaggeranno dall’edificio di fronte al cimitero, dichiarato inagibile e da sgomberare entro il 31 dicembre, direzione Poggiofranco, la nuova sede degli uffici giudiziari baresi. «Provvisoria», ovviamente, sino alla realizzazione del mitologico Polo della Giustizia. Tra un passato precario e un futuro da scrivere, il presente è qui. Pochi ritocchi ancora e sarà tutto pronto, almeno al decimo, nono, ottavo e settimo piano. «Abbiamo rispettato i tempi per consentire alla Procura della Repubblica di Bari di potersi trasferire», annunciano con orgoglio gli ingegneri Vincenzo Di Salvatore e Giuseppe Lamanna, direttori dei lavori. Il progetto è stato realizzato dallo studio associato C&V Di Salvatore.

Dagli impianti alla sanificazione, è tutto terminato. L’immobile, ricordiamo, si estende su una superficie lorda di circa 15mila metri quadrati, comprese le aree esterne. All’interno, prevalgono i colori tenui, bianco e beige, dalle pareti alle porte. Neri, gli infissi. Lunghi corridoi, una ventina di stanze per piano (almeno al decimo e al nono), i lavori di adeguamento della struttura sono stati eseguiti a tempi record, sulla base delle indicazioni del ministero della Giustizia. C’è odore di nuovo ovunque. 

«Nelle more della definizione del contratto di locazione - spiega la Nova RE SIIQ Spa, proprietaria del palazzo Telecom - la società aveva già avviato i lavori di personalizzazione e riqualificazione dell’immobile per adattarlo alle necessità del Tribunale e della Procura della Repubblica, che permetteranno di consegnare in tempi rapidi i primi uffici». 

Dunque, il trasloco inizia lunedì con i primi Pm che lasceranno via Nazariantz per raggiungere via Dioguardi. Gli scatoloni sono pronti. Il cronoprogramma è messo nero su bianco su un ordine di servizio della Procura. Il trasloco prevede quattro date, a partire dal 3 dicembre. L’ultimo step è fissato il 22 dicembre quando toccherà al procuratore Volpe, lasciare per ultimo l’edificio, “riconsegnandolo” idealmente all’Inail, proprietario della struttura.

Dopo il trasferimento dei magistrati e delle cancellerie della Procura, sarà la volta dei lavori più lunghi e invasivi che andranno avanti per tutto il primo semestre del 2019. Si tratta, più nel dettaglio, della realizzazione delle aule per le udienze penali, una decina in tutto. I piani quarto, quinto e sesto, saranno consegnati il primo gennaio 2019. Le altre superfici saranno utilizzate dal Ministero a partire dal primo aprile 2019. Nel piano interrato, il parcheggio lascerà spazio agli archivi, metà del Tribunale, metà della Procura. 

Almeno fino alla prossima primavera, la giustizia penale barese continuerà ad essere amministrata in cinque diverse sedi, con i magistrati inquirenti a Poggiofranco, gli uffici centralizzati della Procura e le cancellerie gip in via Brigata, le udienze preliminari a Bitonto, il Riesame in piazza De Nicola e il Tribunale a Modugno. Qui dove da poco i giudici si erano trasferiti, ci sarà da rifare ancora gli scatoloni. Destinazione Poggiofranco, la nuova casa della giustizia barese con vista sul passato.

(foto Luca Turi)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400